MPC
CANTONE
05.08.20 - 12:510

Mobbing in Procura federale: «Ci rimette il Ticino?»

Giorgio Fonio e Boris Bignasca interrogano il Consiglio di Stato in merito alla situazione denunciata da due dipendenti

LUGANO - «Pubbliche umiliazioni, mobbing, clima di lavoro insostenibile, grida, porte sbattute, favoritismi e vessazioni, oltre a un controllo sistematico dell’attività informatica». È una situazione davvero surreale quella denunciata da due dipendenti presso l’antenna ticinese del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) e riportata dalla RSI. Negli ultimi anni «una mezza dozzina di collaboratori se ne sarebbe andata per esasperazione».

Le due cancelliere avrebbero segnalato negli anni la situazione al procuratore Michael Lauber, invano. Di recente si sono quindi rivolte all’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione con due reclami.

Ma se la situazione presso l’antenna ticinese (a Lugano) dell’MPC è questa, «come è possibile garantire una efficiente lotta alla criminalità organizzata, una delle principali priorità del nostro Paese?». Se lo domandano - e lo chiedono al Governo - Giorgio Fonio e Boris Bignasca.

I due granconsiglieri (rispettivamente PPD e Lega) hanno inoltrato al Consiglio di Stato un’interrogazione, con lo scopo di ottenere una presa di posizione da parte del Governo nei confronti dei problemi sollevati presso la Procura federale.

Fonio e Bignasca chiedono lumi anche sulla situazione della responsabile dell’antenna luganese dell’MPC. «Dal 1. marzo è stata nominata a Berna a capo dell’unità reati economici. Il doppio ruolo non potrebbe minare il funzionamento dell’antenna?».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
Chiasso
5 ore
Prove di un Nebiopoli covid-safe
L'obiettivo degli organizzatori è capire se nel 2022 sarà possibile tornare a proporre la festività in formula piena
LUGANO
23 ore
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
1 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
1 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
1 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile