Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
08.10.19 - 10:210

Il permafrost che si scioglie è un problema anche finanziario

I costi generati dai controlli di sicurezza ricadono sulle funivie di montagna. La Fiescheralp-Eggishorn, in Vallese, è stata chiusa per precauzione

ZURIGO - Lo scioglimento del Permafrost preoccupa i gestori delle ferrovie di montagna. L'ultimo esempio è la la chiusura della funivia Fiescheralp-Eggishorn in Vallese, avvenuta pochi giorni fa a causa del cedimento del terreno. Oltre alla questione ambientale, lo scioglimento del suolo ghiacciato pesa anche dal lato finanziario, dal momento che i costi generati dai controlli di sicurezza ricadono sulle funivie di montagna.

Se fonde il permafrost - il suolo che rimane perennemente gelato - manca infatti l'elemento di coesione e di stabilità della roccia. L'argomento non è nuovo. Dieci anni fa, l'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos (GR) ha pubblicato una linea guida per le costruzioni - ad esempio funivie, pali, opere di difesa da valanghe - e gli edifici in montagna che sorgono nel permafrost.

La novità è che per la prima volta una funivia di montagna è stata chiusa a titolo preventivo per far fronte allo scioglimento del permafrost. Un'analisi della situazione realizzata dal servizio tecnico dell'azienda che gestisce l'impianto, coadiuvato da esperti esterni, ha individuato il problema alla stazione a monte della funivia, sull'Eggishorn.

A un'altezza di circa 3000 metri, la stazione nei pressi del ghiacciaio dell'Aletsch non è però l'unica costruzione in altitudine che sorge nel permafrost. In Svizzera ce ne sono diverse, sostiene Robert Kenner, esperto di neve e permafrost dell'Istituto di Davos. «Ciò non vuol dire automaticamente che tutte le strutture sono a rischio», aggiunge il collaboratore scientifico interrvistato dall'agenzia Keystone-ATS.

Costi importanti per i gestori - L'SLF non tiene un elenco delle ferrovie e delle regioni particolarmente a rischio, ma l'istituto ha tuttavia un mandato di consulenza con alcune ferrovie di montagna. Queste ultime, dal 2008, sono responsabili loro stesse dei rapporti di sicurezza, mentre in passato era l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) a effettuare controlli sugli impianti a fune.

Ciò genera costi importanti per le singole società che gestiscono funivie di montagna. Tuttavia, l'UFT ritiene che gli operatori del settore prendono molto seriamente la questione del permafrost ed è anche nel loro interesse fornire ed eseguire controlli di sicurezza in modo coscienzioso. Questi ulteriori fattori di costo - aggiunge l'UFT a Keystone-ATS - sono comunque sostenibili finanziariamente per i gestori degli impianti.

Secondo i dati dell'associazione Funivie Svizzere, il settore nel 2017 ha generato un fatturato pari a circa 1,36 miliardi di franchi. La maggior parte delle entrate sono state registrate in Vallese (315 milioni di franchi), seguito dai Grigioni (243 milioni).

Il numero di passeggeri sulle funivie elvetiche tuttavia non sta progredendo come quello che si sposta su rotaia. Secondo l'Ufficio federale di statistica (UST) il traffico passeggeri sulle ferrovie in Svizzera è più che raddoppiato tra il 2000 e il 2017, raggiungendo i 613 milioni di viaggi registrati. I dati per gli impianti di risalita a fune è invece aumentato del 6,3% a poco meno di 203'000 viaggi.

Permafrost sotto osservazione - Lo scioglimento del permafrost rimane un tema molto seguito dai ricercatori elvetici. I ricercatori del Politecnico di Zurigo stanno studiando l'influenza dei cambiamenti climatici sulla stabilità delle pareti rocciose. A 3500 metri di altitudine, in 29 località - ad esempio sulla cresta dell'Hörnli, sul lato nord-orientale del Cervino - sono state installate apparecchiature che da oltre dieci anni scattano foto, misurano fessure e vibrazioni e registrano segnali acustici praticamente 24 ore al giorno. La ricerca fornirà modelli per effettuare previsioni di possibili crolli.

L'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe di Davos, attraverso la Rete svizzera di monitoraggio del permafrost (PERMOS), misura invece le temperature di questo tipo di terreno in 16 località delle Alpi effettuando trivellazioni profonde da 20 a 100 metri.

Secondo le stime dell'Ufficio federale dell'ambiente, la percentuale di superfici instabili è compresa tra il sei e l'otto percento del totale. Sull'Aletsch, il più grande ghiacciaio delle Alpi, nell'ottobre 2016 una parte di roccia è franata ed ha interrato alcuni sentieri escursionistici. Anche sulla cima del Cervino, costituita da un cumulo di rocce unito dal permafrost, la situazione del riscaldamento è seguita con grande attenzione. Se la temperatura sulla vetta della montagna, a 4478 metri, sale al di sopra degli zero gradi centigradi vi è infatti il rischio che il terreno ceda.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
36 min
Liberale, fidanzata e fan della fondue: ecco la consigliera agli Stati più giovane
Classe 1988, Johanna Gapany è stata eletta domenica al ballottaggio a Friburgo. Donne che si impegnano in politica, afferma, ce ne vorrebbero di più
ZURIGO
1 ora
5G: la maggioranza della popolazione vorrebbe fosse fermato
Secondo un sondaggio Tamedia, più della metà degli intervistati è contro una copertura a tappeto. A trarne vantaggio, sostengono, sarebbero le grandi aziende
VIDEO
ZURIGO
9 ore
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
10 ore
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
11 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
FRIBURGO
15 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
LUCERNA
17 ore
Furto milionario in gioielleria, sei persone arrestate
Il colpo è avvenuto il 26 ottobre presso la gioielleria Gübelin in pieno centro. Parte del bottino è stata recuperata
BERNA
18 ore
L'Udc rivendica «il diritto di scherzare» sui gay
Includere l'omofobia nella legge anti-razzismo? Un comitato referendario, riunito oggi nella capitale, ha illustrato i motivi del "no"
SVIZZERA
19 ore
Banca ginevrina vuole attirare clienti svizzeri in Italia
Si tratta di Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval, nata dall'acquisizione del gruppo elvetico Morval Vonwiller da parte del gigante italiano Intesa Sanpaolo
SVIZZERA
19 ore
Quella guerra allo scontrino fatta nel nome dell'ambiente
Coop l'ha lanciata, Lidl la fa già da anni e Migros... sta inseguendo. Ecco come sta cambiando il nostro modo di fare la spesa
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile