Archivio Tipress
COMANO
22.01.21 - 20:280
Aggiornamento : 22:17

Molestie all'ordine del giorno? La RSI non ci sta

L'azienda di Comano prende posizione a seguito delle dichiarazioni della presidente della sezione luganese del SSM

Nel comunicato assicura: «La RSI non ha mai cercato di imporre la composizione del pool di avvocati che condurrà le indagini»

COMANO - Donne umiliate, battute sessiste, abusi tenuti segreti. È questa la RSI descritta da Maria Chiara Fornari, presidente della sezione luganese del Sindacato svizzero dei massmedia (SSM) di Lugano, che in un'intervista rilasciata a Les Temps ha raccontato che negli studi di Comano «ci sono donne che vengono umiliate professionalmente e denigrate in pubblico».

Ma la RSI non ci sta e stasera prende posizione con un comunicato in cui «contesta e respinge le affermazioni della presidente SSM - Sezione Lugano che ritiene scorrette e offensive nei confronti non soltanto del Comitato direttivo, ma di tutto il personale RSI».

Dalle parole della presidente, si legge ancora nella nota, emerge un'immagine dell'azienda in cui «molestie sessuali, mobbing e bossing sembrano essere prassi all'ordine del giorno». La RSI sottolinea quindi che si tratta di un giudizio personale della presidente SSM. Un giudizio che la direzione respinge, «anche se avrebbe preferito attendere la conclusione delle indagini esterne indipendenti, del resto concordate con SSM, prima di prendere posizione».

Nell'intervista a Les Temps, Fornari ha inoltre dichiarato che per l'analisi dei casi di molestie la direzione RSI avrebbe voluto imporre un pool di avvocati «prevalentemente maschile». E anche qui l'azienda di Comano ribatte: «È ampiamente dimostrato come mai, in alcuna occasione e in alcuna forma, RSI abbia cercato di imporre a SSM la composizione del pool di avvocati che condurranno le indagini e, men che meno, i contenuti del relativo mandato». E aggiunge: «SSM non ha mai, né in occasione dei numerosi incontri con RSI né per iscritto, dedicato una sola parola all'inclusione nel pool di un'ulteriore rappresentante legale per assicurare il rispetto della parità di genere. Valutazione invece fatta dalla RSI».

La RSI osserva, inoltre, che nell'intervista a Les Temps la presidente SSM Lugano ha affermato che “il fenomeno del bossing c'è anche nei confronti del sindacato”: «Un'affermazione estremamente grave agli occhi della RSI, che ha già comunicato a SSM di volerla immediatamente approfondire e, se comprovata, di voler intraprendere tutti i passi che dovessero rendersi necessari per fare piena luce».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
ASCONA
1 ora
L'hotel Castello del Sole è il migliore di tutta la Svizzera
È la seconda volta che la struttura riceve il prestigioso riconoscimento della guida GaultMilliau.
MURALTO/LUGANO
2 ore
Spese folli, e pagava sempre lei
Processo per il delitto in hotel: ripercorse le ultime ore della "strana coppia". La cena, la discoteca, la cocaina.
CANTONE
3 ore
I tatuaggi, il lusso, il sesso, gli scatti d'ira e quella ragazza con tanti soldi
Morte in hotel: il 32enne accusato di avere ucciso una giovane inglese è davanti alla Corte delle assise criminali.
CANTONE
5 ore
Stabili positivi e ricoverati, ma c'è un nuovo morto
I pazienti Covid restano 19, di cui 7 si trovano in terapia intensiva.
CANTONE
6 ore
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane»
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
BELLINZONA
8 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
9 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
9 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
15 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
CANTONE
18 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile