TiPress - foto d'archivio
CANTONE
21.09.20 - 08:580

26 assunzioni all’Ufficio della migrazione, scatta l’interpellanza

Il gruppo MPS-POP-Indipendenti si rivolge al Consiglio di Stato per avere spiegazioni

BELLINZONA - «Una brigata agli ordini del tenente colonnello Norman Gobbi?». È con questa domanda che il gruppo MPS-POP-Indipendenti domanda lumi al Governo cantonale in merito all’assunzione, a fine luglio, di 26 collaboratori presso l’Ufficio della migrazione di Bellinzona.

Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori fanno riferimento in particolare al servizio della trasmissione Falò della Rsi andato in onda il 3 settembre da cui emerge un’applicazione molto restrittiva della legge sulla migrazione. Il direttore del Dipartimento delle Istituzioni, Norman Gobbi, aveva affermato di non amare l'attuale Legge sul rilascio dei permessi e di volerla quindi applicare nel modo più restrittivo possibile. 

Considerate le ben 26 assunzioni presso l’Ufficio di Bellinzona, il gruppo MPS-POP-Indipendenti chiede al Consiglio di Stato quali sono le ragioni «di un numero così cospicuo di collaboratrici e collaboratori» e «quali sono i compiti loro assegnati».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
Ajla va come un treno
L'atleta ticinese scelta come testimonial della Ferrovia Centovallina.
CANTONE
1 ora
Altri 214 contagi e cinque morti in Ticino
L'andamento della pandemia nel nostro cantone rimane «seria», ma abbastanza stabile.
FOTO
CANTONE
4 ore
«Quella volta che incontrai Diego a Buenos Aires»
Nel cuore di Maradona c’è sempre stato uno spazio di riguardo per il nostro paese, dove ha soggiornato con le sue figlie.
CANTONE
5 ore
«Solo il 5.7% dei soccorritori ha contratto la malattia»
Il direttore sanitario della Croce Verde luganese ci ha indicato i protocolli per garantire la sicurezza degli operatori
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
14 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
18 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
19 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
19 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
21 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile