Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
14.05.19 - 17:220
Aggiornamento : 17:46

Caso FIFA: Lauber dovrà attendere

Le Commissioni della gestione non si sono pronunciate sulla rielezione per un nuovo mandato alla testa del Ministero pubblico della Confederazione

BERNA - Michael Lauber dovrà attendere ancora domani per sapere se potrà essere rieletto per un nuovo mandato alla testa del Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Al termine di una seduta di due giorni le Commissioni della gestione (CdG) delle Camere federali non si sono infatti pronunciate. La palla è ora nel campo della commissione giuridica.

Le CdG hanno esaminato la situazione del procuratore generale della Confederazione contro il quale è stata avviata un'inchiesta disciplinare e hanno emesso delle considerazioni. Spetta ora alla commissione giuridica esaminarle e formulare una raccomandazione di voto a destinazione del Parlamento. L'elezione, prevista in giugno, potrebbe però essere rinviata al mese di settembre.

L'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC) ha annunciato venerdì l'apertura di un'inchiesta per chiarire se il procuratore abbia commesso eventuali violazioni dei doveri d'ufficio nel contesto dei procedimenti avviati nei confronti della FIFA. Al centro della bufera ci sono gli incontri informali non verbalizzati avuti da Lauber con il presidente della FIFA Gianni Infantino.

Audizioni - Le commissioni della gestione del Parlamento hanno ascoltato Lauber ieri per più di un'ora. Hanno pure sentito il presidente dell'AV-MPC Hanspeter Uster e il suo predecessore Niklaus Oberholzer.

Oggi le presidenti delle commissioni, la "senatrice" Anne Seydoux (PPD/JU) per gli Stati e la consigliera nazionale Doris Fiala (PLR/ZH) per la Camera del popolo, si sono presentate davanti ai media in compagnia del "senatore" Hans Stöckli (PS/BE). Nessuno dei tre ha dichiarato di aver fatto constatazioni che potrebbero mettere seriamente in discussione l'attitudine professionale o personale di Michael Lauber e dei suoi sostituti.

Gli incontri informali tra il procuratore generale e il presidente della FIFA (due nel 2016 e un presunto terzo nel 2017) sono oggetto di una domanda di ricusazione davanti al Tribunale penale federale. Restano da determinare le conseguenze di questo procedimento e la questione della prescrizione.

Quanto al terzo incontro di cui Lauber dice di non ricordarsi, i tre membri delle Commissioni della gestione hanno indicato di non disporre, per il momento, di alcun indizio che provi che il procuratore abbia mentito in merito. L'esperto esterno incaricato dell'inchiesta disciplinare aperta dall'AV-MPC dovrà chiarire eventuali violazioni dei doveri d'ufficio da parte di Lauber.

Relazioni tese - In seguito alle diverse audizioni, le commissioni hanno constatato "relazioni tese" tra l'Autorità di vigilanza dell'MPC e il procuratore generale. Quest'ultimo si oppone all'inchiesta aperta nei suoi confronti e ha depositato una richiesta contro l'AV-MPC presso le commissioni della gestione.

Un'ispezione sarà condotta per chiarire le incomprensioni tra l'MPC e l'AV-MPC, ha precisato Stöckli. In questo contesto le commissioni esamineranno inoltre in quale modo la fiducia tra le due parti possa essere ristabilita.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
24 min
Alpinista morto sulla Dent Blanche
La vittima è un cittadino tedesco di 55 anni
VAUD
1 ora
Coronavirus, personale sanitario ringraziato con... una spilletta
Il gesto non è piaciuto a molti dipendenti che hanno lavorato duramente nel periodo della crisi sanitaria.
SVIZZERA
9 ore
L'app SwissCovid non convince
Il 56% della popolazione non intende installarla sul proprio cellulare. C'è chi teme per la protezione dei dati.
SVIZZERA
14 ore
Svizzera e Stati Uniti a braccetto nello sviluppo di droni
Si mira in particolare a migliorare la loro integrazione in sicurezza nello spazio aereo
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
17 ore
Otto nuovi cuccioli allo zoo
Si tratta della discendenza più numerosa registrata negli ultimi 34 anni nel parco zoologico renano.
SVIZZERA
18 ore
Un trucchetto per avere treni puntuali? «No, non inganniamo i viaggiatori»
Le FFS smentiscono che l'evoluzione positiva della puntualità dei convogli sia dovuta al nuovo modello di calcolo.
FOTOGALLERY
VAUD
18 ore
10 anni e 1'000 operai, ma ora l'Abbazia è pronta
La più grande chiesa romanica del nostro Paese riaprirà al pubblico nel weekend.
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus: le Pmi svizzere temono la seconda ondata
Per la maggioranza degli interpellati, il rischio è grande. Cresce però l'ottimismo su andamento degli affari e finanze.
ZURIGO
19 ore
Sgominata una baby gang specializzata in furti, truffe e borseggi
La banda composta da quattordici giovani tra i 17 e i 33 anni ha commesso più di 70 reati in tre cantoni.
BERNA
20 ore
La montagna "razzista" non deve cambiare nome
Il Municipio di Grindelwald non intende cambiare il nome all'Agassizhorn.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile