TiPress
LOCARNO
05.08.20 - 06:000

Parte il Pardo, ma la città se n'è (un po') dimenticata

Vetrine spoglie e strade "nude" per un'edizione speciale che è luogo d'incontro online, ma non trascura le sale.

Il presidente della Società commercianti: «È un anno difficile. Il Festival c'è, ma forse attorno si sono presi una pausa».

LOCARNO - «Siamo orfani di Piazza Grande» ha dichiarato la scorsa settimana il presidente del Locarno Film Festival, Marco Solari. Ma l'edizione 2020 c'è e «naviga tra il fisico e il digitale», come ha sottolineato la direttrice artistica Lili Hinstin. Il Festival prende il via oggi, mercoledì 5 agosto, ma sembra non ricevere la consueta accoglienza dalla città di Locarno.

Facendo un giro per le strade, infatti, si notano esercizi pubblici e vetrine insolitamente “incolore”. Niente giallo e nero (se non in Piazza Grande, dove è stata allestita la mostra fotografica), neppure l'ombra del famoso “pardato”.

Che Locarno abbia abbandonato il suo tradizionale attaccamento per il Festival? «Non credo - commenta Giovanni Caroni, presidente della Società commercianti, industriali e artigiani del Locarnese (SCIA) -. È solo un anno particolare. Anche il Locarno Film Festival in sé viene vissuto in un altro modo. L'approccio è diverso. Non so perché non ci sia stato coinvolgimento, ma tutto ciò che normalmente è legato al Festival, quest'anno non c'è».

Il coronavirus sembra aver rivoluzionato tutto. E gli strascichi della crisi economica che ha causato sono ben visibili. «Non ho una risposta ufficiale sul perché i negozi non si siano "vestiti" per il Pardo. Ma forse molti si sono presi una pausa, visto che devono già gestire una situazione difficile. È giusto che il Festival ci sia, per sostenere il cinema. Ma non ci si può aspettare che tutto quello che di solito gli ruota attorno sia presente. È un anno difficile e immagino che tutti abbiano avuto un approccio diverso». 

Eppure si tratta di un'edizione speciale. “For the Future of Films” porterà sugli schermi, grandi e piccoli, 121 film. Lo farà online, con 83 screenings accessibili in tutto il mondo, e in sala, «il luogo in cui i film devono vivere», con 103 proiezioni (40 premières e 63 repliche) in due cinema di Locarno – il PalaCinema e il GranRex – e in uno di Muralto, il PalaVideo.

Caroni guarda comunque al futuro con positività: «L'anno prossimo ci sarà sicuramente un'esplosione di colori» per tutta Locarno, che sarà tappezzata per il Pardo.

Se è vero che la pandemia di coronavirus ha cambiato tutto, e mancherà l'incontro a tu per tu di amanti del cinema provenienti da tutto il mondo, il Locarno Film Festival punta anche quest'anno a «non venire meno alle aspettative del pubblico, continuando a condividere con lui racconti, sguardi e visioni dei film».

TiPress
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
37 min
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
LUGANO
3 ore
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
CANTONE
4 ore
Semine e Locarno, nessun arbitro per tre settimane
La Commissione arbitrale della FTC ha deciso che non invierà fischietti fino al 10 ottobre.
FOTO
LOCARNO
8 ore
Tutto il Fevi in piedi per la “sua” Loredana
Un fortissimo e caloroso abbraccio ha stretto il pubblico locarnese alla cantante.
BELLINZONA
11 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
13 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
MENDRISIO
1 gior
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
1 gior
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
1 gior
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile