Archivio Tipress
LUGANO
18.03.21 - 15:080
Aggiornamento : 21:38

«Le autorità non possono continuare a fare finta di nulla»

L'autogestione ha venti giorni per sgomberare il comparto dell'ex Macello

Oggi l'Esecutivo comunale ha deciso di disdire la convenzione del 2002

LUGANO - L'autogestione dovrà lasciare entro venti giorni il comparto dell'ex Macello di Lugano. Nella sua seduta odierna, l'Esecutivo cittadino ha infatti deciso di notificare una disdetta formale della convenzione sottoscritta il 18 dicembre 2002 da Città, Cantone e Associazione Alba.

Al Centro sociale autogestito Il Molino (CSOA) è quindi accordato un termine di venti giorni per provvedere allo sgombero. Se entro tale termine gli spazi non saranno stati liberati, verrà avviata la procedura d'ufficio. Concretamente, i venti giorni scatteranno dal momento della ricezione della notifica di disdetta.

La situazione «è degenerata» - «Le recenti manifestazioni sono state delle provocazioni, dei chiari atti di violenza e una mancanza di rispetto nei confronti della vita di comunità» ha spiegato il vicesindaco Michele Bertini, capodicastero Sicurezza. «Le autorità non possono continuare a fare finta di nulla».

Per una convivenza serena «la comunità si è data delle regole, regole che vanno rispettate. E chi non le rispetta va sanzionato: è un atto dovuto a tutti i cittadini che si comportano bene ed è anche dovuto per la credibilità delle istituzioni».

Il vicesindaco lo ammette: «Lugano ha un problema per quanto riguarda l'aggregazione giovanile». Ma «non è l'aggregazione giovanile vista nelle recenti manifestazioni che Lugano vuole».

Il progetto per l'ex Macello - La situazione ha cominciato a peggiorare, ha detto ancora Bertini, nel momento in cui durante questa legislatura il Municipio ha deciso di dare un nuovo volto al comparto dell'ex Macello. Un progetto importante per la Città. Da parte dell'Esecutivo comunale c'è comunque disponibilità a un'eventuale richiesta di mediazione, «a volto scoperto».

Anche il sindaco Marco Borradori ha aggiunto che «l'autogestione può trovare un diritto di cittadinanza, ma deve essere seria: non deve trattarsi di inciviltà». Le ultime due manifestazioni «sono state la goccia che hanno fatto traboccare il vaso».

Uno sgombero rischioso? - Il comandante della polizia comunale Roberto Torrente lo ha messo subito in chiaro: «Non spetta a me decidere se e quando sgomberare, ma dal punto di vista tattico e operativo devo spiegare al Municipio qual è la possibile minaccia prima, durante e dopo tale operazione». Senza andare nel dettaglio, Torrente ricorda lo sgombero del 2002.

Ora una manifestazione «sarebbe un pessimo inizio» secondo il sindaco Borradori, che comunque afferma che le autorità «non sono disposte a farsi mettere i piedi in testa».

Le elezioni non c'entrano - «Ci troviamo a fare qualcosa che non avevamo intenzione di fare». Lo ha assicurato il sindaco, rispondendo a un comunicato del Partito socialista che parla di «escalation dello scontro in funzione elettoralistica».

La decisione rimandata - Già la scorsa settimana l'Esecutivo si era chinato sulla questione dello sgombero dell'ex Macello. Ma la discussione era poi stata aggiornata per la necessità di ulteriori approfondimenti. Nel frattempo il CSOA Il Molino aveva fatto sapere di non fidarsi del Municipio. E aveva annunciato che nel caso si dovesse procedere a uno sgombero, l'autogestione scenderà in piazza.

La discussione attorno alla presenza degli autogestiti nel comparto dell'ex Macello si è riaccesa a seguito degli scontri avvenuti alla stazione di Lugano lo scorso 8 marzo: dopo il risultato della votazione sull'iniziativa popolare anti-burqa, aveva avuto luogo una manifestazione non autorizzata che era sfociata in disordini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
20 min
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 ora
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
16 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
17 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
17 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
20 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
1 gior
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile