Keystone / tio-20minuti
LUGANO
22.11.19 - 16:090
Aggiornamento : 17:27

Morta dopo la liposuzione, il medico non operava in Ticino

Arriva a distanza di un anno e mezzo la risposta del Consiglio di Stato sul dottor M.C. «Non ha mai ricevuto l'autorizzazione a esercitare»

LUGANO - «Non vi è nemmeno oggi alcuna evidenza che il medico in questione abbia mai lavorato in Ticino». È questa la risposta del Consiglio di Stato all’interrogazione presentata da Massimiliano Robbiani oltre un anno e mezzo fa. Il medico a cui si fa riferimento è M.C., finito al centro della bufera in aprile 2018 dopo una liposuzione finita tragicamente con la morte di una donna 36enne romena, al termine di un’agonia durata mesi. Il medico chirurgo sul sito Internet asseriva di lavorare anche a Lugano, e più precisamente alla Swiss Health and Beauty, proprio in centro.

Non lavorava in Ticino - «Le verifiche effettuate dall’autorità di vigilanza sanitaria e dalla polizia comunale hanno dato esito negativo», scrive il Governo, pur precisando che «in questo ambito la certezza non può essere assoluta» considerati gli 8’000 operatori sanitari autorizzati sul territorio. Già quando era scoppiato il caso, comunque, era stato da più parti precisato che il dottor M.C. non aveva ricevuto l’autorizzazione a esercitare in Svizzera.

Negata l’abilitazione - Nonostante questo, M.C. pubblicizzava a più riprese sul sito e sui social la sua attività a Lugano di “lavori rigenerativi e cosmetici”. Il Dipartimento della sanità e della socialità però, emerge ora, già a dicembre 2017 aveva contattato il medico nell’ambito del trattamento dell’istanza di libero esercizio, che gli era stata negata «perché non in possesso del necessario titolo di perfezionamento». Gli era quindi stata anche ricordata «l’illiceità di ogni attività sanitaria senza autorizzazione». Senza l’autorizzazione, M.C. aveva deciso di non avviare un’attività professionale in Ticino e non è mai arrivata alcuna segnalazione di pazienti trattati abusivamente. 

L’Italia non indaga per la Svizzera - E se il dottor M.C. avesse preso a carico pazienti ticinesi fuori dal territorio? Il Consiglio di Stato fa sapere di non avere chiesto informazioni alla vicina Penisola al riguardo, «sia perché l’Italia non indaga su attività in territorio ticinese, sia perché la presa a carico di pazienti ticinesi in Italia non sarebbe illecita, essendo il medico iscritto all’albo italiano». Un’attività su territorio italiano «non potrebbe inoltre essere perseguita in Ticino».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE / ALBANIA
1 ora
I terremotati ringraziano i ticinesi
Ecco dove sono finiti i beni che avete donato con generosità dopo l'appello su Tio. «Grazie di cuore a tutti»
FOTO
BELLINZONA
3 ore
Neve, sbanda e finisce in un riale
Sul posto la Tre Valli Soccorso che ha provveduto al trasporto del ferito in ospedale
SAN VITTORE (GR)
5 ore
La presunta rapina si rivela una messinscena
La valigetta con un milione di franchi rubata a San Vittore non è mai transitata dai Grigioni. Ora l'uomo afferma di aver mentito sul luogo, ma non sulla rapina
FOTOGALLERY
CANTONE
5 ore
Dopo la neve il vento. Fino a 130 km/h
Neve in pianura ancora possibile fino alle 15 di oggi. Sole per il weekend
CANTONE / ITALIA
6 ore
Primo omicidio a 15 anni, condannato Pulice
Riconosciute le attenuanti per il sicario della 'ndrangheta, che aveva aperto diverse attività a Lugano, ora collaboratore di giustizia
LUGANO
7 ore
«Forse con l’eredità di mia nonna riuscirò ad arginare quel buco»
Raffaello Molina, imprenditore legato all’obbrobrio di Breganzona e al caso Adria, ha sul groppone un fallimento da 18 milioni di franchi. Ma ci sono novità
MENDRISIO
18 ore
«Un riconoscimento atteso da anni e che va alla gente»
L'iscrizione delle Processioni nella lista Unesco «non dev'essere un punto d'arrivo» per il presidente Gabriele Ponti. Nadia Lupi di Mendrisiotto Turismo: «Uno stimolo, ma anche responsabilità in più»
CANTONE
20 ore
«Ha ucciso la nonna per darle una lezione»: 18 anni al nipote
L’autore del delitto di Caslano è stato condannato per assassinio. La pena sospesa a favore di un trattamento stazionario
LUGANO
20 ore
Mezzo milione per uno studio: obiettivo lungolago
Il Municipio di Lugano ha licenziato il messaggio per il credito al masterplan. Al via la progettazione
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile