Keystone
MAROCCO / SVIZZERA
29.12.18 - 19:410
Aggiornamento : 30.12.18 - 10:10

Turiste scandinave decapitate, arrestato uno svizzero

L'uomo è stato interrogato nell'ambito delle indagini sulla morte di Louisa Vestergager Jespersen e di Maren Ueland

RABAT - Un cittadino svizzero residente in Marocco è stato arrestato oggi a Marrakech per il suo presunto legame con alcuni sospettati del recente assassinio di due giovani escursioniste scandinave nel sud del Paese. Lo ha annunciato l'Ufficio centrale marocchino per le investigazioni giudiziarie (Bureau central d'investigation judiciaire, BCIJ).

L'uomo, «intriso di ideologia estremista» possiede anche la nazionalità spagnola, precisa il BCIJ. Egli è «sospettato di aver insegnato ad alcune delle persone coinvolte nella vicenda gli strumenti di comunicazione derivanti dalle nuove tecnologie e di averle addestrate a sparare», stando a quanto si legge in una nota.

Contattato dall'agenzia Keystone-ATS, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha indicato di essere stato informato dalle autorità giudiziarie marocchine dell'arresto. È in contatto con queste ultime per chiarimenti supplementari, ha precisato il portavoce del DFAE, George Farago.

I fatti - Una studentessa danese di 24 anni e la sua amica, una norvegese di 28 anni, sono state uccise la notte tra il 16 e il 17 dicembre nel sud del Marocco, dove erano in vacanza. I loro corpi sono stati rinvenuti in un'area isolata dell'Alto Atlante, in una zona molto frequentata dagli escursionisti. Entrambe le vittime sono state decapitate.

Gli arresti - Le autorità marocchine hanno già arrestato 18 persone per i loro presunti legami con il doppio omicidio, definito di matrice «terrorista» da Rabat. I quattro principali responsabili, arrestati a Marrakech nei giorni successivi al crimine, appartenevano a una cellula ispirata all'ideologia del gruppo del sedicente Stato islamico (ISIS) ma «senza contatto» con i suoi funzionari in Siria o in Iraq, ha dichiarato pochi giorni fa all'agenzia AFP il capo dell'antiterrorismo marocchino, Abdelhak Khiam.

Il caso ha suscitato grande emozione in Norvegia, Danimarca e Marocco, dove un video trasmesso sui social network, che mostra l'esecuzione di una delle due vittime, ha sconvolto il paese. Il filmato è considerato autentico dalle autorità marocchine, secondo una fonte vicina all'indagine.

TOP NEWS Svizzera
BASILEA
33 min
Anche Manor introduce la consegna di alimentari a domicilio
Gli ordini saranno raccolti per telefono e nei prossimi giorni anche per e-mail
SVIZZERA
48 min
Covid-19, una clausola per gli indipendenti?
Tassisti, fisioterapisti, autonomi in difficoltà. Finora sono rimasti senza salvagente
SVIZZERA
1 ora
«Nessun lockdown completo»
Secondo la consigliera federale Berna ha già «adottato misure molto restrittive»
SVIZZERA
2 ore
Oltre 10 milioni alla Catena della Solidarietà
Serviranno ad aiutare le persone che in Svizzera stanno subendo le conseguenze finanziarie dell'emergenza coronavirus.
BERNA / INDIA
3 ore
«Mi sento come se fossi in prigione»
La 36enne Mona Seiler è bloccata in India. E non sa quando potrà tornare in Svizzera.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus, boom dell'utilizzo di Twint
È aumentato notevolmente sia l'uso da parte dei consumatori, sia la richiesta da parte dei commercianti
SVIZZERA
14 ore
Dividendi, la Finma vigila
L'autorità di sorveglianza ha chiesto agli istituti elvetici di valutarne attentamente l'entità nel contesto attuale
SVIZZERA
15 ore
Diploma agli apprendisti senza esami teorici?
Questa è la proposta scaturita da un gruppo di lavoro che riunisce la Confederazione, i Cantoni e i partner sociali.
SVIZZERA
15 ore
«Bisognerà resistere alle tentazioni»
Le misure prese dal Governo rimarranno in vigore fino al 19 aprile, ma un ritorno alla normalità appare «illusorio».
SONDAGGIO
SVIZZERA
16 ore
Il boom del telelavoro: cosa ne resterà dopo la crisi?
Dubbi e riflessioni di tre esperti sulle conseguenze della trasformazione della società dovuta al coronavirus
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile