TiPress
LOCARNO
05.08.20 - 06:000

Parte il Pardo, ma la città se n'è (un po') dimenticata

Vetrine spoglie e strade "nude" per un'edizione speciale che è luogo d'incontro online, ma non trascura le sale.

Il presidente della Società commercianti: «È un anno difficile. Il Festival c'è, ma forse attorno si sono presi una pausa».

LOCARNO - «Siamo orfani di Piazza Grande» ha dichiarato la scorsa settimana il presidente del Locarno Film Festival, Marco Solari. Ma l'edizione 2020 c'è e «naviga tra il fisico e il digitale», come ha sottolineato la direttrice artistica Lili Hinstin. Il Festival prende il via oggi, mercoledì 5 agosto, ma sembra non ricevere la consueta accoglienza dalla città di Locarno.

Facendo un giro per le strade, infatti, si notano esercizi pubblici e vetrine insolitamente “incolore”. Niente giallo e nero (se non in Piazza Grande, dove è stata allestita la mostra fotografica), neppure l'ombra del famoso “pardato”.

Che Locarno abbia abbandonato il suo tradizionale attaccamento per il Festival? «Non credo - commenta Giovanni Caroni, presidente della Società commercianti, industriali e artigiani del Locarnese (SCIA) -. È solo un anno particolare. Anche il Locarno Film Festival in sé viene vissuto in un altro modo. L'approccio è diverso. Non so perché non ci sia stato coinvolgimento, ma tutto ciò che normalmente è legato al Festival, quest'anno non c'è».

Il coronavirus sembra aver rivoluzionato tutto. E gli strascichi della crisi economica che ha causato sono ben visibili. «Non ho una risposta ufficiale sul perché i negozi non si siano "vestiti" per il Pardo. Ma forse molti si sono presi una pausa, visto che devono già gestire una situazione difficile. È giusto che il Festival ci sia, per sostenere il cinema. Ma non ci si può aspettare che tutto quello che di solito gli ruota attorno sia presente. È un anno difficile e immagino che tutti abbiano avuto un approccio diverso». 

Eppure si tratta di un'edizione speciale. “For the Future of Films” porterà sugli schermi, grandi e piccoli, 121 film. Lo farà online, con 83 screenings accessibili in tutto il mondo, e in sala, «il luogo in cui i film devono vivere», con 103 proiezioni (40 premières e 63 repliche) in due cinema di Locarno – il PalaCinema e il GranRex – e in uno di Muralto, il PalaVideo.

Caroni guarda comunque al futuro con positività: «L'anno prossimo ci sarà sicuramente un'esplosione di colori» per tutta Locarno, che sarà tappezzata per il Pardo.

Se è vero che la pandemia di coronavirus ha cambiato tutto, e mancherà l'incontro a tu per tu di amanti del cinema provenienti da tutto il mondo, il Locarno Film Festival punta anche quest'anno a «non venire meno alle aspettative del pubblico, continuando a condividere con lui racconti, sguardi e visioni dei film».

TiPress
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
1 ora
L'acqua momò è potabile
Le Aziende industriali di Mendrisio rassicurano la popolazione sul pesticida clorotalonil
CANTONE
1 ora
Idrossiclorochina: «Mai applicare il fai-da-te con i medicamenti»
La richiesta di Plaquenil si è alzata a partire da marzo. Ma negli ultimi due mesi è tornata ai livelli pre-Covid.
BELLINZONA
3 ore
Paglia non pervenuto
Sorpassi di spesa: è arrivato l'esito dei due audit. Nessuna rilevanza penale, ma il municipale resta dimezzato
FOTO
CANTONE
4 ore
Mangia l'Amanita, luganese in coma
L'uomo ha ingerito delle muscarie. Ora si trova ricoverato al Civico di Lugano
VEZIA
5 ore
Volo di tre metri mentre taglia la siepe
Ferito un giardiniere 50enne del Luganese.
LOSONE
6 ore
Covid-19 alle Medie di Losone, revocata la quarantena di classe
Il provvedimento non è più ritenuto necessario. Ma altri compagni valuteranno se sottoporsi al tampone
CANTONE / ITALIA
7 ore
Col pulmino italiano per venire a comprare l'idrossiclorochina
Repubblica parla di un fenomeno a quanto pare in crescita nel nostro cantone.
CANTONE
7 ore
Premio casse malati: «Ennesima stangata per il Ticino»
Il consigliere nazionale UDC Piero Marchesi indirizza un'interrogazione al Consiglio federale.
CANTONE
8 ore
Altri sei contagi, nessun nuovo ricovero
I pazienti in ospedale a causa del coronavirus rimangono due (nessun intubato).
CANTONE
10 ore
«Ho una targa che scotta»
Un mistero irrisolto dagli anni di piombo: la pista porta... a una ditta di pulizie del Bellinzonese
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile