TiPress - foto d'archivio
CANTONE
18.11.19 - 14:400

Ex funzionario condannato, il caso è in mano all’alta vigilanza

L’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio ha ritenuto procedere con degli approfondimenti commissionali preventivi

BELLINZONA - Il Governo non ritiene che vi siano i presupposti per la creazione di una Commissione parlamentare d'inchiesta sul caso dell’ex funzionario del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) condannato per coazione sessuale. Dieci giorni fa il Consiglio di Stato aveva deciso di non dare seguito alla richiesta dell’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, che però «oggi ha ritenuto opportuno procedere con degli approfondimenti commissionali preventivi».

In apertura della seduta, quindi, è stato comunicato che l’Ufficio presidenziale ha trasmesso la richiesta alla Commissione della gestione delle finanze per le verifiche preliminari del caso. «La questione è ora in mano all’alta vigilanza» ha detto il presidente del Gran Consiglio Claudio Franscella.

A inizio ottobre l'Ufficio presidenziale aveva ricevuto la richiesta di istituire una Commissione parlamentare d’inchiesta sull’operato e le responsabilità dei funzionari dirigenti coinvolti nell’inchiesta sugli abusi sessuali operati dal funzionario del DSS. A presentarla era stato un gruppo interpartitico di parlamentari constituito da Fiorenzo Dadò (PPD), Boris Bignasca (Lega), Marco Bertoli (PLR), Tamara Merlo (Più Donne), Lara Filippini (UDC), Claudia Crivelli Barella (Verdi) e Matteo Pronzini (Mps-Pop-Indipendenti). «Questo caso ha messo in luce alcune circostanze inquietanti circa un atteggiamento generalizzato di omertà e copertura nell'Amministrazione cantonale, a fronte di gravi crimini contro la sfera sessuale, aspetto che è stato aspramente criticato anche da parte del giudice Villa - scrivevano -. Proprio perché ad oggi permane il sospetto che alti funzionari abbiano coperto un dipendente sottoposto, occorre fare la massima chiarezza sulla questione. Una simile situazione deve essere approfondita e da un'autorità terza deve poi essere smentita o confermata».

Commenti
 
volabas 3 sett fa su tio
Si chiama omerta'; chi protegge chi? Se è stato provato che c'è stata veramente coazione sessuale, allora punite e sanzionate i responsabili, altrimenti cari politici consiglieri e magnaccia vari date le dimissioni almeno per coerenza verso la carica che ricoprite
anndo76 3 sett fa su tio
strano che non se la prendono con il frontaliere....il texas ranger della leventina dovrebbe indagare i suoi soci :-)
Nmemo 3 sett fa su tio
Diversamente ci si dovrebbe chiedere, dove sta il principio della separazione dei poteri se un parere del consiglio di Stato fosse sufficiente a bloccare le decisioni del Parlamento.
marco17 3 sett fa su tio
I predatori sessuali sono un bersaglio facile per esercizi di demagogia ma non sempre paganti: Dadò dovrebbe capirlo se vuole salvare il partito.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
7 min
Guardate cosa hanno “nascosto” nelle cantine dell’ex convento
A Monte Carasso, oltre 400 presepi provenienti da ogni parte del mondo. Uno scenario suggestivo immortalato in video. La coordinatrice Maria Elena Guidotti: «Qui ci sono piccoli “gioielli”»
CANTONE
20 min
Eroina nello zaino, arrestato un 22enne
Il giovane è sospettato di aver spacciato un importante quantitativo di droga a consumatori locali
FOTO E VIDEO
CANTONE / ALBANIA
2 ore
I terremotati ringraziano i ticinesi
Ecco dove sono finiti i beni che avete donato con generosità dopo l'appello su Tio. «Grazie di cuore a tutti»
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Neve, sbanda e finisce in un riale
Sul posto la Tre Valli Soccorso che ha provveduto al trasporto del ferito in ospedale
SAN VITTORE (GR)
5 ore
La presunta rapina si rivela una messinscena
La valigetta con un milione di franchi rubata a San Vittore non è mai transitata dai Grigioni. Ora l'uomo afferma di aver mentito sul luogo, ma non sulla rapina
FOTOGALLERY
CANTONE
5 ore
Dopo la neve il vento. Fino a 130 km/h
Neve in pianura ancora possibile fino alle 15 di oggi. Sole per il weekend
CANTONE / ITALIA
7 ore
Primo omicidio a 15 anni, condannato Pulice
Riconosciute le attenuanti per il sicario della 'ndrangheta, che aveva aperto diverse attività a Lugano, ora collaboratore di giustizia
LUGANO
8 ore
«Forse con l’eredità di mia nonna riuscirò ad arginare quel buco»
Raffaello Molina, imprenditore legato all’obbrobrio di Breganzona e al caso Adria, ha sul groppone un fallimento da 18 milioni di franchi. Ma ci sono novità
MENDRISIO
18 ore
«Un riconoscimento atteso da anni e che va alla gente»
L'iscrizione delle Processioni nella lista Unesco «non dev'essere un punto d'arrivo» per il presidente Gabriele Ponti. Nadia Lupi di Mendrisiotto Turismo: «Uno stimolo, ma anche responsabilità in più»
CANTONE
21 ore
«Ha ucciso la nonna per darle una lezione»: 18 anni al nipote
L’autore del delitto di Caslano è stato condannato per assassinio. La pena sospesa a favore di un trattamento stazionario
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile