TiPress - foto d'archivio
CANTONE
27.09.20 - 11:030

Anche le donne PPD chiedono un intervento

«L’individuazione di problemi nelle istituzioni nella gestione delle molestie sessuali resta senza soluzione»

BELLINZONA - Continua a far discutere la bocciatura da parte del Gran Consiglio dell'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta per il caso dell'ex funzionario del DSS condannato per coazione sessuale. Dopo il collettivo femminista "Io l'8 ogni giorno" e la Lega, a prendere la parola, esprimendo «il proprio disappunto» è l'associazione donne PPD.

In particolare, le donne del partito pongono l'accento sulla necessità di verificare che all’interno dell’amministrazione pubblica vi siano comportamenti omertosi e idonei al crearsi di situazioni in cui alcuni si sentano di poter usare violenza. Situazione che, senza l'istituzione di questa commissione parlamentare d'inchiesta, a tutt'oggi «resta senza soluzione». «Le molestie sessuali nascono purtroppo in un clima culturale e aziendale di tacita connivenza e sopportazione di comportamenti inidonei, e questo non è in alcun modo tollerabile».

L'associazione donne PPD analizza anche il fatto che la decisione del Gran Consiglio possa essere legata alla preoccupazione che una commissione avrebbe potuto esporre le vittime a ulteriori sofferenze. «Non si confida nella propria capacità di gestire in modo opportuno un tema tanto importante e al tempo stesso delicato - scrive -. Ciò è forse il frutto anche della cattiva gestione di precedenti commissioni. Tuttavia lo strumento istituzionale delle commissioni d’inchiesta è e deve rimanere uno dei cardini di intervento laddove il Cantone debba fare luce sul proprio operato attraverso un processo interno di analisi e verifica».

Affinché questa vicenda non venga dimenticata, le donne PPD chiedono di «rivedere i processi di denuncia e intervento che consentano un’adeguata sorveglianza all’interno delle amministrazioni cantonali», ma anche «che si faccia un’analisi seria sulle modalità di funzionamento e azione delle commissioni parlamentari d’inchiesta».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
54 min
Ajla va come un treno
L'atleta ticinese scelta come testimonial della Ferrovia Centovallina.
CANTONE
1 ora
Altri 214 contagi e cinque morti in Ticino
L'andamento della pandemia nel nostro cantone rimane «seria», ma abbastanza stabile.
FOTO
CANTONE
4 ore
«Quella volta che incontrai Diego a Buenos Aires»
Nel cuore di Maradona c’è sempre stato uno spazio di riguardo per il nostro paese, dove ha soggiornato con le sue figlie.
CANTONE
5 ore
«Solo il 5.7% dei soccorritori ha contratto la malattia»
Il direttore sanitario della Croce Verde luganese ci ha indicato i protocolli per garantire la sicurezza degli operatori
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
14 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
17 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
18 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
18 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
20 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile