GINEVRA
18.03.19 - 15:000

Altro bancomat Raiffeisen fatto esplodere nella notte

I malviventi non sono però riusciti a mettere le mani sul denaro

GINEVRA - Anche nel canton Ginevra, come in Ticino, le succursali di banche vicino al confine sono prese di mira da banditi dinamitardi. La scorsa notte ignoti hanno fatto esplodere un bancomat della Raiffeisen a Veyrier prima di fuggire verso la vicina Francia.

L'allarme è scattato stamane alle 04.37, ha indicato la portavoce della polizia ginevrina Joanna Matta, confermando informazioni della "Tribune de Genève". Secondo il giornale i malfattori - "parecchi individui" - non sono riusciti a mettere le mani sul denaro. A bordo di due auto sono fuggiti a mani vuote verso il confine, situato a pochi passi, prima dell'arrivo della polizia.

È stata subito avvertita anche la polizia francese ma gli agenti mobilitati non sono finora riusciti a mettere le manette ai fuggitivi.

Secondo quanto riferisce la "Tribune", i banditi hanno fatto saltare uno dei due bancomat della Raiffeisen, situati all'ingresso della banca. «I danni, visti da fuori, sono sorprendenti. Tutto è stato saccheggiato», ha indicato al giornale un lettore.

Il quotidiano rammenta altri fatti analoghi avvenuti nel cantone negli ultimi anni. Nel maggio 2016 era stata presa di mira l'UBS di Plan-Les-Ouates, nella stessa zona. All'inizio dello stesso anno era toccato alla Raiffeisen di Vésenaz, sulla sponda sinistra del lago Lemano. Nel 2015 erano stati almeno cinque i bancomat fatti saltare in aria nella zona al confine meridionale del cantone con la Francia, tra cui uno della stessa Raiffeisen ancora a Veyrier il 19 aprile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
2 ore
Tassista ucciso: tre arresti
Il fatto risale alla notte tra mercoledì e giovedì scorsi. Trovata l'arma del delitto
BERNA
2 ore
L'infermiera guarita: «Non ho più paura»
Non solo infezioni, ma anche guarigioni. E c'è chi, forte dei presunti anticorpi, si sente fuori pericolo
SVIZZERA
3 ore
«I giovani sono spaventati dall'isolamento»
In molti si rivolgono al servizio di consulenza della Pro Juventute. La Fondazione lancia una campagna di comunicazione
SVIZZERA
4 ore
Lidl premia i suoi dipendenti
La catena offre loro buoni per ringraziarli per «l'instancabile lavoro» prestato in questi momenti di emergenza.
SVIZZERA
5 ore
«Il sistema sanitario funziona bene. Le terapie intensive hanno ancora posti»
Koch: «La curva epidemica negli ultimi giorni è rimasta abbastanza costante»
SVIZZERA
6 ore
I top manager di ABB rinunciano a parte dello stipendio
La decisione è stata presa per alleggerire l'impatto della crisi dovuta al coronavirus
SVIZZERA
6 ore
Più di 15'000 casi in Svizzera
Rispetto a ieri si tratta di 1'201 malati in più. I decessi legati al Covid-19 sono invece quasi 300
SVIZZERA
6 ore
A metà aprile un hotel su 2 avrà difficoltà a pagare le bollette
Non ci sono più viaggiatori e le strutture ricettive stanno finendo i soldi
ARGOVIA
7 ore
Uccise la moglie e la cognata: chiesti vent'anni
I fatti sono avvenuti all'inizio del 2018 ad Hausen. L'accusato parla di legittima difesa
FOTOGALLERY
SVIZZERA
7 ore
Sulla nave 259 svizzeri: «Bloccati fino a maggio»
La Costa Deliziosa stava facendo il giro del mondo. L'odissea per tornare a casa
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile