TiPress - foto d'archivio
COMANO
02.02.21 - 21:090

Tweet di Canetta, insorge il sindacato

Il SSM chiede a Direzione generale, CORSI e CdA di intervenire «con la stessa fermezza usata in altri casi»

COMANO - Il "dossier molestie" in RSI è passato da Maurizio Canetta a Enrico Carpani (in attesa dell'arrivo di Mario Timbal) per volontà della direzione generale di SSR. Il motivo risiede in alcuni commenti del direttore a dei tweet, giudicati "inappropriati" lo scorso aprile e per i quali era finito anche di fronte alle Risorse umane. Ma al sindacato svizzero dei massmedia (SSM) le (doppie) scuse di Canetta non bastano.

«È inaccettabile - scrive il SSM - che colui che in passato ha deciso per gravi sanzioni nei confronti di altri dipendenti in casi simili si sia autoassolto in un primo tempo (quando i tweet sono stati segnalati da alcuni dipendenti), e si autoassolva ancora oggi pubblicamente, per messaggi di gravità indiscutibile e certamente lesivi della reputazione della RSI, ritenendo sufficienti le proprie scuse».

Il sindacato fa riferimento a casi in cui «alcune colleghe e colleghi, pur essendosi scusati pubblicamente e privatamente per messaggi o commenti giudicati impropri dalla RSI, sono stati sanzionati pesantemente, con sospensioni, riduzioni di stipendio, e anche con il licenziamento», come nel caso «di una madre con figli agli studi». Sono le linee guida della RSI a prevederlo, «nel rispetto del principio di proporzionalità»: «Tutti i collaboratori attivi sui social media diano prova di buon senso e correttezza e rispettino il dovere di lealtà nei confronti del datore di lavoro» evitando «che l'utilizzo dei social possa in qualche modo ledere gli interessi della RSI/SSR, pregiudicandone l’immagine e la reputazione o arrecando in altro modo danno l’azienda».

Il SSM si è quindi rivolto alla Direzione generale, alla CORSI, al consiglio d'amministrazione SSR affinché «intervengano con la stessa fermezza dimostrata in altri casi nell'applicazione delle norme«, per non «violare gravemente il principio di equità e di giustizia, e accettare che sia il giudicato (Maurizio Canetta, al beneficio della pensione a fine aprile, ndr.) a giudicare sé stesso». 

TOP NEWS Ticino
AIROLO
1 ora
Qui comincia il secondo Gottardo
Sono iniziati i lavori al tunnel autostradale tra Airolo e Göschenen. Ecco la road-map
BELLINZONA
6 ore
Migliaia di api uccise: «Cattiveria e stupidità non hanno limiti»
Il fatto è accaduto sui Monti di Marno, sopra a Carasso. L'apicoltore: «Sporgerò denuncia, ma non mollo e vado avanti».
CANTONE
15 ore
Tre condanne per gli scontri alla Valascia
Due ticinesi e un vodese si sono visto comminare una pena pecuniaria per i fatti avvenuti il 14 gennaio del 2018.
LUGANO
18 ore
Un testamento da 16 milioni, ma per il Tf è carta straccia
Dopo una battaglia durata decenni il Tribunale federale respinge un documento datato 1936 ritrovato in un cassetto
LOCARNO
20 ore
Festino alle medie, il docente licenziato ricorre al Tram
La decisione dell'ex insegnante di storia e italiano è stata comunicata dal suo legale, l'avvocato Carlo Borradori.
CANTONE
21 ore
Raddoppiano gli aiuti Ponte Covid
Da giugno l'importo massimo del primo richiedente sarà aumentato a 2'000 franchi.
LUGANO
21 ore
Giovane ammanettato al Maghetti, due agenti sotto accusa
Nei confronti di due poliziotti della Città di Lugano sono state proposte condanne a pene pecuniarie e multe.
FOTO
LUGANO
23 ore
Cristiano Ronaldo a Lugano in segreto
L'attaccante della Juventus sulle rive del Ceresio per uno spot. Non è passato inosservato.
CANTONE
1 gior
Sono 60 i nuovi positivi in Ticino, ma nessun decesso
Nei nosocomi ticinesi si contano attualmente 5 ammissioni e 5 dimissioni.
CANTONE
1 gior
Traffico e spaccio di cocaina, maxi operazione nelle Tre Valli
Partita nel 2018, l'inchiesta ha portato all'arresto di cinque persone e alla denuncia di una cinquantina di consumatori
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile