Keystone
SVIZZERA
28.11.20 - 13:250
Aggiornamento : 15:36

«Impedire lo sci? Una frenesia dettata dall'estero»

Alcune stazioni in Svizzera sono aperte da due mesi e nessuna di esse è diventata un focolaio d'infezione

Gli ingorghi? «Niente di diverso da quanto già capita su tram e treni».

BERNA - Nella lotta alla pandemia la Confederazione deve rimanere fedele alla sua linea, continuando a permettere la pratica dello sci e respingendo le richieste - provenienti dall'estero - di uno stop: lo afferma il presidente di Funivie svizzere Hans Wicki, che auspica più tranquillità e serenità nell'affrontare il tema.

Non esiste un argomento ragionevole e condivisibile che imponga la chiusura di tutti i comprensori sciistici, afferma il rappresentante degli impianti di risalita e consigliere agli stati (PLR/NW) in un'intervista diffusa oggi dalla radio SRF. Alcune stazioni in Svizzera sono aperte da due mesi e nessuna di esse è diventata un focolaio d'infezione.

Secondo Wicki - che è anche presidente del consiglio di amministrazione degli impianti del Titlis - non ha nemmeno senso chiudere gli impianti per paura che gli ospiti si possano contagiare nel doposci. Esistono piani di protezione per il settore della ristorazione, fa notare il 56enne.

Per quanto riguarda gli impianti di risalita in senso stretto, le mascherine devono essere indossate nei locali chiusi e nelle zone in cui non è possibile mantenere la distanza minima. Wicki ha ammesso che potrebbero esserci ingorghi nelle stazioni ferroviarie e nella zona delle funivie, ma a suo avviso la situazione è paragonabile a quanto si assiste già normalmente sui tram e nei treni.

«La gente dovrebbe essere in grado di uscire al sole, di ricaricarsi, di avere emozioni e di rilassarsi», osserva il politico laureato in economia all'Università di Zurigo. «Il virus non si trasmette quando si scia nell'aria fresca in natura».

Secondo Wicki l'attuale discussione sulla chiusura delle stazioni è «una frenesia dettata dall'estero». Germania, Francia e Italia vogliono tenere chiusi i loro comprensori e la cancelliera tedesca Angela Merkel mira a estendere questo approccio a tutto il continente. Oltre alla Svizzera, anche l'Austria si difende su questo punto.

Wicki ricorda l'importanza economica del ramo: le società che gestiscono gli impianti di risalita realizzano gran parte del loro fatturato annuale durante le vacanze di Natale e Capodanno. E ricorda come in settembre sia stato introdotto un piano di protezione che è stato esaminato anche dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Sono stati fatti investimenti in nuove tecnologie e in sistemi di disinfezione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 10 mesi fa su tio
Svizzera sempre più vergognosa ed irresponsabile!!
Tato50 10 mesi fa su tio
@@@@ Jenny Gehringer. Prima di tutto ti ringrazio anche a nome di tantissime altre persone con le quali devi, purtroppo, essere presente in circostanze alquanto particolari. Diciamo che la tua è una "missione" che hai scelto per essere a disposizione del prossimo mettendo anche a repentaglio la tua salute. Per quanto concerne il fatto di sciare in Svizzera era già successo che in una stazione sciistica c'è stata una contaminazione e chi dovere ha provveduto a far si che questo non avvenisse più facendo investire milioni a tutte le "stazioni" che forniscono questo servizio ricreativo. Poi, escludere totalmente che qualcuno venga contaminato, credo sia impossibile, ma, scusa il gioco di parole, è stato fatto tutto il possibile che questo non avvenga. Poi dopo ognuno è libero di scegliere se andare a sciare o meno con il rischio di beccarsi il Covid in altri siti ;-)))) Auguroni per il tuo lavoro e a tutti quelli che si impegnano per il bene degli altri ;-)))))))))
Tato50 10 mesi fa su tio
@@@ Artan Vishka In Italia invece fanno morire i Medici e altri che si occupano del problema perché non gli danno il necessario per proteggersi ;-((
Volpino. 10 mesi fa su tio
@Jenny: il Mondo non ritornerebbe indietro di non so quanti anni per qualche mese di stallo, ma andando avanti come adesso l'etica e la morale si. Il fatto che cura dei pazienti relativamente stabili a domicilio nulla muta sul fatto che altri meno fortunati muoiono in ospedale anche per l'egoismo individuale di altri. Non è questione di terrorismo mediatico ecc., ma in una società secolarizzata con un pizzico di morale e etica non si può fare un massimo per un minimo di persone che vogliono fare quello che gli pare e piace, ma piuttosto un minimo di sforzo per un massimo di gente. Ognuno deve contribuire per un Mondo migliore con piccoli sacrifici. C'è comunque gente bisognosa che aspetta da mesi di fare operazioni di routine negli ospedali ma che deve aspettare. Gente che per colpa del Covid-19, anche se non l'ha contratto, non può subito essere operata.
ugo202230 10 mesi fa su tio
Artan Vishka. Ma vada al quel paese (per non dire altro) io sono svizzero e non me ne strafotto di niente e di nessuno al pari si tantissimi nostri altri concittadini. Lei guardi a casa sua e si sciacqui la bocca prima da darle vento inutilmente, e cerchi di avere più rispetto. L’educazione non è a casa sua. E mi fermo qui.
jettero75 10 mesi fa su tio
La Svizzera si sa organizzare, per questo non ha senso chiudere le piste, questo fatto dovrebbero prenderlo in considerazione.
seo56 10 mesi fa su tio
Impedire lo sci? Certo é segno di rispetto e responsabilità.
Meck1970 10 mesi fa su tio
Giusto tenere aperto gli impianti mantenendo le regole. Le altri nazioni continuano a far chiudere tutto. poi chi paga il personale, gli affitti e la manutenzione degli impianti?
Meck1970 10 mesi fa su tio
Giusto tenere aperto mantenendo le regole. Le altre nazioni fanno chiudere tutto. Poi chi paga gli affitti e la manutenzione degli impianti?
Tato50 10 mesi fa su tio
@@@@ Katy Miller Più chiara di così non potevi essere, a meno che a nostra insaputa siamo entrati questa notte nell'UE ;-))
Nmemo 10 mesi fa su tio
@Tato50 @Tato50 - stavolta ti sei fatto prendere dalla foga ... Iscgl non ti ricorda qualcosa?
Nmemo 10 mesi fa su tio
@Tato50 @Tato50 - stavolta ti sei fatto prendere dalla foga ... Ischgl non ti ricorda qualcosa?
chris76 10 mesi fa su tio
io faccio fatica a capire tutto questo astio verso lo sci e chi va a sciare rispettando i protocolli di sicurezza. mi dite che differenza c'è tra l'andare a pranzo in un ristorante sulle piste o la sera in centro a Lugano? Mi dite quelle rischio di contagio supplementare esiste tra lo sciare all'aria aperta rispetto all'andare al mercato di Bellinzona di sabato mattina? che rischio di contagio ho nello stare in seggiovia 5 minuti con mascherina rispetto ad andare in bus? se si rispettano i protocolli e le norme di igiene non vedo proprio dove sta il rischio...? guardate che se si vuole prendere Ischgl come esempio li il problema è stato l'aprè-ski e non lo sciae di per se! vietato quello, controlliamo il rispetto delle regole igieniche e di distanziamento e godiamoci qualche bella giornata all'aria aperta!
Lore61 10 mesi fa su tio
@chris76 ... La frustrazione porta a questo o a molto peggio...
Gus 10 mesi fa su tio
Chi dice che fino ad ora non ci sono stati focolai sulle piste? Ciò non può essere provato, come non si può provare che ce ne siano stati. Quindi affermazioni insostenibili.
Volpino. 10 mesi fa su tio
Con tutte le pecche che hanno Francia, Germania e Italia sanno almeno condurre e proteggere la loro gente mentre qui si scarica la patata bollente sulla responsabilità individuale per evitare fastidi economici, ovvero domandare soldi a Berna per le misure di contenimento. Possono passare tutto il loro tempo a fare speculazioni su profitti immaginari, zona rossa e arancione significa non poter recarsi all'estero. Inutile stare lì a sognare i soldoni simulando calcoli di profitti immaginari con la calcolatrice in mano. Ancora troppa gente percepisce la problematica del Covid-19 come una cosa astratta e lontana, non da ultimo grazie alle decisioni lassive del governo che alimentano questa percezione.
Duca72 10 mesi fa su tio
Chiudere sarebbe intelligente ! Ma qui contano solo i soldi . Un sacrificio risparmierebbe tante vite. Svizzera vergogna.
Don Quijote 10 mesi fa su tio
@Duca72 Questa menata chi si salvano più vite la ripetono solo i boccaloni con poca scolarizzazione! Siamo a fine anno e il numero complessivo di decessi è in linea con gli anni scorsi e nettamente inferiore alk'influenza del 2015. Dunque non vedo perché dovete ullulare ed indignarvi solo nel 2020!
Gnall 10 mesi fa su tio
Es Reds,parole da imprenditore,anche se se un affermazione l avrei tralasciata😉
Capra 10 mesi fa su tio
Con testa , si può fare tanto ..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
10 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
11 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
12 ore
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
GINEVRA
14 ore
Donna uccisa a colpi di pistola
Il corpo è stato trovato questa mattina in un'abitazione di Vandoeuvres, nel Canton Ginevra. Marito in manette
SVIZZERA
16 ore
Certificato dei guariti, una strategia di Berna in vista del voto?
I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.
FRIBORGO
18 ore
Scuola elementare vandalizzata da due 14enni
I danni superano i 100mila franchi. I due autori verranno denunciati al Tribunale dei minorenni.
SVIZZERA
18 ore
«Non è la vaccinazione a dividerci, è la pandemia»
Conferenza stampa con Alain Berset e Lukas Engelberger. Tra i temi trattati, la settimana nazionale di vaccinazione.
SVIZZERA
19 ore
I contagi curvano verso l'alto
Altri 1478 positivi in Svizzera. Continua il trend al rialzo. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
20 ore
Crediti Covid, gli hacker rubano 130mila nomi
EasyGov sotto attacco da parte dei pirati informatici. Un enorme furto di dati
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile