Immobili
Veicoli
Deposit
LUGANO
11.03.21 - 08:120
Aggiornamento : 12:04

«Non toccate i molinari. Rischiate il boomerang»

Giorgio Giudici mette in guardia dallo sfratto forzato: «È come un formicaio. Vi accorgerete di quanti sono»

L'ex sindaco parla di una polemica non essenziale per la città: «Una volta si decideva e si faceva. Oggi - è la stoccata ai suoi successori - sembra essere diventato prioritario il fare. Io aggiungerei, il fare niente»

LUGANO - «Non stuzzicateli. Altrimenti dopo vi accorgerete di quanti sono veramente». L’avvertimento arriva dall’ex sindaco Giorgio Giudici che osserva con l’occhio distaccato dell’entomologo il nervosismo crescente attorno all’ex Macello. I temi da risolvere, da quando guidava lui la città, sembrano in effetti essersi miniaturizzati. Ieri l’università e il Lac, oggi il centro sociale degli autogestiti che parte del Municipio vorrebbe sgomberare, forte anche del recente scontro tra manifestanti e polizia in stazione.

Il formicaio prima deserto e poi... - Per indicare le possibili conseguenze di uno sfratto muscolare, l’architetto fa un esempio curioso: «A chi cammina nei boschi sarà successo di sfiorare inavvertitamente un nido di formiche e di colpo vederne migliaia dove prima non c’era anima viva. La stessa cosa sono i molinari con la loro capacità di mobilitazione».

Le alternative e la porta aperta - La "pax giudiciana" in viale Cassarate dura da vent’anni: «La nostra soluzione era di compromesso, fintanto che si fosse trovata un’alternativa. Allora il territorio cittadino era ridotto, oggi dopo le aggregazioni il Municipio dovrebbe disporre di un inventario completo di teoriche aree per insediare questa attività. Un’attività che - lascia uno spiraglio aperto Giudici - potrebbe essere congeniale anche nel contesto di uno sviluppo del Macello futuro. Non dico per gratificare, ma per riconoscere una realtà che volenti o nolenti esiste. Entrare invece in conflitto mi pare un’operazione che presenta tantissime incognite. Un boomerang».

Il dialogo nonostante tutto - L’ex sindaco ha una discreta esperienza di cosa significhi dialogare con gli autogestiti: «Ho discusso per quasi vent’anni con loro, da quando volevano occupare la “Termica” dove poi mettemmo poi le sale cinematografiche. Agli autogestiti ho sempre riconosciuto una tenacia nel continuare un esperimento che non può essere mortificato senza offrire loro un’alternativa. Alla fine chi esce perdente da questo scontro è la città». Un dialogo che lo stesso ex sindaco riconosce non essere facile: «Purtroppo uno dei problemi dell’autogestione è che non si capisce mai chi siano gli interlocutori. Anche loro dovrebbero riuscire a maturare e capire che se vogliono diventare seri devono essere credibili di fronte alla controparte. Vabbè l’autogestione, ma anche l’autorità deve avere un soggetto rappresentativo con cui dialogare».

Le vere priorità di Lugano - L’invito che Giudici rivolge all’attuale Municipio è di concentrare altrove le migliori energie: «Oggi invece viene alimentata una polemica quando in realtà i problemi, abbiamo visto con il Polo sportivo, sono altri. Il Macello non è un argomento prioritario per lo sviluppo della città». Vero è, gli facciamo notare, che anche il suo partito, il PLR, non sa indicare una rotta univoca... «Manca - conclude l'ex sindaco - una guida. Onestamente quando c’ero io, si decideva e si faceva. Oggi sembra essere diventato prioritario dimostrare il fare. Io aggiungerei, il fare niente». 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
11 ore
Tassisti luganesi nel limbo
Non sono ancora stati evasi i ricorsi contro il concorso per i nuovi taxi A. La Città chiede l'effetto sospensivo
LUGANO
12 ore
Anche in Ticino, previsti aumenti fino al 50%
Il presidente dell'Azienda elettrica ticinese: «Mai mi sarei aspettato una situazione e dei prezzi simili»
VALLE DI BLENIO
13 ore
Al lupo al lupo anche a Olivone
Avvistamenti e predazioni in Valle di Blenio: gli abitanti scrivono al governo
CANTONE
13 ore
Unitas, l'auto-indagine «non è opportuna»
Il Cantone ha rilevato l'audit esterno, e risponde ad alcuni interrogativi sui casi di molestie
CANTONE/SVIZZERA
16 ore
Importati dei pulcini (infetti) in Ticino
Gli animali sono stati soppressi e l'azienda responsabile è stata posta sotto sequestro
AIROLO
18 ore
Al Gottardo 9 km di turisti
È iniziato l'esodo verso Sud. Con le inevitabili conseguenze sul traffico
CANTONE
21 ore
Sempre meno pazienti Covid negli ospedali ticinesi
Nelle ultime ventiquattro ore nel nostro cantone sono stati registrati 76 nuovi contagi
TAVERNE
22 ore
Un fallitore "smascherato"
A Taverne un'azienda di mascherine ha chiuso tra le polemiche in aprile. L'Ocst chiede il fallimento
CONFINE
23 ore
Il cantiere è in pausa, gli automobilisti respirano
Come promesso, stop ai lavori sull'A9. Ma a settembre sono già stati pianificati nuovi interventi
CANTONE
1 gior
«L'originale Streetfood festival siamo noi. E siamo tornati»
Dopo due anni di stop, questo weekend il giro del mondo culinario ritorna in Ticino.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile