GINEVRA
18.03.19 - 15:000

Altro bancomat Raiffeisen fatto esplodere nella notte

I malviventi non sono però riusciti a mettere le mani sul denaro

GINEVRA - Anche nel canton Ginevra, come in Ticino, le succursali di banche vicino al confine sono prese di mira da banditi dinamitardi. La scorsa notte ignoti hanno fatto esplodere un bancomat della Raiffeisen a Veyrier prima di fuggire verso la vicina Francia.

L'allarme è scattato stamane alle 04.37, ha indicato la portavoce della polizia ginevrina Joanna Matta, confermando informazioni della "Tribune de Genève". Secondo il giornale i malfattori - "parecchi individui" - non sono riusciti a mettere le mani sul denaro. A bordo di due auto sono fuggiti a mani vuote verso il confine, situato a pochi passi, prima dell'arrivo della polizia.

È stata subito avvertita anche la polizia francese ma gli agenti mobilitati non sono finora riusciti a mettere le manette ai fuggitivi.

Secondo quanto riferisce la "Tribune", i banditi hanno fatto saltare uno dei due bancomat della Raiffeisen, situati all'ingresso della banca. «I danni, visti da fuori, sono sorprendenti. Tutto è stato saccheggiato», ha indicato al giornale un lettore.

Il quotidiano rammenta altri fatti analoghi avvenuti nel cantone negli ultimi anni. Nel maggio 2016 era stata presa di mira l'UBS di Plan-Les-Ouates, nella stessa zona. All'inizio dello stesso anno era toccato alla Raiffeisen di Vésenaz, sulla sponda sinistra del lago Lemano. Nel 2015 erano stati almeno cinque i bancomat fatti saltare in aria nella zona al confine meridionale del cantone con la Francia, tra cui uno della stessa Raiffeisen ancora a Veyrier il 19 aprile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Da Wuhan a Lucerna passando per il Ticino... in gennaio
Il gruppo di turisti cinesi ha attraversato la Svizzera, anche in treno. Al rientro, quattro erano positivi al tampone
SVIZZERA
7 ore
Presto faremo le tasse via computer (e senza firma)?
Il Nazionale è d'accordo ma la discussione ora va agli Stati, fra i contrari c'è l'UDC che teme per la sicurezza
BERNA
7 ore
I manifestanti pro clima devono andarsene «entro mezzogiorno»
L'ordine arriva dal Municipio di Berna, in caso contrario i poliziotti c'è la possibilità che la polizia usi la forza
ZUGO
9 ore
Invia fatture (false) per 900'000 franchi, e loro gliele saldano
La cybertruffa ha ingannato la contabilità di un'azienda zughese, è bastato spedirle con il nome e cognome del capo
FOTO
BERNA
11 ore
La protesta in Piazza Federale non ha turbato la Sessione autunnale
Gli attivisti per il clima hanno affermato che non cercano lo scontro, piazza liberata per il mercato di domani
BERNA
11 ore
Il coronavirus limita la nostra libertà?
L'emergenza sanitaria ha cambiato radicalmente le nostre vite.
SVIZZERA
11 ore
Swiss, con l'orario invernale l'attività aumenterà meno del previsto
L'obiettivo era di arrivare a circa la metà del normale programma di volo
SVIZZERA
12 ore
Scendono gli averi a vista: è la prima volta da giugno
Da allora erano stati osservati 13 aumenti consecutivi, portando il parametro a un valore record di 704,1 miliardi
SVIZZERA
13 ore
Gli attivisti «non disturbino la sessione»
La Città di Berna prende posizione sulla manifestazione non autorizzata su piazza federale.
SVIZZERA
14 ore
Abbattuto il muro dei 50'000 casi
Il 3.96% dei tamponi effettuati tra venerdì e domenica è risultato positivo al Covid-19
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile