tipress (archivio)
BELLINZONA
20.04.20 - 17:330
Aggiornamento : 18:07

Caos al TPF: «Episodi discutibili, ma niente mobbing»

L'autorità di vigilanza suggerisce tuttavia il licenziamento della segretaria generale

BELLINZONA - Non ci sono prove sufficienti che presso il Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona ci siano stati casi di mobbing nei confronti di dipendenti ticinesi. È il parere della Commissione amministrativa del Tribunale federale (TF), che però riconosce come in passato si siano verificati episodi discutibili.

Suggerito un licenziamento - Pertanto l'autorità di vigilanza, in un rapporto divulgato oggi, propone una serie di misure per rimediare ai problemi emersi. La raccomandazione più seria riguarda la segretaria generale, il cui operato viene criticato e per la quale è suggerito il licenziamento.

L'organo del TF annuncia di avere chiuso la propria indagine. In questo contesto, ha ascoltato otto giudici e la stessa segretaria generale. La procedura era stata avviata il 6 gennaio per vederci chiaro su una serie di indiscrezioni giornalistiche. La stampa aveva parlato di varie violazioni, tra cui faide e lotte di potere fra giudici, abusi nelle note spese, sessismo e mobbing.

Nessun mobbing contro i ticinesi - La commissione scrive che tutti gli intervistati di lingua tedesca e francese negano che ci sia stata una forma di mobbing contro i ticinesi. Due giudici e la segretaria, tutti italofoni, avevano invece riferito dell'esistenza di molestie.

Secondo l'autorità di vigilanza però, non ci sono evidenze che ciò sia realmente accaduto. Nemmeno la mancata rielezione, annunciata lo scorso settembre, di Giorgio Bomio-Giovanascini, presidente della Corte dei reclami penali, e Claudia Solcà, presidente della Corte d'appello, possono essere attribuite a questo, ma sono da far risalire al mancato adempimento dei doveri.

Riguardo alle note spese, pure in questo caso non è stato possibile trovare prove concrete. Stando alla commissione però, il TPF deve smettere di farsi carico della partecipazione di membri del personale a eventi politici dei gruppi parlamentari e a corsi di preparazione alla pensione.

Per quel che concerne invece le molestie sessuali, la commissione taglia corto, pur ammettendo una frase infelice uscita dalla bocca del presidente della Corte penale e rivolta a una o due impiegate, invitate a «non restare incinte». L'uomo, che poi si è scusato, si era così espresso a causa della mole di lavoro nella primavera del 2018.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 7 mesi fa su tio
Cane non mangia cane! E a pagare é la solita segretaria...
tip75 7 mesi fa su tio
ma quando mai si vede riconosciuto un caso di mobbing dalla legge...ridiamoci su che siamo sempre e ancora lontani da tantissimi diritti che si spacciano per uguali
Tato50 7 mesi fa su tio
@tip75 Fino a quando un giorno, chi subisce il "mobbing" va in ufficio con il fucile e emette lui la sentenza. Qualche precedente c'è già stato !
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Si stupisce trovando i moretti alla Migros. «In Ticino mai tolti»
In giugno il dibattito aveva acceso il nord delle Alpi. Ma da noi kisss e prodotti freschi non sono mai scomparsi
CANTONE / CONFINE
3 ore
Natale (forse) blindato? Coppie transfrontaliere in protesta
Lanciata una petizione indirizzata direttamente all'ufficio del premier italiano Giuseppe Conte
LOCARNO
8 ore
Visite ai pazienti Covid: ecco cosa cambia
Incontri in camera, di 15 minuti, uno alla volta, ogni due giorni. È vietato portare loro cibo o bevande
CANTONE
10 ore
Altri 246 casi nelle ultime 24 ore
Sette le persone che hanno perso la vita ieri a causa del Covid-19. C'è una nuova classe in quarantena
CANTONE / VATICANO
21 ore
Fondi vaticani, le "carte di Lugano" per chiarire lo scandalo
I documenti potrebbero portare a una svolta nelle indagini sul caso del "palazzo di Londra".
FOTO
MENDRISIO
1 gior
Qui solitudine e isolamento degli anziani si combattono da 30 anni
Il Servizio Anziani Soli, istituito a Mendrisio nel 1990, è tuttora un unicum a livello ticinese.
CANTONE
1 gior
Radar accesi su quattro distretti
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno Bellinzona, Locarno, Lugano e Mendrisio.
CANTONE
1 gior
2'300 firme per avere «più corse nelle tratte affollate»
Covid-19 e trasporto pubblico: il SISA ha consegnato oggi alle autorità le firme raccolte con una petizione online.
CANTONE
1 gior
Cantieri e misure anti-Covid: «Scenario desolante»
Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 gior
Liceo evacuato per un principio d'incendio
Ad aver preso fuoco sarebbe un albero di Natale. Le fiamme sono state rapidamente domate dai pompieri.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile