Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
03.12.20 - 13:370
Aggiornamento : 14:07

Niente “pressioni estere”, stop a ulteriori restrizioni sulle piste

Il Consiglio nazionale adotta la dichiarazione contro «condizioni impraticabili»

L'appello si aggiunge alla lettera inviata ieri all'Esecutivo dalla Commissione della sicurezza sociale e la sanità del Nazionale e alla lettera dell'UDC

BERNA - «No a condizioni impraticabili per le stazioni sciistiche all'approssimarsi della stagione invernale che rischiano di mettere in ulteriore difficoltà le regioni di montagna, minacciandole nella loro stessa esistenza».

È la dichiarazione letta oggi al Consiglio nazionale, e adottata dal plenum per 100 voti a 80 e 9 astenuti nonostante l'opposizione della sinistra, dal consigliere nazionale Thomas Matter (UDC/ZH) a nome della maggioranza della Commissione dell'economia e dei tributi della Camera del popolo. Quest'ultima è preoccupata per le prescrizioni ancor più restrittive che il Governo potrebbe adottare per arginare la diffusione del coronavirus.

Per Matter non si capisce perché in certi cantoni come Zurigo siano valide determinare regole (vedi per i trasporti in comune) e che queste debbano essere inutilmente inasprite per le regioni sciistiche. «Le stazioni turistiche hanno già piani di protezione e non c'è bisogno di andare oltre».

Un parere condiviso anche da Fabio Regazzi (PPD/TI), secondo cui determinate restrizioni allo studio dell'esecutivo volte a ridurre l'affluenza di clienti sono inefficaci e inutili. «Non dobbiamo lasciarci condizionare dalle emozioni, ma dalla ragione, senza lasciarci influenzare dall'estero», ha spiegato il deputato ticinese, tra l'altro presidente dell'Unione svizzera delle arti e mestieri. Ulteriori restrizioni sarebbero fatali per il settore turistico: il turismo invernale è di importanza sistemica per certe regioni, come anche per le persone che vi abitano.

L'appello pronunciato oggi in aula si aggiunge alla lettera inviata ieri all'Esecutivo dalla Commissione della sicurezza sociale e la sanità del Nazionale in cui si chiede che le capacità dei comprensori sciistici non siano limitate. Se sarà necessario adottare ulteriori misure, queste saranno di competenza dei cantoni e non della Confederazione, si legge. A detta di questa commissione, sia il settore della gastronomia che le stazioni sciistiche devono disporre di piani globali di protezione contro la pandemia di coronavirus che vanno rispettati scrupolosamente, ma determinate richieste dell'esecutivo sono inutili e controproducenti.

Sempre ieri pomeriggio, un'alleanza composta principalmente di politici dell'UDC, ha sostenuto in una lettera di essere preoccupata per le «migliaia di imprese colpite, la cui sopravvivenza dipende dalle entrate generate durante le poche settimane di vacanza invernale». In un incontro con i media, l'alleanza, di cui fa parte anche la presidente del PLR Petra Gössi, ha affermato di non capire «quale differenza ci sia tra un tram o un autobus al completo e una cabinovia al completo». Secondo questi parlamentari, nella maggior parte dei casi la permanenza in una cabinovia è molto più breve rispetto a quella in un tram o in un autobus. La responsabilità è delle imprese turistiche, che hanno il dovere di applicare «senza eccezioni e rigorosamente i dispositivi di protezione». Secondo i politici di destra, il Consiglio federale sta considerando di limitare le capacità sulle piste da sci «a causa delle pressioni estere».

Per il momento il Consiglio federale non prevede di chiudere i comprensori sciistici durante le feste. Tuttavia, si trova ad affrontare la pressione delle autorità dei paesi alpini vicini, che hanno tutti scelto, tranne l'Austria, di chiudere gli impianti di risalita. Il governo è in stretto contatto con quelli dei paesi limitrofi.

La risposta del Ps - Sempre oggi il Ps ha risposto con un contro-appello. In una lettera aperta i socialisti criticano severamente UDC, PLR e PPD, definendo «irresponsabile» e «assurdo quanto ipocrita» l'atteggiamento dei tre partiti. 

Il PS accusa le formazioni borghesi di presentarsi «in una messa in scena dubbia, come salvatori delle stazioni sciistiche», mentre i tassi di infezione e di mortalità stanno raggiungendo "livelli record". «La Svizzera è diventata un focolaio di pandemia proprio perché abbiamo anteposto il profitto alla salute», si legge nel comunicato.

Con le loro richieste, i partiti borghesi rischiano di «diventare i becchini delle stazioni», scrive il Partito socialista criticando la «politica del laissez-faire».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Anche Swissmedic sta valutando la pillola anti-Covid
Merck ha depositato una domanda di omologazione in Svizzera lo scorso mese di agosto
FOTO
ZUGO
7 ore
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
12 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
12 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
14 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
14 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
16 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
16 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
17 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile