Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
LUGANO
08.04.21 - 14:090
Aggiornamento : 17:43

Ex Macello, il Municipio procede «come previsto dalla legge»

Nulla si è mosso dopo la decisione della CIttà di disdire la convenzione che permette l'uso degli spazi ai "molinari"

È quindi prevista una diffida con la fissazione di un ultimo breve termine per lo sgombero prima dell’esecuzione d’ufficio.

LUGANO - Si era urlato allo "sgombero" dopo che la manifestazione organizzata dal Csoa (Centro sociale autogestito) lo scorso 8 marzo era finita negli scontri con la polizia in tenuta antisommossa, presso la stazione di Lugano. I "molinari" avevano risposto «ci si vede per strada. Qui siamo e qui restiamo». Ma nulla era accaduto. Fino al 18 marzo, quando nella sua seduta l'Esecutivo ha deciso di notificare una disdetta formale della convenzione del 18 dicembre 2002 siglata tra Municipio di Lugano, Consiglio di Stato e associazione Alba (in rappresentanza dei "molinari"), dando all'autogestione venti giorni per lasciare il comparto dell'ex Macello di Lugano. 

I venti giorni scadono lunedì 12 aprile. Ma dal fronte "molinari" tutto tace. Il 20 marzo gli autogestiti si sono riuniti alla Foce: la discussione è proseguita per un paio d'ore, senza arrivare a una decisione operativa. Quattro giorni dopo la disdetta della convenzione è stata affissa sul cancello dell'ex Macello ed è stata definita dal Csoa "L'Edictum Borradorianum". «L'assemblea si prende il tempo che ci vuole» è stato il commento da parte degli autogestiti. Oggi è l'8 aprile e nella sua seduta il Municipio ha discusso i prossimi passi da intraprendere.

«Se entro lunedì 12 aprile gli spazi dell'ex Macello non saranno liberati, la procedura seguirà il suo corso come previsto dalla legge», si legge in un breve comunicato stampa. «In particolare, è prevista una diffida con la fissazione di un ultimo breve termine per lo sgombero prima dell’esecuzione d’ufficio».

Ma l'esecuzione d'ufficio avverrà prima dell'insediamento del nuovo Municipio? È più che improbabile. «Qualora entro la mezzanotte di lunedì 12 gli spazi dell'ex Macello non saranno liberati, entro due giorni verrà recapitato un secondo avviso formale, fissando un nuovo termine di diffida», ci spiega al telefono il sindaco di Lugano, Marco Borradori. Termine che - stando a nostre informazioni - dovrebbe essere di circa una decina di giorni. Elezioni comunali "scavalcate", dunque. «Qualora gli autogestiti ignorassero anche la seconda diffida, verrebbe infine recapitata l'ultima decisione formale» e (probabilmente a partire dalla settimana del 26 aprile) il vero e proprio "sfratto" da parte degli agenti di polizia «potrebbe avvenire in qualsiasi momento, senza avviso».

Dal canto suo, l'Esecutivo cittadino precisa però ancora una cosa: «A oggi non è giunta alcuna richiesta di mediazione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AIROLO
9 ore
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
10 ore
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
11 ore
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
12 ore
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
13 ore
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
16 ore
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
17 ore
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
18 ore
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
19 ore
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
CANTONE
23 ore
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile