Tipress
+2
NOVAGGIO
14.03.19 - 11:330
Aggiornamento : 14:47

A fare il botto in tre: rubate alcune decine di migliaia di franchi

Nuovi dettagli sul bancomat esploso stanotte. I malviventi hanno rubato un'auto poi ritrovata in zona. Il portavoce Raiffeisen parla delle contromisure: «Equilibrate per non danneggiare la clientela»

NOVAGGIO - Hanno agito in tre persone. E si sono spostati a bordo di un’auto rubata in zona e ritrovata in zona. Si mettono a fuoco i contorni del colpo avvenuto questa notte ai danni del bancomat di Novaggio. Un colpo col botto, ma non altrettanto il bottino: i malviventi si sarebbero impossessati di alcune decine di migliaia di franchi. Il rifornimento che la banca Raiffeisen aveva messo in pancia all’apparecchio per la clientela notturna.

Stesse modalità - L’ora fatidica per il botto è quasi sempre la stessa: tra le 2 e le 3 di notte. E non è un fenomeno tutto ticinese. L’ultimo caso, solo pochi giorni fa, a Puplinge nel canton Ginevra, mentre a febbraio sono stati fatti esplodere i bancomat a Schönenbuch (Basilea Campagna) e Alle (canton Giura). Stesso orario, e stessa banca: la Raiffeisen ed è quasi inevitabile poiché la cooperativa è quella che fa della ramificazione sul territorio (anche nelle zone più periferiche) una propria caratteristica.

Il terzo colpo in pochi mesi - In Ticino, con Novaggio, è il terzo caso: dopo i colpi a Coldrerio, il 23 novembre, con bottino stimato tra 200 e 300 mila franchi e ad Arzo, il 30 novembre. Un quarto colpo, nella notte del 6 febbraio all’interno del supermercato Migros di Taverne, presenta caratteristiche differenti: vetrata esterna infranta e banconote macchiate dallo speciale inchiostro verde rilasciato dall'apparecchio forzato dai ladri.

Le contromisure - Coloranti a parte, contro le bande dell’esplosivo ci si arma anche in modo drastico, come ricorda Gian Luca Cantarelli, addetto stampa di Raiffeisen Svizzera: «Le banche Raiffeisen del Mendrisiotto hanno adottato la contromisura per cui nelle ore notturne, e in alcuni momenti del fine settimana, non vengono lasciate banconote all’interno dei bancomat. Ma è la singola banca che sa cosa provoca la chiusura notturna in base all’utilizzo esistente».

Il danno è il vero problema - Come dire, anche nelle contromisure ci vuole misura, per non danneggiare la clientela abituata a rifornire il proprio portafoglio 24 ore su 24. Dopodiché per le banche, «che sono assicurate - precisa il portavoce - il vero problema resta il danno materiale che per un certo periodo rende inagibile il servizio con disagi nei confronti dell’utenza e del personale stesso della banca». Sebbene la vulnerabilità dei bancomat (soprattutto nelle zone discoste) pare ormai un dato di fatto, gli istituti presi di mira sono alla costante ricerca di contromosse: «C’è un gruppo di coordinamento, non solo della Banca Raiffeisen, ma di tutti i responsabili della sicurezza delle varie banche che si aggiornano in base a nuove soluzioni e tecnologie da adottare...» dice Cantarelli.

Tipress
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Senza misure niente deroga»
L’OCST controllerà l’applicazione rigorosa delle norme a protezione della salute dei lavoratori
CANTONE
1 ora
Disinfettanti prodotti “in casa” e gratis
Paolo Rezzonico utilizza il suo birrificio per produrre etanolo a partire da tre semplici ingredienti
CANTONE
3 ore
Le reclute di Losone «pronte per un'eventuale chiamata»
I neoformati del corso di sanitari d'unità «potranno entrare in servizio se necessario» a partire dal prossimo 3 aprile
CANTONE
4 ore
Tutto chiuso fino al 5 aprile
Il presidente del Consiglio di Stato chiarisce l'ok arrivato da Berna allo stop delle attività commerciali e produttive.
BERNA
7 ore
Limitazioni o cessazione delle attività, arriva l'ok da Berna
L'autorizzazione può essere prorogata fino al 5 aprile
CANTONE
9 ore
Pronzini: «Aziende che lavorano... grazie agli amici?»
Il deputato Mps solleva ulteriori interrogativi sui trasporti di ghiaia in Val Bavona
CANTONE
9 ore
I contagi aumentano ancora, ma un po' meno: altri 39 casi
Nelle ultime ventiquattro ore i malati sono arrivati a quota 1'727. E i morti complessivi legati al Covid-19 sono 87
CANTONE
11 ore
Colpo di coda dell'inverno
Sono stati giorni con temperature che normalmente si registrano a fine gennaio.
GRIGIONI
19 ore
Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»
Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».
SONDAGGIO
CANTONE
21 ore
Quarantena: arriva il consultorio per la coppia ticinese che scoppia
Risponderà da Locarno e Mendrisio e promette un aiuto per affrontare la convivenza forzata.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile