Archivio Tipress
COMANO
22.01.21 - 20:280
Aggiornamento : 22:17

Molestie all'ordine del giorno? La RSI non ci sta

L'azienda di Comano prende posizione a seguito delle dichiarazioni della presidente della sezione luganese del SSM

Nel comunicato assicura: «La RSI non ha mai cercato di imporre la composizione del pool di avvocati che condurrà le indagini»

COMANO - Donne umiliate, battute sessiste, abusi tenuti segreti. È questa la RSI descritta da Maria Chiara Fornari, presidente della sezione luganese del Sindacato svizzero dei massmedia (SSM) di Lugano, che in un'intervista rilasciata a Les Temps ha raccontato che negli studi di Comano «ci sono donne che vengono umiliate professionalmente e denigrate in pubblico».

Ma la RSI non ci sta e stasera prende posizione con un comunicato in cui «contesta e respinge le affermazioni della presidente SSM - Sezione Lugano che ritiene scorrette e offensive nei confronti non soltanto del Comitato direttivo, ma di tutto il personale RSI».

Dalle parole della presidente, si legge ancora nella nota, emerge un'immagine dell'azienda in cui «molestie sessuali, mobbing e bossing sembrano essere prassi all'ordine del giorno». La RSI sottolinea quindi che si tratta di un giudizio personale della presidente SSM. Un giudizio che la direzione respinge, «anche se avrebbe preferito attendere la conclusione delle indagini esterne indipendenti, del resto concordate con SSM, prima di prendere posizione».

Nell'intervista a Les Temps, Fornari ha inoltre dichiarato che per l'analisi dei casi di molestie la direzione RSI avrebbe voluto imporre un pool di avvocati «prevalentemente maschile». E anche qui l'azienda di Comano ribatte: «È ampiamente dimostrato come mai, in alcuna occasione e in alcuna forma, RSI abbia cercato di imporre a SSM la composizione del pool di avvocati che condurranno le indagini e, men che meno, i contenuti del relativo mandato». E aggiunge: «SSM non ha mai, né in occasione dei numerosi incontri con RSI né per iscritto, dedicato una sola parola all'inclusione nel pool di un'ulteriore rappresentante legale per assicurare il rispetto della parità di genere. Valutazione invece fatta dalla RSI».

La RSI osserva, inoltre, che nell'intervista a Les Temps la presidente SSM Lugano ha affermato che “il fenomeno del bossing c'è anche nei confronti del sindacato”: «Un'affermazione estremamente grave agli occhi della RSI, che ha già comunicato a SSM di volerla immediatamente approfondire e, se comprovata, di voler intraprendere tutti i passi che dovessero rendersi necessari per fare piena luce».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
46 min
Pedaggi italiani, ticinesi nel mirino: «Meglio pagare»
Diversi automobilisti ricevono solleciti da Autostrade per l'Italia. L'avvocato: «Fare i furbi non conviene»
CANTONE
2 ore
«Se le cifre crescono ancora dovremo preoccuparci»
L'infettivologo Christian Garzoni sulla crescita dei positivi in Ticino: «Un'oscillazione da tenere d'occhio».
GIUBIASCO
4 ore
Sit-in per i lavoratori di DPD: «Condizioni insostenibili»
Esponenti del mondo politico esprimono solidarietà: «Occorre una soluzione».
CHIASSO
6 ore
Tenta di attraversare la frontiera con cinque chili di eroina in auto
La droga era nascosta nel veicolo, con targhe tedesche, in panetti da 500 grammi
CANTONE
7 ore
Il Ticino spinge BPS Suisse a un 2020 da record
Nonostante l'anno particolare, sono aumentati sia il risultato d'esercizio che l'utile
FOTO E VIDEO
CHIASSO
9 ore
Rapina in un distributore di benzina a Pedrinate
Due malviventi con il casco e armati di pistola hanno minacciato una commessa e un cliente facendosi consegnare i soldi.
BOSCO GURIN
10 ore
I comuni “riaprono” le piste a Bosco Gurin
È arrivato ampio appoggio anche dai privati, che daranno sostegno contro le «diatribe con Comune e Patriziato»
CANTONE
11 ore
Aumentano i positivi, 72 in 24 ore
Viene segnalata anche una nuova classe in quarantena presso il Liceo di Lugano 2.
LOCARNO
12 ore
La lezione del Municipio sul burkini. Divieto "bocciato"
Per l'Esecutivo la regolamentazione non sarebbe nemmeno conforme alla costituzione.
CANTONE
15 ore
«Sfiorata la reclusione per gli anziani»
Un anno di Covid sotto la lente di Giampaolo Cereghetti, presidente dell’ATTE: «Giovani non abituati all'incertezza».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile