TiPress - foto d'archivio
CANTONE
12.08.20 - 07:230
Aggiornamento : 07:39

Tribunale e Procura federale, il Ticino vuole chiarezza

Il Governo ha scritto una lettera al Consiglio federale in cui si dichiara «preoccupato» per il clima di lavoro

BELLINZONA - «L’immagine del Tribunale penale federale e dell’antenna ticinese del Ministero pubblico della Confederazione scaturita dai media ci porta a esprimere la preoccupazione che potrebbe avere delle ripercussioni sull’efficienza e l’efficacia nel loro operato come pure sulla loro credibilità e la fiducia riposta in queste importanti istituzioni da parte della cittadinanza». I rimproveri di sessismo, mobbing e trattamento scorretto nei confronti degli italofoni che lavorano a Bellinzona (TPF) e le segnalazioni di pubbliche umiliazioni, mobbing, clima di lavoro insostenibile, favoritismi e vessazioni a Lugano non hanno lasciato il Consiglio di Stato indifferente.

Il Governo - riferisce la Regione - ha inoltrato il 6 agosto una lettera al Consiglio federale, firmata dal presidente Norman Gobbi. «Non possiamo che auspicare una piena quanto celere chiarezza da parte delle preposte Autorità di vigilanza», si legge. A Berna viene chiesto «di farsi parte attiva presso la Commissione amministrativa del Tribunale federale e le competenti Commissioni parlamentari come pure l’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione, perché ciò possa avvenire».

Il 20 aprile scorso - lo ricordiamo -, la Commissione amministrativa del Tribunale federale (TF) aveva pubblicato il risultato delle sue verifiche avviate il 6 gennaio in seguito a indiscrezioni giornalistiche su un presunto clima pesante in seno al TPF, caratterizzato da lotte di potere, eccessi di spesa, mobbing e sessismo. L'organo di vigilanza era giunto alla conclusione che non ci fossero prove sufficienti a supporto di tali insinuazioni, in particolare di mobbing nei confronti di dipendenti ticinesi. Il rapporto non aveva però soddisfatto le Commissioni della gestione (CdG) delle Camere federali, secondo cui il documento non era degno di questa istituzione. A fine luglio 15 giudici hanno sottoscritto una lettera inviata all’organo di vigilanza, parlando di «interessi personali» e «diffamazione».

La presunta situazione di mobbing presso l’antenna ticinese del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) è stata denunciata da due dipendenti all’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione. Proprio il giorno prima della lettera firmata da Gobbi, un’interrogazione di Giorgio Fonio e Boris Bignasca è finita sul tavolo del Governo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
Ajla va come un treno
L'atleta ticinese scelta come testimonial della Ferrovia Centovallina.
CANTONE
1 ora
Altri 214 contagi e cinque morti in Ticino
L'andamento della pandemia nel nostro cantone rimane «seria», ma abbastanza stabile.
FOTO
CANTONE
4 ore
«Quella volta che incontrai Diego a Buenos Aires»
Nel cuore di Maradona c’è sempre stato uno spazio di riguardo per il nostro paese, dove ha soggiornato con le sue figlie.
CANTONE
5 ore
«Solo il 5.7% dei soccorritori ha contratto la malattia»
Il direttore sanitario della Croce Verde luganese ci ha indicato i protocolli per garantire la sicurezza degli operatori
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
14 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
18 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
18 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
19 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
20 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile