TiPress
LOCARNO
05.08.20 - 06:000

Parte il Pardo, ma la città se n'è (un po') dimenticata

Vetrine spoglie e strade "nude" per un'edizione speciale che è luogo d'incontro online, ma non trascura le sale.

Il presidente della Società commercianti: «È un anno difficile. Il Festival c'è, ma forse attorno si sono presi una pausa».

LOCARNO - «Siamo orfani di Piazza Grande» ha dichiarato la scorsa settimana il presidente del Locarno Film Festival, Marco Solari. Ma l'edizione 2020 c'è e «naviga tra il fisico e il digitale», come ha sottolineato la direttrice artistica Lili Hinstin. Il Festival prende il via oggi, mercoledì 5 agosto, ma sembra non ricevere la consueta accoglienza dalla città di Locarno.

Facendo un giro per le strade, infatti, si notano esercizi pubblici e vetrine insolitamente “incolore”. Niente giallo e nero (se non in Piazza Grande, dove è stata allestita la mostra fotografica), neppure l'ombra del famoso “pardato”.

Che Locarno abbia abbandonato il suo tradizionale attaccamento per il Festival? «Non credo - commenta Giovanni Caroni, presidente della Società commercianti, industriali e artigiani del Locarnese (SCIA) -. È solo un anno particolare. Anche il Locarno Film Festival in sé viene vissuto in un altro modo. L'approccio è diverso. Non so perché non ci sia stato coinvolgimento, ma tutto ciò che normalmente è legato al Festival, quest'anno non c'è».

Il coronavirus sembra aver rivoluzionato tutto. E gli strascichi della crisi economica che ha causato sono ben visibili. «Non ho una risposta ufficiale sul perché i negozi non si siano "vestiti" per il Pardo. Ma forse molti si sono presi una pausa, visto che devono già gestire una situazione difficile. È giusto che il Festival ci sia, per sostenere il cinema. Ma non ci si può aspettare che tutto quello che di solito gli ruota attorno sia presente. È un anno difficile e immagino che tutti abbiano avuto un approccio diverso». 

Eppure si tratta di un'edizione speciale. “For the Future of Films” porterà sugli schermi, grandi e piccoli, 121 film. Lo farà online, con 83 screenings accessibili in tutto il mondo, e in sala, «il luogo in cui i film devono vivere», con 103 proiezioni (40 premières e 63 repliche) in due cinema di Locarno – il PalaCinema e il GranRex – e in uno di Muralto, il PalaVideo.

Caroni guarda comunque al futuro con positività: «L'anno prossimo ci sarà sicuramente un'esplosione di colori» per tutta Locarno, che sarà tappezzata per il Pardo.

Se è vero che la pandemia di coronavirus ha cambiato tutto, e mancherà l'incontro a tu per tu di amanti del cinema provenienti da tutto il mondo, il Locarno Film Festival punta anche quest'anno a «non venire meno alle aspettative del pubblico, continuando a condividere con lui racconti, sguardi e visioni dei film».

TiPress
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / GERMANIA
6 ore
La Svizzera sulla “lista nera” tedesca: «Fosse capitato a luglio...»
C'è delusione ma non preoccupazione da parte del presidente di HotellerieSuisse Ticino per la misura della Germania
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
8 ore
Incidente sull'A2, un ferito
Si lamentano disagi al traffico, con la chiusura di una corsia
CANTONE
12 ore
"Securini" nel limbo, Gobbi: «Tutto è nelle mani delle Questure»
Il consigliere di Stato invita le agenzie di sicurezza e investigative a fare pressione sulle autorità italiane
CANTONE
14 ore
I cantoni latini invocano il mini-lockdown
Il Ticino e i cantoni francesi chiedono a Berna un inasprimento delle misure
FOTO E VIDEO
LUGANO
16 ore
Ecco i robot che prendono l'ascensore e portano i medicinali in tutto l'ospedale
Due mezzi autonomi della Posta sono entrati in servizio negli spazi del Civico di Lugano
VIDEO
BELLINZONA
17 ore
Tanto verde al posto delle Officine
È stato presentato questa mattina il progetto scelto quale base per la futura pianificazione del comparto.
CANTONE
18 ore
In Ticino superati i 5mila casi
Il bollettino giornaliero del medico cantonale. Sono 123 i nuovi positivi, 9 in più i ricoverati in ospedale
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
La Finma rivede al ribasso gli utili confiscati alla BSI
Dopo una rivalutazione più precisa, l'importo è stato ridotto da 95 a 70 milioni.
MENDRISIO
21 ore
Da Mendrisio a Catamayo per salvare le vite dei bimbi
Toglierli dalla strada, offrire loro una vita migliore grazie alla scuola e regalare dei sogni
FOTO
POLLEGIO
22 ore
Contro il muro con il furgone
L'incidente è avvenuto poco prima delle 23 di ieri sera a Pollegio, in via Cantonale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile