TiPress - foto d'archivio
CANTONE
27.07.20 - 13:000

Il Locarno Film Festival entra all'università

A breve il concorso per l'assunzione di un professore per la riflessione sul futuro del cinema e dei festival.

La cattedra sarà nominata “Locarno Film Festival Professor for the Future of Cinema and Audiovisual Arts”.

LOCARNO - Una cattedra dedicata alla riflessione teorica sul futuro del cinema e dei festival cinematografici. È questa la novità frutto della collaborazione tra il Locarno Film Festival e l'Università delle svizzera italiana (USI).

Con "Locarno 2020 – For the Future of Films" verrà creata presso la Facoltà di comunicazione, cultura e società una posizione di professore/professoressa che, operando tanto in ambito accademico quanto in stretto rapporto con il Festival stesso, si farà vettore di riflessione, ricerca e insegnamento sul futuro della settima arte e della sua diffusione.

«L'incontro tra USI e il Festival si concretizza attraverso la condivisione di un profilo accademico internazionale, che renderà ancora più fertile la riflessione sulle prospettive strategiche del Festival» fa sapere il presidente Marco Solari. Per il rettore Boas Erez, si tratta di una collaborazione importante, perché «nel XXI secolo la conoscenza non si trova solo negli istituti di ricerca, è diffusa più largamente nella società».

La figura ricercata avrà un accesso privilegiato al lavoro del Locarno Film Festival, contribuendo in modo significativo alla formazione di un nuovo pubblico e la riflessione sul futuro dei festival. Parallelamente il/la professore/ssa opererà in ambito accademico facendo della sua esperienza professionale al Festival la base da cui sviluppare specifici percorsi di ricerca e di insegnamento. La posizione dell'USI verrà rafforzata come polo di studi sul cinema e l’audiovisivo.

La selezione - Il rettore dell’USI, Boas Erez, il presidente del Festival, Marco Solari e la presidente del PalaCinema Carla Speziali hanno istituito un gruppo di lavoro congiunto, formato da tre membri della Facoltà di comunicazione, cultura e società dell’USI e da tre membri del Locarno Film Festival: Francesco Lurati, Carla Mazzarelli, Luca Visconti, Raphaël Brunschwig, Stefano Knuchel e Daniela Persico. Il gruppo di lavoro ha definito il profilo ideale del candidato a ricoprire la posizione, il cui contesto di riferimento sarà quello del cinema e/o dell’audiovisivo. La scelta verrà operata congiuntamente. Il bando di concorso sarà pubblicato nel corso dei prossimi mesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
51 min
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
4 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
4 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
4 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
CANTONE
5 ore
Altre dieci vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore 21 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CANTONE
6 ore
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
8 ore
«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.
CANTONE
8 ore
Il Ticino chiama Berna
Un'iniziativa cantonale chiede di modificare il codice penale, a tutela delle donne vittima di violenza
CANTONE
16 ore
«Già coinvolta in un'indagine legata al terrorismo»
La Fedpol conferma il possibile ruolo della donna in fatti legati al terrorismo jihadista
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile