tio/20minuti - Davide Giordano
LUGANO
13.11.19 - 16:300
Aggiornamento : 21:01

«Stava giocando ai lego e i genitori l'hanno chiamato mentre facevano sesso»

Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava dei figli, parla l'avvocato del ragazzo: «Ancora oggi il mio assistito è legato a mamma e papà»

LUGANO – «Mi è sempre parso un ragazzo taciturno». Al processo contro la coppia del Bellinzonese che abusava sessualmente dei figli, parla l'avvocato Stefano Pizzola, rappresentante del figlio maschio. Ancora oggi il giovane avrebbe un atteggiamento clemente verso mamma e papà. Non ha contatti invece con la sorella. «Attribuisce le colpe per il fatto che i genitori siano in prigione alla sorella e al suo fidanzato».

Quella volta che giocava coi lego – Ma il giovane si rende davvero conto di quanto è accaduto in casa sua dal 2002 in poi? «Sicuramente sì – sostiene Pizzola –. Spiace dirlo, ma il mio dubbio è che se il padre si trovasse nella stessa situazione, riprenderebbe a comportarsi allo stesso modo. Neanche la madre, filmati alla mano, mi convince. Il mio assistito racconta di essere stato per la prima volta coinvolto in un atto sessuale in un giorno d'estate. Lui e sua sorella stavano giocando ai lego. E sono stati chiamati dai genitori per farsi fare una foto mentre consumavano un rapporto».

Cose dell'altro mondo – Pizzola ricorda i momenti in cui il ragazzo doveva toccare la mamma. «Capiva che non era una cosa normale. Ma se ne è reso conto solo alle scuole medie. I suoi compagni guardavano le pornostar e lui invece aveva vissuto certe cose. Un giorno addirittura il papà ha spiegato al figlio come introdurre un vibratore nella vagina della mamma. Cosa si può dire più di questo? È stata chiesta questa cosa a un bimbo, come se si trattasse di insegnargli ad andare in bicicletta. I due figli della coppia sono stati usati come giocattoli».

Camera party – Significativi i cosiddetti camera party. Con i coniugi che fanno sesso. E con i bambini in fondo al letto che intanto guardano la tivù. «Una situazione fuori di testa – ammette l'avvocato –. Come facevano papà e mamma a essere così sicuri che i figli non avessero detto nulla in giro? Entrambi i genitori hanno dichiarato di essere certi che non sarebbe accaduto. Il padre ha affermato che la prendeva come una cosa di complicità».

Dettagli sempre più inquietanti – Minuto dopo minuto quanto trapela dal processo di Lugano diventa sempre più inquietante. «Il ragazzo si sente addirittura in colpa per il fatto che i genitori siano finiti in carcere. Il giovane è stato a lungo succube della situazione. E forse ancora oggi non capisce bene perché lo Stato si sia impicciato in una faccenda privata. Gli imputati sapevano esattamente cosa stavano facendo ai loro figli. Chiedo che l'atto d'accusa venga confermato. Stessa cosa per le pene proposte (15 anni per l'uomo, 14 anni e 6 mesi per la donna)».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / BERNA
9 min
Negozi: in un anno sono 72 in meno
Commercio al dettaglio in fase di contrazione. In Ticino il dato era in controtendenza, ma non quest'anno
BELLINZONA
36 min
Guardate cosa hanno “nascosto” nelle cantine dell’ex convento
A Monte Carasso, oltre 400 presepi provenienti da ogni parte del mondo. Uno scenario suggestivo immortalato in video. La coordinatrice Maria Elena Guidotti: «Qui ci sono piccoli “gioielli”»
CANTONE
49 min
Eroina nello zaino, arrestato un 22enne
Il giovane è sospettato di aver spacciato un importante quantitativo di droga a consumatori locali
FOTO E VIDEO
CANTONE / ALBANIA
2 ore
I terremotati ringraziano i ticinesi
Ecco dove sono finiti i beni che avete donato con generosità dopo l'appello su Tio. «Grazie di cuore a tutti»
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Neve, sbanda e finisce in un riale
Sul posto la Tre Valli Soccorso che ha provveduto al trasporto del ferito in ospedale
SAN VITTORE (GR)
6 ore
La presunta rapina si rivela una messinscena
La valigetta con un milione di franchi rubata a San Vittore non è mai transitata dai Grigioni. Ora l'uomo afferma di aver mentito sul luogo, ma non sulla rapina
FOTOGALLERY
CANTONE
6 ore
Dopo la neve il vento. Fino a 130 km/h
Neve in pianura ancora possibile fino alle 15 di oggi. Sole per il weekend
CANTONE / ITALIA
7 ore
Primo omicidio a 15 anni, condannato Pulice
Riconosciute le attenuanti per il sicario della 'ndrangheta, che aveva aperto diverse attività a Lugano, ora collaboratore di giustizia
LUGANO
8 ore
«Forse con l’eredità di mia nonna riuscirò ad arginare quel buco»
Raffaello Molina, imprenditore legato all’obbrobrio di Breganzona e al caso Adria, ha sul groppone un fallimento da 18 milioni di franchi. Ma ci sono novità
MENDRISIO
19 ore
«Un riconoscimento atteso da anni e che va alla gente»
L'iscrizione delle Processioni nella lista Unesco «non dev'essere un punto d'arrivo» per il presidente Gabriele Ponti. Nadia Lupi di Mendrisiotto Turismo: «Uno stimolo, ma anche responsabilità in più»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile