TiPress - foto d'archivio
COMANO
01.02.21 - 20:410
Aggiornamento : 02.02.21 - 20:48

Il "dossier molestie" passa di mano

Maurizio Canetta non se ne occuperà più, a causa di due tweet giudicati "inappropriati" risalenti allo scorso aprile

Enrico Carpani riferirà direttamente a Gilles Marchand.

COMANO - Due tweet di risposta con battute "sopra le righe". È questo il motivo che ha portato il presidente del consiglio di amministrazione della SSR Jean Michel Cina e il direttore generale Gilles Marchand a decidere di togliere il "dossier molestie" (segnalazioni di presunte molestie sessuali, mobbing e bossing) a Maurizio Canetta per metterlo nelle mani di Enrico Carpani. Lo riferisce la Regione.

I fatti risalgono allo scorso aprile. I contenuti dei tweet - "con intento scherzoso" - erano stati segnalati alle Risorse umane. Il direttore della RSI aveva riconosciuto l'errore, chiesto scusa ed eliminato le frasi inappropriate. Ma negli scorsi giorni qualcuno le ha ritirate fuori e le ha segnalate a SSR. Gilles Marchand ha quindi richiamato ufficialmente Maurizio Canetta per le parole "non consoni al ruolo e all'immagine" del direttore della RSI e ha deciso di togliergli la responsabilità del "dossier molestie". 

Una responsabilità - è bene precisarlo - che Canetta non avrà più solo per gli ultimi tre mesi che lo separano dalla pensione (gli subentrerà in aprile Mario Timbal) e che per il direttore «permette di portare avanti in modo sereno la discussione con il Sindacato svizzero dei massmedia (SSM) su un tema particolarmente sensibile come quello delle molestie e del mobbing».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIVA SAN VITALE
1 ora
«Sono semplicemente allibito»
Lo sfogo del proprietario del veicolo affondato nel Ceresio. «Ragazzate? Non è un'attenuante»
CANTONE
5 ore
«I ticinesi diffidenti all'inizio, ma poi aperti agli stranieri»
Il Delegato all'integrazione Attilio Cometta passa il testimone e traccia un suo personale bilancio
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
7 ore
Le macerie dell'ex Macello davanti al Governo
Una cinquantina di persone hanno protestato davanti a Palazzo delle Orsoline durante la seduta di Gran Consiglio.
VIDEO
RIVA SAN VITALE
10 ore
Ecco il video del furgone rubato e poi affondato nel lago
Il filmato immortala l'ultimo atto della "bravata" compiuta da un gruppo di giovani
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Chef premiati, c'è anche un ticinese
Si tratta di Lorenzo Albrici della Locanda Orico di Bellinzona
CANTONE 
11 ore
Una barriera in panne blocca l’inizio della seduta
Il malfunzionamento della sbarra ha impedito l’accesso al parcheggio riservato ai deputati
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
Dopo il temporale di ieri, ecco come proseguirà la settimana
L'ondata di caldo si è bruscamente interrotta grazie all'arrivo dei temporali.
CANTONE
15 ore
Coronavirus: in Ticino 19 casi nel weekend
Tranquillità negli ospedali, che ospitano ancora 3 pazienti affetti dalla malattia.
CANTONE
17 ore
«Sono cose che non vorresti mai vedere»
Incidenti mortali, suicidi, omicidi. Il Care Team cantonale ha lavorato duro durante la pandemia
MENDRISIO
19 ore
«È un caso isolato, il disagio sociale non c'entra»
Il capo dicastero sicurezza pubblica Samuel Maffi commenta i fatti accaduti venerdì notte nel parco di Villa Argentina.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile