Keystone
ITALIA
15.08.18 - 14:210
Aggiornamento : 15:53

Raccolta rifiuti in crisi dopo il crollo

L'unico compattatore al servizio di quella zona della città è stato distrutto dal collasso del viadotto

GENOVA - Il crollo di ponte Morandi provocherà gravi ripercussioni nella raccolta dei rifiuti nel Ponente di Genova.

L'unico compattatore dei rifiuti al servizio di quella zona della città è stato distrutto dal crollo del ponte insieme agli automezzi dell'azienda Amiu presenti nel deposito dove sono morti due lavoratori.

La macchina serviva a compattare i rifiuti prima di andare in discarica. «La Regione è al lavoro per trovare un'alternativa», dice il governatore Giovanni Toti. Il disastro e il Ferragosto hanno già fatto saltare numerosi turni di raccolta.

Il Comune di Genova e Amiu hanno già interessato Regione e Governo affinché venga fornito un supporto per superare il momento di emergenza. Amiu, dal canto suo, sta ponendo in essere - fin dal verificarsi dell'evento - tutte le azioni possibili per riorganizzare il sevizio e limitare al massimo i disagi per la popolazione. «Si invitano i cittadini, tenuto conto del momento particolarmente delicato, di limitare - per quanto possibile - il conferimento di rifiuti nei prossimi giorni e di differenziare con la maggior cura possibile i rifiuti stessi per attenuare l'impatto di questa emergenza».

TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora

Offende una donna di colore in spiaggia, denunciato

È accaduto a Chioggia. A urlare col megafono dello stabilimento insulti contro la donna, l’ex gestore della spiaggia di Punta Canna, già indagato in passato per apologia del fascismo

STATI UNITI
10 ore

Falsi account in Cina eliminati da Twitter e Facebook

Miravano a seminare «discordia politica» e a manipolare la prospettiva delle proteste di Hong Kong

ITALIA
10 ore

Il 112 e la geolocalizzazione che avrebbe potuto salvare Simon

Polemica sulla mancata introduzione dell'Advanced Mobile Location. La causa? Il conflitto tra i numeri d'emergenza 112 e 118

CILE
12 ore

Venduto a privati il centro di tortura Venda Sexy, è polemica

Il Consiglio dei Monumenti storici ha precisato di non essere stato informato della transazione. Si valuta un'azione legale

REGNO UNITO
12 ore

Il video che inchioda il principe Andrea, era a casa di Epstein

Il duca di York è finito nella bufera per la sua amicizia con il finanziere suicida e coinvolto già dal 2008 in uno scandalo per abusi sessuali e sfruttamento della prostituzione minorile

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile