Blatten/Belalp Tourismus
BERNA
30.11.20 - 23:320

Gli impianti sciistici tremano: «Ulteriori strette non saranno sostenibili»

Critiche alla possibili misure anti covid: «Completamente sbagliate»

E c'è chi già teme per il periodo natalizio: «In quei giorni è in ballo un quarto del nostro fatturato»

BERNA - La possibile ulteriore stretta, con nuove misure anti-covid nelle località sciistiche, sta facendo tremare gli operatori del settore.

Se l'annuncio di Berset di giovedì (che assicurava l'apertura degli impianti nonostante la cancelliera tedesca Angela Merkel e altri capi di Stato dei paesi vicini ne abbiano chiesto la chiusura) era stata una boccata d'ossigeno per le stazioni sciistiche, quanto anticipato ieri dalla "SonntagsZeitung" ha fatto nuovamente scendere il gelo.

La domanda infatti è: Berset è stato davvero in grado di resistere alle pressioni dall'esterno? L'interrogativo è lecito se è vero che sarebbe pronto un drastico inasprimento delle norme contro il virus. Il "pacchetto" prevede di limitare il numero di sciatori per Natale e Capodanno, e non solo (vedi riquadro).

Le possibili misure
- Limitare la capacità degli impianti di risalita
- creare delle aree di attesa davanti alle funivie e alle sciovie
- chiudere ristoranti e baite alle 15
- i self-service non potranno essere in funzione
- forte limitazione delle presenze (2/3 della media degli ultimi 5 anni)

Cosa significherebbe per i comprensori sciistici se i cantoni approvassero queste misure? Diversi, interpellati da 20 Minuten, non vogliono commentare fino a quando la decisione non sarà definitiva. Tuttavia il responso sembra essere unanime; gli accorgimenti attualmente in essere sarebbero sufficienti e ulteriori inasprimenti potrebbero risultare fatali per molti impianti sciistici.

«Senza senso» - Valentin König, CEO del comprensorio Aletsch-Bahnen, ritiene che le limitazioni della capacità non abbiano molto senso. Tanto più in questo inverno, in cui la mancanza di ospiti stranieri significa già un calo sensibile di presenze per chi si occupa di sport invernali.

«Completamente sbagliate» - Il capo della Belalp-Bahnen, Urs Zenhäusern, non esita invece a parlare di misure «completamente sbagliate». Le aree sciistiche aperte dimostrerebbero semmai che gli impianti di risalita e le piste sono a prova di virus.

«In gioco un quarto del fatturato annuale» - Con l'inasprimento delle misure, inoltre, molti non sarebbero più in grado di sbarcare il lunario senza aiuti. «Tra Natale e Capodanno raggiungiamo il 25% delle nostre cifre annuali», afferma Zenhäusern.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
37 min
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
53 min
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
1 ora
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Friborgo
10 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
12 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
14 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
15 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
15 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
16 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
17 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile