Keystone / tio-20minuti
LUGANO
22.11.19 - 16:090
Aggiornamento : 17:27

Morta dopo la liposuzione, il medico non operava in Ticino

Arriva a distanza di un anno e mezzo la risposta del Consiglio di Stato sul dottor M.C. «Non ha mai ricevuto l'autorizzazione a esercitare»

LUGANO - «Non vi è nemmeno oggi alcuna evidenza che il medico in questione abbia mai lavorato in Ticino». È questa la risposta del Consiglio di Stato all’interrogazione presentata da Massimiliano Robbiani oltre un anno e mezzo fa. Il medico a cui si fa riferimento è M.C., finito al centro della bufera in aprile 2018 dopo una liposuzione finita tragicamente con la morte di una donna 36enne romena, al termine di un’agonia durata mesi. Il medico chirurgo sul sito Internet asseriva di lavorare anche a Lugano, e più precisamente alla Swiss Health and Beauty, proprio in centro.

Non lavorava in Ticino - «Le verifiche effettuate dall’autorità di vigilanza sanitaria e dalla polizia comunale hanno dato esito negativo», scrive il Governo, pur precisando che «in questo ambito la certezza non può essere assoluta» considerati gli 8’000 operatori sanitari autorizzati sul territorio. Già quando era scoppiato il caso, comunque, era stato da più parti precisato che il dottor M.C. non aveva ricevuto l’autorizzazione a esercitare in Svizzera.

Negata l’abilitazione - Nonostante questo, M.C. pubblicizzava a più riprese sul sito e sui social la sua attività a Lugano di “lavori rigenerativi e cosmetici”. Il Dipartimento della sanità e della socialità però, emerge ora, già a dicembre 2017 aveva contattato il medico nell’ambito del trattamento dell’istanza di libero esercizio, che gli era stata negata «perché non in possesso del necessario titolo di perfezionamento». Gli era quindi stata anche ricordata «l’illiceità di ogni attività sanitaria senza autorizzazione». Senza l’autorizzazione, M.C. aveva deciso di non avviare un’attività professionale in Ticino e non è mai arrivata alcuna segnalazione di pazienti trattati abusivamente. 

L’Italia non indaga per la Svizzera - E se il dottor M.C. avesse preso a carico pazienti ticinesi fuori dal territorio? Il Consiglio di Stato fa sapere di non avere chiesto informazioni alla vicina Penisola al riguardo, «sia perché l’Italia non indaga su attività in territorio ticinese, sia perché la presa a carico di pazienti ticinesi in Italia non sarebbe illecita, essendo il medico iscritto all’albo italiano». Un’attività su territorio italiano «non potrebbe inoltre essere perseguita in Ticino».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore
A colloquio con due massoni, e le loro rivelazioni
Ne abbiamo incontrati due. Hanno rivelato ciò che accade nei gruppi massonici e chi sono. Qualcosa di inquietante è emerso
FOTO / VIDEO
LUGANO
9 ore
Il venerdì sera deserto della Foce
Prima serata di chiusura per lo sbocco del Cassarate. La zona sarà off-limits dopo le 20 anche domani e domenica
PORZA
10 ore
Qualche goccia di pioggia, un po' di sole... e spunta l'arcobaleno
La breve parentesi di temporale ha regalato uno spettacolo di colori in cielo
CANTONE
13 ore
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
13 ore
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
LUGANO
15 ore
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
16 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
GORDOLA
17 ore
Chi ha aiutato Aurèle sulla via dei Monti Motti?
La polizia è in cerca dell'uomo che aveva aiutato Aurèle a ritrovare la via. Si è smarrito di nuovo.
CANTONE
18 ore
Furbetti dei crediti Covid: denunciati in 10
In Ticino la Procura indaga su una serie di presunti abusi sui prestiti garantiti dalla Confederazione
LUGANO
18 ore
Spaccio di coca, quattro arresti
In manette anche un 75enne. Sequestrati alcune decine di grammi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile