Keystone
In Svizzera i primi a ricevere il vaccino contro il Covid-19 sono gli anziani a partire dai 75 anni e le persone affette da malattie croniche ad altissimo rischio.
BERNA / REGNO UNITO
30.12.20 - 21:150
Aggiornamento : 23:19

Rimandare la seconda dose del vaccino per immunizzare più gente? La Svizzera non ci pensa neanche

Londra ha adottato un approccio alternativo. La CFV svizzera: «Protezione ottimale solo dopo la seconda iniezione».

Il presidente, Christoph Berger: «Già 14 giorni dopo la prima dose esiste una protezione abbastanza buona, ma non sappiamo quanto duri senza seconda dose».

BERNA / LONDRA - Per far fronte a dati dei contagi sempre crescenti e a una situazione particolarmente tesa negli ospedali, il Regno Unito ha deciso oggi di adottare un approccio alternativo alle vaccinazioni. Per immunizzare, almeno in parte, quante più persone a rischio possibile nel più breve tempo possibile, ha scelto d'inoculare la prima dose del preparato a quanti più soggetti prioritari possibile, rimandando anche di tre mesi la seconda puntura.

Una scelta necessaria «in questa fase della pandemia», sottolineano le autorità sanitarie britanniche. Questo approccio, però, non sembra convincere le loro controparti svizzere, che non intendono valutarlo per il nostro Paese. «La Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) e l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) consigliano due dosi a distanza di quattro settimane», dichiara a tio/20 minuti il presidente della CFV e primario d'infettivologia e igiene ospedaliera all'Ospedale universitario di Zurigo, Christoph Berger. «Chi viene vaccinato deve ricevere due dosi per essere ben protetto - aggiunge -. Questa protezione si registra a partire da sette giorni dopo la seconda dose». Gli studi che hanno portato all'omologazione in Svizzera del vaccino di Pfizer/BioNTech, del resto - l'unico autorizzato per il momento - si basano su due dosi che, a partire da sette giorni dalla seconda, garantiscono una protezione «ottimale del 90-95%».

L'idea britannica, tuttavia, non è del tutto campata per aria: «Già 14 giorni dopo la prima dose esiste una protezione abbastanza buona, ma non sappiamo quanto duri senza seconda dose», ammette Berger. «Se per motivi organizzativi o logistici la seconda dose deve essere rimandata di alcune settimane, non è un problema, ma deve essere in ogni caso pianificata e somministrata», aggiunge. In Svizzera, nella fattispecie, «quando una persona viene vaccinata ricevendo la prima dose, la seconda viene prenotata»: «Come detto, può succedere che la seconda dose sia rimandata, ma non al fine di poter vaccinare più persone somministrando loro solo la prima dose», conclude il presidente della CFV. I Cantoni si attengono a queste raccomandazioni.

Le autorità britanniche, insomma, sbagliano a decidere di posticipare volutamente la seconda inoculazione? «I numeri del contagio in Svizzera e nel Regno Unito sono diversi», si limita a ricordare il medico. 

Keystone
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Viaggi all'estero: tutto quello che ora c'è da sapere
Da settimana prossima saltano ulteriori limitazioni per gli ingressi in Svizzera. Ecco cosa cambia per i viaggiatori
FOTO
SVIZZERA
7 ore
Neve a giugno? No: un'autostrada di grandine
Oltre Gottardo continuano le precipitazioni e gli allagamenti. Dal Giura bernese a Basilea passando per Zurigo
SVIZZERA
10 ore
Trentadue domande (e risposte) sugli allentamenti
Da sabato prossimo il nostro Paese vivrà una nuova fase di (grandi) allentamenti.
SVIZZERA
12 ore
Il mondo della notte festeggia il suo ritorno in pista
La Federazione svizzera per club e festival è soddisfatta degli allentamenti decisi oggi dal Consiglio federale.
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera toglie la mascherina e torna in ufficio
Ecco tutti gli allentamenti che entreranno in vigore il prossimo sabato 26 giugno
SVIZZERA
15 ore
Altri 154 contagi e due decessi in Svizzera
Sono sedici gli svizzeri che hanno necessitato di un ricovero ospedaliero nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'UFSP.
FOTOGALLERY
NEUCHÂTEL
16 ore
«L'intero villaggio è pieno di fango e detriti»
Ieri sera il Ruhault ha rotto gli argini a Cressier. Alcune famiglie hanno dovuto essere sfollate.
SVIZZERA
17 ore
Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri
Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.
ZURIGO
17 ore
Vaccino Covid, centinaia al giorno non si presentano al loro appuntamento
«Con l’inizio dell’estate e degli Europei queste cifre sono aumentate», dichiara il Dipartimento della sanità zurighese.
ARGOVIA
20 ore
Il vaccino di Pfizer/BioNTech verrà prodotto anche in Svizzera
Ad occuparsene sarà Novartis, che produrrà le fiale nel suo sito di Stein, nel Canton Argovia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile