AFP/Keystone
SAN GALLO
11.04.21 - 21:020
Aggiornamento : 12.04.21 - 09:00

Villa sul lago, Federer con le spalle al muro

Il cantiere di costruzione è fermo, un'associazione ecologista ha presentato ricorso.

Motivo della discordia: l'accesso alla riva del lago di Zurigo, ma anche un muro che il Comune vorrebbe mantenere.

RAPPERSWIL-JONA - Per usare un gergo tennistico, l'organizzazione ambientalista Aqua Viva ha "rubato il servizio" a Federer nella costruzione della sua villa a Rapperswil-Jona (SG). Il basilese ha infatti dovuto interrompere i lavori nella sua proprietà, secondo quanto riferito dalla locale Linth-Zeitung. Nonostante siano già state effettuate importanti opere di bonifica del sito, contaminato da alcuni rifiuti edili, l'accesso alla riva rimane infatti un problema.

L'impresa di costruzione incaricata afferma che i lavori sono stati interrotti, mentre un portavoce di Federer parla invece di «ambiguità» su ciò che dovrebbe essere scritto sulla domanda di costruzione. Per questo il Comune deve ancora provvedere a un esame del progetto.

Il muro della discordia - Perché l'iter di costruzione possa proseguire, i committenti (ovvero la famiglia Federer) devono mostrare esattamente come apparirà la riva al termine dei lavori previsti. Ma Federer si trova confrontato a un nuovo avversario a bordo lago: un muro (che non è Nadal, passateci la battuta). Lui e la moglie Mirka sostengono che debba essere abbattuto, mentre la città vuole mantenerlo nella sua forma originale.

Canne protette - Per poter completare il sito, Federer deve poi risolvere un altro punto controverso: il canneto presente sulla riva, anch'esso meritevole di protezione, che limita il margine di manovra di King Roger per quanto riguarda i lavori da effettuare. 

L'organizzazione per la protezione delle acque Aqua Viva è soddisfatta per il congelamento dei lavori e auspica un maggior dialogo fra le parti in modo da chiudere la partita in modo positivo per tutti. La palla ora passa nel campo di Federer.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
56 min
Swiss cancella altri 780 posti di lavoro
Anche la flotta aerea verrà ridotta del 15% rispetto al 2019. Lanciato un processo di consultazione.
BERNA
1 ora
Il delicato lavoro del laboratorio di Berna
I ricercatori vogliono saperne di più sulle reazioni infiammatorie del sistema cardiocircolatorio provocate dal Covid.
SVIZZERA
3 ore
«Riutilizzare la mascherina ogni settimo giorno per ridurre l'inquinamento»
L'uso quotidiano delle mascherine non è privo di conseguenze per l'ambiente.
SVIZZERA
5 ore
Il maltempo costringe i ristoratori a buttare il cibo
Se il tempo non collabora, i ristoranti devono chiudere di nuovo le terrazze.
SVIZZERA
12 ore
Le vendite per corrispondenza affossano le entrate fiscali
Sulle merci provenienti dall'estero non è infatti possibile garantire un corretto prelievo dell'IVA.
SVIZZERA
12 ore
Flotta svizzera, la sorveglianza è sempre "in alto mare"
Il Controllo federale delle finanze bacchetta i due enti di vigilanza, pur riconoscendo (leggeri) miglioramenti.
ZURIGO
13 ore
Trascinata a morte dal suo cavallo: «Il suo cuore batteva per l’equitazione»
Parlano il padre della giovane e il contadino che l’ha, invano, soccorsa.
SVIZZERA
17 ore
«Test pilota anche per le discoteche»
Lo chiede la Conferenza dei direttori cantonali della sanità in vista dei prossimi allentamenti
BERNA
20 ore
«Le persone tra i 50 e i 60 anni dovrebbero essere considerate a rischio»
La variante inglese preoccupa la Task Force.
SVIZZERA
21 ore
Paesi a rischio: due liste e parecchi cambiamenti
La prima sarà valida da domani - stralciate Emilia Romagna, Toscana e Friuli Venezia Giulia - la seconda dal 17 maggio.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile