Ti-Press (Francesca Agosta)
+7
LUGANO
21.09.20 - 13:440
Aggiornamento : 14:20

Prima del Gran Consiglio, contro le politiche del DI di Gobbi

Presidio "antirazzista e per il rispetto dello stato di diritto", a partire dalle 12, davanti al Palazzo dei Congressi

LUGANO - Il post-estate del Gran Consiglio parte con una polemica. O meglio, l'occasione della prima seduta dopo la pausa è buona per far sentire la propria voce. Così un gruppo di persone si è dato appuntamento oggi davanti al Palazzo dei congressi, a partire da mezzogiorno, per manifestare il proprio dissenso.

L'argomento è ormai noto, se ne parla da settimane. Il 3 settembre la trasmissione Falò della Rsi è andata in onda con un servizio da cui emerge un’applicazione molto restrittiva della legge sulla migrazione, già sollevata in passato anche da Tio/20minuti. Il direttore del Dipartimento delle Istituzioni, Norman Gobbi, aveva affermato di non amare l'attuale Legge sul rilascio dei permessi e di volerla quindi applicare nel modo più restrittivo possibile. 

Per la giornata di oggi è quindi stato organizzato un «presidio antirazzista e per il rispetto dello stato di diritto». «Le politiche del DI, sostenute dal Governo cantonale, hanno sistematizzato una prassi tipica di uno stato di polizia, in totale spregio delle leggi, della giurisprudenza e di tutte le altre garanzie che ogni stato di diritto deve assicurare contro ogni abuso di potere», si legge nella presa di posizione firmata da Forum Alternativo, Giovani Verdi, GISO, MPS, Partito comunista, Partito socialista, Partito operaio e popolare, syndicom, Unia, USS, Verdi e VPOD.

Per i partecipanti al presidio, «la politica con lo scopo di precarizzare sempre di più le lavoratrici e lavoratori, colpendo per primi gli stranieri in modo da renderli più deboli e ricattabili» è «un attacco ai diritti di tutti» che punta ad «alimentare una guerra tra poveri, per indebolire quell'unità necessaria alla difesa degli interessi collettivi». Già nell'ottobre del 2017 centinaia di persone manifestarono a tal proposito. Ma «nulla è cambiato».

Ti-Press (Francesca Agosta)
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AIROLO
1 min
«Pronti a sciare da fine novembre»
La stagione bianca che verrà vista da Mauro Pini, direttore degli impianti di Airolo-Pesciüm
CHIASSO
1 ora
Delitto di via Valdani, padre e figlio rinviati a giudizio
Dovranno rispondere di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, e aggressione.
CANTONE
1 ora
«C'è preoccupazione per la durata della seconda ondata»
Da Bellinzona il DSS fa il punto della situazione e spiega gli adattamenti decisi per il prossimo futuro.
BELLINZONA
3 ore
«La polizia interferisce in modo sproporzionato e antidemocratico»
L’accusa arriva da ForumAlternativo, che pubblica su YouTube quanto accaduto martedì mattina
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Contagi e frontalieri: «È ora di limitare gli spostamenti?»
Piero Marchesi interroga le Camere federali sulla situazione ticinese
CANOBBIO
6 ore
Quattro classi in quarantena: «Ci vogliono misure urgenti»
I genitori degli allievi che frequentano le Medie di Canobbio sono preoccupati. E scrivono al Governo ticinese
CANTONE
7 ore
Secondo giorno sopra i 300 contagi, 5 nuove vittime
Sono 6'910 le persone risultate positive al test PCR da inizio pandemia. 361 i decessi
CANTONE
7 ore
A ridosso delle vacanze... altre tre classi in quarantena
La misura è stata adottata per allievi di tre diversi istituti scolastici ticinesi
LUGANO
8 ore
Appena iniziata, e già finita
Le nuove misure per contenere la pandemia prese dal Consiglio federale hanno bloccato Artecasa 2020 dopo poche ore.
CANTONE
10 ore
Il caso della corsa ai sussidi per imparare l'italiano
Il Cantone spende più del doppio del preventivato e blocca l'erogazione degli aiuti agli stranieri
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile