TiPress - foto d'archivio
CANTONE
16.03.21 - 18:270
Aggiornamento : 19:52

La discussione sulle molestie in RSI è più un botta e risposta

In Gran Consiglio non si è parlato tanto del tema, quanto della necessità di aprire una discussione generale

Manuele Bertoli: «Dire che il Governo "se ne frega" è falso, ma non abbiamo la competenza di intervento».

BELLINZONA - "Come mai il Governo tace?". Era questa la domanda della mozione presentata da Boris Bignasca (Lega) sul tema delle presunte molestie in RSI (sono arrivate 40 segnalazioni in totale) a cui il Consiglio di Stato, per bocca di Manuele Bertoli, ha oggi risposto che «certamente c’è un interesse, ma questo non vuol dire che ci sia una competenza di intervento». Perché neppure i membri della CORSI, nominati dal Consiglio di Stato, «hanno possibilità di intervenire nella gestione del personale dell'azienda». Una risposta che ha innescato la richiesta di discussione generale, accettata da 42 membri del Gran Consiglio (32 no e 2 astenuti).

E nell'aula di Bellinzona, divisi da plexiglass, i deputati hanno detto la loro. Anche se in realtà la discussione si è spostata più che altro proprio sulla possibilità di discuterne. È stato Paolo Ortelli (PLR) il primo a sollevare la questione: «Stiamo improvvisando una discussione per la quale non ci siamo preparati e non siamo pronti a dare un segnale importante ai cittadini». Anna Biscossa e Fabrizio Sirica (PS) si sono detti d'accordo, sottolineando però che «il Gran Consiglio è dalla parte dei lavoratori e soprattutto chiede che tutte le aziende pongano particolare attenzione ai temi del rispetto». Matteo Pronzini (MPS), dal canto suo, ha parlato «dell'obbligo del Parlamento di alta vigilanza sul Consiglio di Stato, il cui DFE gestisce l’ispettorato del lavoro».

Per Fiorenzo Dadò (PPD) che il tema sia entrato in aula è «importante per dare un buon segnale, visto che qualche mese fa il Gran Consiglio ha voluto dire al paese che di fronte a situazioni di questo genere la politica non vuole approfondire» (con riferimento al "no" alla commissione parlamentare d'inchiesta nel caso dell'ex dipendente del DSS, ndr.). Sabrina Aldi (Lega) ha preso le distanze da chi dice che parlare di "inchiesta in corso" «equivale a mettere il bavaglio e non parlarne»: «Noi siamo lo specchio del paese e continuiamo a non voler parlare di temi importanti. Oggi, qui in aula, stiamo guardando le vittime e stiamo dicendo loro "uscite allo scoperto perché siamo pronti ad ascoltarvi"». 

I socialisti Ivo Durisch, Nicola Corti e Raoul Ghisletta hanno quindi ricordato «una mozione» e «un messaggio fermo in commissione» che «bisogna portare avanti per fare un'azione pratica». Paolo Pamini (UDC) ha proposto di «estendere la discussione dalla RSI all’Amministrazione cantonale», in quanto «c’è un vero problema di disagio sul posto di lavoro».

Insomma, in aula si è creato più un botta e risposta che non una discussione sul tema. «Smettiamola di strumentalizzare questi temi in questo gremio. Quando si è testimoni di una strumentalizzazione così, alle vittime passa la voglia di denunciare», ha dichiarato Roberta Passardi (PLR). La collega di partito, Alessandra Gianella, ha rincarato la dose dichiarandosi «stufa di sentire la morale sul fatto di essere sensibili». «Dopo due ore di discussione non vedo il valore aggiunto che è stato dato alla tematica» ha aggiunto.

La discussione generale si è infine conclusa con l'intento di occuparsi "davvero" del tema di molestie e mobbing sul posto di lavoro, ma senza un nulla di fatto. Il consigliere di Stato ha infine ribadito: «Dire che il Governo “se ne frega” è falso, semplicemente rispetta le regole. La competenza del Governo è di nominare 4 persone all’interno del Consiglio regionale della CORSI (composto da 25 persone). Siamo ben lontani da qualsiasi possibilità di sapere o influenzare chi deve sapere queste cose».

TiPress - foto d'archivio
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 2 mesi fa su tio
Probabilmente lo scopo era quello di far meditare sulla discussione mancata del clamoroso caso precedente, dove il tutto è stato insabbiato. Se non c'è la volontà di affrontare il problema...
Nmemo 2 mesi fa su tio
Bignasca fa discutere per marcare la sua presenza? Si sono passate ore senza decidere nulla poiché la competenza sta altrove. Il Parlamento è usato per una “montagna di parole”?
Tzozjlred 2 mesi fa su tio
Esprimo solidarietà al personale vittima di molestie. Purtroppo in luoghi di lavoro dove vige il principio di subordinazione come nei posti federali ma anche cantonali succedono spesso e volentieri queste situazioni ignobili. Le cause probabilmente sono da ricercare nell ignoranza, nel forte "sentimento " maschilista e purtroppo anche nella forte presenza di ruffiani e arrampicandosi di rango presenti. Si dovrebbe intervenire con una forte sensibilizzazione dall interno organizzando dei corsi specifici e chiaramente con sanzioni molto più severe sino al licenziamento senza attenuanti. Forse si dovrebbe abolire anche i vari scatti di aumenti che in quei luoghi di lavoro i contratti stabiliscono. Solo così si potrà finalmente porre fine a queste "carognate"
volabas56 2 mesi fa su tio
Finira' tutto come una bolla di sapone ; gli intoccabili esistono ancora.
ciapp 2 mesi fa su tio
ma che se la facciano fuori quelli della RSI i propri inciuci
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Quei 3'145 voti di differenza: «Non me l'aspettavo»
Lo scarto tra Mario Branda - rieletto sindaco di Bellinzona - e il municipale Simone Gianini è diventato più ampio
CANTONE
2 ore
Traffico dell'ascensione molto più intenso del previsto
Secondo Viasuisse i tempi di attesa, che al Gottardo hanno sfiorato le due ore, sono quasi al livello pre-pandemia.
CANTONE/CONFINE
2 ore
In mutande in dogana, commercianti in protesta a Ponte Tresa
Il malcontento viene dall'obbligo di presentare un test, mantenuto anche per i vaccinati, per entrare in Italia.
CANTONE
7 ore
Mario Branda è sindaco di Bellinzona
Nella capitale Branda ha raccolto 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Simone Gianini
VIDEO
CANTONE/SVIZZERA
8 ore
Per l'UDC la Svizzera del 2030 sarà questa
Problemi con l'acqua calda, difficoltà nel caricare un tablet e viaggi praticamente impossibili (non per i rifugiati).
CANTONE
9 ore
Sono 19 i nuovi contagi in Ticino, al ribasso i ricoveri
Nei nosocomi del nostro cantone si contano oggi un'ammissione e 2 dimessi. Una nuova classe in quarantena.
CANTONE
9 ore
In undici Comuni si sceglie il sindaco
La principale sfida è quella in corso a Bellinzona, dove il PLR Simone Gianini sfida il PS Mario Branda
CANTONE
11 ore
Verso lo sciopero femminista del 14 giugno: il programma ticinese
Vari eventi saranno organizzati a Bellinzona lungo l'intero pomeriggio
FOTO E VIDEO
BLENIO
23 ore
Auto in un burrone, morto il conducente
Il veicolo è uscito di strada in un tornante, facendo un volo di decine di metri.
CONFINE
1 gior
Dal peluche spunta un orologio d'oro
Un Ulysse Nardin San Marco è stato scoperto alla dogana di Oria Valsolda.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile