GIUMAGLIO
17.07.19 - 08:020
Aggiornamento : 11:43

Quei "bravi ragazzi" dal curriculum discutibile

Uno menava le mani sugli spalti della Valascia. Un altro aveva già dato noie a manifestazioni ricreative. Ecco chi sono gli aggressori del 17enne al carnevale estivo valmaggese

GIUMAGLIO – «Non scrivete più niente su questa storia». La mamma di uno dei quattro ragazzi protagonisti dell'aggressione ai danni di un 17enne, lo scorso weekend, al carnevale estivo di Giumaglio, se la prende con Tio/ 20 Minuti per le notizie inerenti la vicenda, pubblicate finora. Eppure, di fronte a una follia del genere non si può tacere. La polizia ha confermato l'arresto di due 19enni coinvolti nell'episodio. Le ipotesi di reato sono di aggressione, lesioni gravi e vie di fatto.

Cresciuti in valle – Intanto, ora dopo ora, trapelano nuove indiscrezioni sul curriculum, invero poco pulito, della "banda" valmaggese. Si tratta di giovani del posto, cresciuti in valle. Uno dei quattro, ad esempio, avrebbe già creato problemi alle forze dell'ordine in passato, proprio al carnevale estivo di Giumaglio. Un altro, invece, sarebbe stato diffidato dall'entrata alla pista della Valascia, ad Ambrì. 

La giornata nera dell'hockey biancoblu – In particolare, nel 2018, il giovane si sarebbe reso protagonista di gesti incivili durante i violenti scontri tra alcuni ultras biancoblu e un gruppo di (presunti) fans del Losanna, al termine di un match passato alla storia non certo per quanto accaduto in pista. Non sarebbe stata l'unica occasione in cui il ragazzo valmaggese avrebbe menato le mani. 

Problemi anche a Locarno On Ice – Il 19enne in questione lo scorso anno, a Locarno On Ice, in compagnia di alcuni amici, avrebbe minacciato un ragazzo. Dalle parole ai fatti. Anche in questo caso ci furono un inseguimento e delle percosse. Scattò una denuncia, in seguito ritirata.

Amarezza enorme – Intanto, a Giumaglio l'amarezza è enorme. Soprattutto tra gli organizzatori del carnevale estivo, che fanno i salti mortali per proporre alla gente un evento sicuro e di qualità. Il rischio che la manifestazione venga soppressa è più che concreto. I responsabili avrebbero già gettato la spugna. E pensare che tutto era iniziato con un semplice ballo, in pista. Con un 17enne che, per sbaglio, urta un 19enne. Con la birra di quest'ultimo che, sempre per puro caso, cade per terra. È bastato questo per scatenare la furia degli aggressori. 

Botte alla fontana – Furia diventata poi pazzia, al di fuori del perimetro del carnevale. Col 17enne che scappa. E con gli inseguitori a riempirlo di botte nei pressi di una fontana, lontana più di 100 metri dall'ingresso della manifestazione. Là, nel buio, dove gli agenti di sicurezza non potevano vedere. Le condizioni del 17enne, seriamente ferito alla milza, sembrano migliorare. E in questo momento sembra l'unica buona notizia in una storia torbida, che più torbida non si può. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Aziende ticinesi: «La situazione attuale è particolarmente critica»
In un sondaggio di UBS le ditte prevedono di tornare nel 2022 allo stesso livello di fatturato pre-crisi.
VIDEO
AGNO
3 ore
«Ragazzi che cercano problemi», aggredito il rapper Daytona KK
Dalla vita reale a Instagram, passando dalla zona del Luna Park. Da una parte spavalderia, dall'altra derisione.
CANTONE
6 ore
«Paghiamo le riaperture. I casi? Cresceranno ancora»
Le previsioni del direttore dell’Epatocentro Ticino, Andreas Cerny: «Troppo preso per parlare di ondata "benigna"»
BELLINZONA
7 ore
Girava con l'erba, bloccato dagli agenti
La polizia ferma un uomo in Viale Stazione. Interrogatorio davanti a decine di presenti.
BISSONE
12 ore
Operaio ferito questa mattina a Bissone
Sarebbe stato schiacciato dal materiale usato per i lavori.
CANTONE
13 ore
Contagi sotto la decina nel weekend
Colpisce il numero delle ospedalizzazioni: il 50% di coloro che sono stati trovati positivi
LOCARNO
15 ore
Stalkerizzata dalla ditta di incasso
Vicenda surreale per una giovane, dopo un acquisto online. Regolarmente pagato. I retroscena.
CANTONE
17 ore
Giovani in ansia durante il Covid
Pro Juventute ha potenziato il suo 147 con la chat: «Siamo stati contattati da ragazzi sofferenti per i lutti da Covid»
PURA
23 ore
«Il mio viaggio di 23mila km, senza prendere un aereo»
Una giovane donna ticinese ha scelto di percorrerli da sola per mettersi in gioco e superare i suoi limiti
CANTONE
1 gior
Rientro a scuola: ecco i tre scenari
Il Decs sta studiando un piano per settembre. Bertoli: «Gli istituti dovranno essere pronti»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile