Immobili
Veicoli
Keystone
Per Coira, non si chiude (foto d'archivio)
GRIGIONI
28.03.20 - 00:070

Cantieri ancora aperti nel Moesano: «Ora basta, governo grigionese!»

Per Nicoletta Noi-Togni, è il «paradosso di essere praticamente ticinesi»: «Dovremo interrogarci e fare una scelta».

SAN VITTORE - Dopo che, in giornata, il Consiglio federale ha aperto uno spiraglio, per i Cantoni, per adottare in casi eccezionali misure per la lotta al nuovo coronavirus che vadano oltre quanto disposto da Berna (un riferimento, questo, ad alcun decisioni del Ticino), Nicoletta Noi-Togni torna alla carica per chiedere a Coira che si chiudano i cantieri anche nel Moesano come già deciso per il nostro cantone.

«Oggi Berna vi ha messo una soluzione su di un piatto d’argento», lamenta la sindaca di San Vittore (GR) e granconsigliera grigionese in una "Lettera aperta alla popolazione e ai media" (sotto il testo completo) in cui si rivolge con malcelata esasperazione al Consiglio di Stato retico. «Con una “finestra” giuridica che vi avrebbe permesso di equiparare il Moesano al Ticino nella lotta al Coronvirus. Cosa avete risposto? Avete risposto no», aggiunge. 

Ed è in particolare la motivazione di quel "no" a lasciare Noi-Togni basita: «Cosa devo pensare di tutto ciò? Che ancora non sapete che le urgenze sanitarie, e non solo le urgenze, del Moesano devono venir accolte dal Ticino perché altrimenti ne andrebbe della vita della gente della nostra regione?», si chiede. Al Ticino i Grigioni dovrebbero guardare come a un esempio nel contrasto alla diffusione del coronavirus: «Non importa niente a Coira che il Ticino stia facendo di tutto per evitare il maggior numero possibile di contagi, mentre il Moesano, per volontà del suo Governo, non lo può fare?», scrive la sindaca di San Vittore.

«Ancora una volta il paradosso di essere regione praticamente ticinese ma di non esserlo politicamente», continua, accusando il governo retico di «sordità e testardaggine» per quanto riguarda le peculiarità delle vallate italofone che compongono il distretto. E aggiunge una considerazione sibillina: «Il Moesano dovrà interrogarsi su tutto ciò e magari finalmente prendere una decisione».

E conclude: «A questo punto, il potere legislativo che ha la sorveglianza sul potere esecutivo del Governo, dovrebbe insorgere. Io lo sto facendo».

Lettera aperta alla popolazione e ai media

Cio’ che dico al Governo grigionese dopo le affermazioni di Berna e di Coira.

Adesso però basta Governo grigionese!! Oggi Berna vi ha messo una soluzione su di un piatto d’argento. Con una “finestra” giuridica che vi avrebbe permesso di equiparare il Moesano al Ticino nella lotta al Coronvirus. Cosa avete risposto? Avete risposto no, che non è necessario perché le strutture sanitarie grigionesi coprono il fabbisogno originato dall’epidemia Coronavirus e che il Moesano resta nella situazione attuale. Cosa devo pensare di tutto ciò? Che ancora non sapete che le urgenze sanitarie – e non solo le urgenze – del Moesano devono venir accolte dal Ticino perché altrimenti ne andrebbe della vita della gente della nostra regione? Deve forse chi sta male venire a Coira con dispendio di tempo che può essere prezioso e di personale già al limite della fatica? Quale logica, quale buon senso, quale sentimento in tutto ciò? Non importa niente a Coira che il Ticino stia facendo di tutto per evitare il maggior numero possibile di contagi, mentre il Moesano, per volontà del suo Governo, non lo può fare? La possibilità è oggi data da Berna. Con una simile disposizione noi potremmo far chiudere, con buona coscienza, ciò che va chiuso, senza penalizzare ditte e imprese. A questo punto non lo possiamo fare. Ancora una volta il paradosso di essere regione praticamente ticinese ma di non esserlo politicamente. Da tantissimi anni conviviamo con questa situazione che tutto richiede men che sordità e testardaggine da parte del Governo. Che le dimostri ora, a fronte di una calamità sanitaria di simile portata, è inconcepibile. Dove è andata a finire l’arte politica del compromesso e l’attitudine di solidarietà tra regioni e cantoni, lo stesso spirito confederale? Il Moesano dovrà interrogarsi su tutto ciò e magari finalmente prendere una decisione. Non far succedere tutto ciò sarebbe stato semplice: equiparando il Moesano al Ticino in uno stato di grave necessità, di emergenza sanitaria nella lotta al Coronavirus. L’ho chiesto come sindaca e deputata in Gran Consiglio subito, più di un mese fa. Constato che le visite in loco hanno portato solo al contrario di ciò che avrebbe dovuto essere. A questo punto, il potere legislativo che ha la sorveglianza sul potere esecutivo del Governo, dovrebbe insorgere. Io lo sto facendo.

Nicoletta Noi-Togni

Keystone
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
3 ore
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
CANTONE
11 ore
Nuovi positivi a scuola e nelle case anziani
Sono 17 le classi attualmente in confinamento. Nelle strutture per anziani sono 116, in totale, gli ospiti positivi.
CANTONE
14 ore
Telelavoro, ecco quanti sono i furbetti in Ticino
L'Ufficio dell'ispettorato del Lavoro snocciola qualche numero e spiega: «Si rischiano sanzioni e denunce»
LUGANO
16 ore
In primavera si punta di nuovo sul lungolago (chiuso)
Lo scorso anno la chiusura domenicale è stata un successo. L'iniziativa sarà riproposta a partire da Pasqua
CANTONE
16 ore
Una fattura dal medico del traffico, più di cinque anni dopo
Decine di persone si sono viste richiedere il pagamento dell'IVA (entro 10 giorni) per le prestazioni ottenute nel 2016.
CANTONE
1 gior
Pronzini: «Questa candidatura è una provocazione»
L'MPS chiederà il rinvio della nomina del CdM ad hoc prevista lunedì in Parlamento
CANTONE
1 gior
Caos ferroviario a causa di un guasto
Sulla rete ferroviaria ticinese treni soppressi o in ritardo. La perturbazione è terminata
AGNO
1 gior
La Fiera di San Provino salta (di nuovo)
Per il terzo anno consecutivo il tradizionale evento di Agno, previsto a marzo, non si terrà.
FOTO
CANTONE
1 gior
La moglie faceva il palo, lui contrabbandava prosciutti
Il Tribunale amministrativo federale ha fornito nuovi dettagli sul modo di agire di un contrabbandiere fermato nel 2017.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile