Keystone - foto simbolica
ITALIA
12.04.18 - 21:180

Muore dopo una liposuzione: «Nove mesi di agonia»

Il medico ha operato la donna in un centro di Milano. Sul suo sito parla però anche di «una struttura nel cuore di Lugano»

MILANO - Sono stati nove mesi «di agonia» quelli che ha vissuto, stando alla denuncia del suo compagno, A. C., romena di 36 anni che lo scorso luglio si è sottoposta ad una liposuzione in un «centro di chirurgia plastica ed estetica» in pieno centro a Milano e poi è morta ieri in un hospice nel Bresciano, dopo una serie di operazioni, anche a Bucarest, a causa di una «infezione devastante» seguita a quell'intervento estetico.

La Procura milanese ha inviato i Nuclei antisofisticazioni e sanità (Nas) dei carabinieri a perquisire lo studio-appartamento di M. C., 32 anni, che sul suo sito si definisce "medico chirurgo" (ma sono in corso verifiche) e che ora è indagato per omicidio colposo.

Quando i militari oggi sono entrati nello studio di M. C. («la clinica nel cuore di Milano», si legge sul sito) il medico stava proprio effettuando una liposuzione e c'erano altri clienti in attesa. Sul web M. C. si descrive come «autorevole esperto in campo di rigenerazione dei tessuti con cellule staminali da tessuto adiposo» e spiega che «esercita presso la struttura SHB Clinic situata nel cuore di Lugano», in Svizzera.

Il 5 luglio 2017, la donna, che viveva in Romania, si è presentata in quello studio «su consiglio di un'amica», come ha precisato il legale del compagno, l'avvocato Laura Gravina, per una liposuzione, ossia l'asportazione di parte del tessuto adiposo, ai fianchi, all'addome e alle gambe, ma appena dimessa, stando alla denuncia, si è sentita male con febbre e convulsioni. È rimasta alcuni giorni in una stanza d'albergo a Milano e poi col compagno è tornata in Romania dove sarebbe arrivata in condizioni già gravi.

È stata operata più volte a Bucarest, sempre stando alla denuncia presentata circa un mese fa alla Procura bresciana e poi trasmessa a Milano, anche per una "fascite necrotizzante". Poi, stando ancora all'esposto, su decisione del compagno, dato che le sue condizioni non miglioravano, è stata trasferita alla Fondazione Poliambulanza di Brescia, dopo vivono amici della coppia, e alcuni giorni fa «in condizioni ormai disperate» è stata ricoverata in un hospice di Orzinuovi, dove è morta ieri. La salma, su disposizione della magistratura, è stata portata agli Spedali civili di Brescia.

«Aveva un'infezione devastante nelle parti basse del corpo», ha chiarito l'avvocato Gravina. A breve, nell'ambito dell'inchiesta coordinata dall'aggiunto Tiziana Siciliano e dal pubblico ministero (pm) Luisa Baima Bollone, verrà fissata l'autopsia per chiarire le cause della morte (tra i periti saranno nominati anche un chirurgo plastico e un infettivologo). Le indagini dovranno verificare, in particolare, anche se nell'operazione chirurgica siano state rispettate tutte le prescrizioni igienico sanitarie.

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore

FMI: «I tassi bassi sono un rischio per la stabilità finanziaria»

«Spingono gli investitori verso asset rischiosi e contribuiscono a far crescere la montagna di debito a rischio delle imprese»

MAROCCO
4 ore

Il re grazia la giornalista condannata per aborto

Il caso aveva sollevato una reazione a catena nella società civile: manifestazioni, raccolte di firme e lettere di autoaccusa

REGNO UNITO
7 ore

Furto del gabinetto d'oro di Cattelan, fermate altre tre persone

L'opera non è ancora stata ritrovata. Faceva parte di una mostra ospitata dal Blenheim Palace a Woodstock

FOTO E VIDEO
STATI UNITI
9 ore

Troppo stanco per proseguire: salvato cane da 86 chili

Con il suo padrone aveva affrontato un sentiero sul Grandeur Peak. Sono stati riportati in pianura prima che facesse troppo freddo

PAESI BASSI
10 ore

Chiusi in cantina per nove anni, i vicini: «Non ne avevamo idea»

I residenti di Ruinerwold si interrogano sull'assurda scoperta. Anche chi aveva sospetti pensava al massimo al traffico di droga

ITALIA
11 ore

Bus contro un albero a Roma: 29 feriti, nove sono gravi

Non è ancora stata chiarita la dinamica dell’incidente

GERMANIA
13 ore

Due morti sospette a Haldensleben

Si tratta di due dipendenti del corriere tedesco Hermes, deceduti a distanza di poche ore sul posto di lavoro

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile