Immobili
Veicoli
Keystone
ITALIA / SVIZZERA
15.08.18 - 12:460
Aggiornamento : 15:18

«Un crollo come a Genova? Da noi sarebbe quasi impossibile»

Secondo gli esperti del settore i ponti svizzeri degli anni '60 sono sicuri: «Vengono sottoposti a ispezioni regolari e approfondite. Possono essere utilizzati per 75-90 anni»

BERNA - I ponti svizzeri degli anni '60 non rappresentano un pericolo particolare: sono sottoposti a ispezioni regolari approfondite almeno ogni cinque anni, afferma Jürg Röthlisberger, direttore dell'Ufficio federale delle strade (Ustra), interpellato dopo la catastrofe di Genova.

Anche in Svizzera ci sono ponti e viadotti degli anni '60, ma per Röthlisberger non costituiscono un problema maggiore rispetto a quelli più recenti: «Non ci sono ponti vecchi o moderni. L'essenziale sta nella manutenzione continua di queste infrastrutture», ha spiegato ieri sera l'alto funzionario interpellato dalla rubrica informativa "10 vor 10" della televisione svizzerotedesca SRF.

Le strutture degli anni '60 sono adattate alle nuove norme di sicurezza, ha detto Röthlisberger. Secondo il direttore dell'Ustra anche in Italia questo avviene, «ma è forse una questione di finanziamento».

Un'opinione condivisa da Eugen Brühwiler, responsabile del Laboratorio di manutenzione, costruzione e sicurezza dei manufatti al Politecnico federale di Losanna (EPFL), interrogato dalla tv romanda RTS. Il viadotto crollato di Genova - ha aggiunto - era noto per la sua vulnerabilità e richiedeva un lavoro di manutenzione corrispondente.

«I colleghi italiani conoscono benissimo i problemi che pongono i loro viadotti. Ma resta la domanda: intervengono al momento opportuno?» In Svizzera, nelle ispezioni approfondite condotte ogni cinque anni almeno sono esaminati gli aspetti più critici della costruzione, in particolare i giunti di dilatazione. In questo modo si possono adattare le infrastrutture sottoposte a carichi sempre più pesanti.

Per il portavoce dell'Ustra Thomas Rohrbach un cedimento strutturale come quello di Genova «da noi, con una verosimiglianza prossima alla certezza, è impossibile, per lo meno in circostanze normali», ossia facendo astrazione da possibili gravi catastrofi naturali come terremoti o frane. Oltre alle ispezioni quinquennali - ha detto al "Blick" - «i nostri dipendenti sulle autostrade guardano ogni giorno se sui ponti siano visibili danni strutturali». «I nostri ponti - ha detto ancora Rohrbach a "20 Minuten" - hanno in media 40 anni, con una buona manutenzione possono essere utilizzati per 75-90 anni».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
43 min
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
BERNA
4 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
4 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
4 ore
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
SVIZZERA
5 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
7 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
7 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
8 ore
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
9 ore
Una miocardite che è già un caso
La velocista vodese Sarah Atcho al centro delle polemiche dopo aver raccontato di essersi ammalata dopo il vaccino
SVIZZERA
9 ore
«Come un jackpot a Las Vegas»
Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile