tipress
CANTONE
08.09.20 - 14:570
Aggiornamento : 16:44

Anche il Plr si innervosisce

Norman Gobbi nel mirino. Nel suo Dipartimento «una cultura del sospetto» che non piace ai liberali

BELLINZONA - Continuano a far discutere le dichiarazioni rilasciate da Norman Gobbi nei giorni scorsi, a proposito del "giro di vite" sugli stranieri in Ticino. Il tema - già sollevato in passato da tio.ch/20minuti - è stato oggetto settimana scorsa di un'inchiesta della trasmissione Falò della Rsi.

Il direttore del Dipartimento delle Istituzioni ha ricevuto una serie di critiche - dalla sinistra, ma non solo - ed è stato difeso per ora soltanto dall'Udc.  

Dopo Ps e Mps oggi è il Plr a intervenire nella polemica, con un'interrogazione presentata dal deputato Matteo Quadranti. Il partito liberale non si spinge a chiedere le dimissioni di Gobbi - come fatto invece dalla Gioventù socialista (GiSo) - ma chiede lumi sull'operato del consigliere di Stato, del suo Dipartimento e del governo. 

I liberali puntano il dito contro la «cultura del sospetto» che animerebbe la Sezione della Popolazione. «La politica dei permessi va ben oltre la tutela dell'ordine pubblico» scrivono i deputati PLR. Oltre al presunto «accanimento» nei confronti dei cittadini stranieri, i liberali sottolineano il fatto che «il servizio dei ricorsi del Consiglio di Stato dovrebbe essere un'istanza completamente indipendente» mentre «alla luce delle dichiarazioni di Gobbi, il servizio avrebbe ricevuto indicazioni dal governo sulle prassi da seguire». 

Di seguito le domande al Consiglio di Stato: 

- Il governo condivide e conferma le affermazioni del Consigliere di Stato Gobbi rilasciate alla trasmissione Falò del 3 settembre scorso?

- Vi sono indicazioni politiche date al Servizio dei ricorsi anche in altri ambiti sensibili per il cittadino (edilizia, appalti eccetera)?

- Nel caso si confermassero le istruzioni – suggerite o impartite – al Servizio dei ricorsi, non si ritiene che si scalfisca la fiducia del cittadino nei confronti di una via ricorsuale amministrativa che può essere condizionata dalla politica (e che comporta costi di tasse e spese oltre che patrocinio)?

- Circa le ispezioni personali e domiciliari degli stranieri investigati, il Governo si è posto la questione della legalità delle stesse e dei costi da esse generate? Non ritiene il Governo che siano più tutelati ipotetici autori di reati penali - per cui le perquisizioni e gli ascolti o videosorveglianze richiedono decisioni autorizzative e preventive di magistrati - che non persone senza ancora alcun indizio di reato, infrazione o contravvenzione? 

- Il Dipartimento delle istituzioni ha ricevuto segnalazioni – da parte di fiduciari, Comuni o altri attori – in merito a difficoltà e lungaggini per ottenere permessi per cittadini stranieri al di sopra di ogni sospetto e interessanti da accogliere sul nostro territorio?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
4 ore
Cucina in fiamme a Viganello
È accaduto questa sera in via Pedemonte. Pompieri e polizia sul posto
CANTONE
5 ore
«Perché noi no, e i bordelli sì?»
Locali a luci rosse di nuovo aperti in Ticino. Decisive le scelte federali. E ora c'è chi è furioso.
CANTONE
6 ore
«Non mi dimentico dei nervi della gente»
Il Covid-19 ci sta mettendo a dura prova. L'appello di Raffaele De Rosa, direttore del DSS: «Teniamo duro».
CANTONE
9 ore
Don Guanella, due focolai: 89 positivi
Le strutture colpite sono quelle di Maggia e Castel San Pietro. Contagiati 44 ospiti e 45 collaboratori. Sette i decessi
CANTONE
9 ore
Nessuna vacanza per i radar
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti durante la prossima settimana
BRISSAGO
10 ore
Sette positivi alla Clinica Hildebrand
Uno di questi si trova in isolamento. Gi altri sono stati trasferiti alla Carità.
CANTONE
10 ore
Halloween e vacanze scolastiche: ma attenti, il virus non se n'è andato
Il Governo invita la popolazione a rispettare le disposizioni anti-Covid. E i locali erotici possono riaprire
BELLINZONA
10 ore
«Ben 20'000 franchi di danni e non si scusano»
Ritrovate le persone a bordo dell'auto in fuga che nella notte tra sabato e domenica aveva causato un incidente.
CANTONE
11 ore
Il coronavirus annulla Espoprofessioni
La quattordicesima edizione dell'evento avrebbe dovuto avere luogo il prossimo marzo 2021
NOVAZZANO / CHIASSO
14 ore
Due “strane scoperte" in dogana
700 litri di olio non dichiarato a Ponte Faloppia. Armi e documenti contraffatti a Brogeda
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile