Ti Press
Il bancomat fatto esplodere ad Arzo
SVIZZERA
08.03.19 - 10:330
Aggiornamento : 12:56

E sono cinque: un altro bancomat Raiffeisen fatto esplodere nella notte

Il colpo effettuato le scorsa notte in Canton Ginevra è almeno il quinto di una serie di furti che sembrano avere molti punti in comune...

PUPLINGE - Ancora un bancomat fatto esplodere nella notte. Ancora di una filiale della banca Raiffeisen e ancora a ridosso del confine. Questa volta è successo in Canton Ginevra, a Puplinge. «Ho sentito un enorme frastuono», ha raccontato un residente a 20 Minutes. Erano le 3.25 e ha capito subito che non si trattasse di un tuono: «Ero così spaventato che non osavo aprire le imposte».

Quando finalmente ha preso coraggio, dopo aver sentito le sirene, diversi poliziotti si trovavano nei pressi della filiale Raiffeisen nel centro del villaggio. Uno o più o più malviventi avevano fatto saltare il bancomat situato all'esterno della banca, prima di darsi alla fuga. La portavoce della polizia di Ginevra Joanna Matta ha confermato l'attacco, perpetrato «o con del gas o con dell'esplosivo»

Il modo di agire dei malviventi ricordo molto da vicino quello usato settimana scorsa ad Alle, nel Canton Giura, o a Schönenbuch (Basilea Campagna), solamente tre giorni prima. Nel mese di novembre era invece stato il nostro Cantone, e più precisamente il Mendrisiotto, a venir preso di mira. Dapprima i ladri avevano colpito un bancomat di Coldrerio, una settimana dopo si erano spostati ad Arzo.


Ti Press
Il bancomat fatto esplodere ad Arzo

Al momento non è chiaro se tutti questi colpi abbiano un nesso tra di loro - gli autori siano gli stessi - o se il modus operandi simile sia solamente frutto del caso. Una domanda però sorge spontanea: perché sempre un bancomat Raiffeisen?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
8 sec
Crediti Covid: presunta frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
16 min
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
1 ora
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
2 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
2 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
3 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
SVIZZERA
16 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
GINEVRA
17 ore
Altra partitella "selvaggia", allontanate 300 persone
La polizia cantonale è intervenuta oggi al centro sportivo di Vessy.
SVIZZERA
20 ore
L'ufficio di casa te lo paga il datore di lavoro
Una recente decisione del Tribunale federale potrebbe fare scuola.
SVIZZERA
22 ore
Coronavirus: 11 casi in più, nessun decesso
Il numero dei casi positivi accertati nel nostro Paese sale a 30'736. I morti restano 1'641
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile