Immobili
Veicoli
Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
SVIZZERA
25.11.20 - 08:330
Aggiornamento : 10:17

Il Consiglio centrale islamico: «Condanniamo l'atto, ma non si inneschi un'escalation»

Secondo l'organizzazione, la 28enne accoltellatrice della Manor di Lugano «probabilmente affetta da turbe»

BERNA - Esprime tristezza, vicinanza alle vittime e condanna il comunicato diramato oggi dal Consiglio centrale islamico svizzero (IZRS) riguardo all'attacco di ieri pomeriggio alla Manor di Lugano.

«Condanniamo fermamente quanto successo», riporta la nota, «anche se, per capire se si tratti o meno di terrorismo legato all'ISIS, bisognerà attendere l'esito delle indagini». 

La matrice religiosa, però, non dev'essere additata come primaria: «Sia o meno musulmana, o affiliata allo Stato Islamico, non significa che non si possa trattare di una persona disturbata o con problemi mentali pregressi», all'origine del gesto violento quindi: «potrebbe non esserci un presunta motivazione terroristica quanto una malattia mentale acuta, o latente, o altri motivi come l'avidità, l'odio e la gelosia».

Al di là delle motivazioni, l'IZRS fa un appello alla ragione per affrontare una minaccia che potrebbe peggiorare, in tutta Europa: «Il barbaro piano dell'ISIS è quello di creare un clima di paura e di odio, con attacchi selvaggi e difficili, se non impossibili, da prevenire».

La conseguenza è una "stretta" sull'Islam da parte delle autorità europee che può essere controproducente: «Così ci si avvicina all'autoritarismo, deprivando di libertà fondamentali non si fa che il gioco dell'avversario: bandire il velo, vietare i minareti, non ferma la radicalizzazione ma piuttosto la promuove, permettendo all'Isis di diffondere la sua tossica dottrina».

Da qui l'appello a «spezzare l'escalation» per non cadere nella «trappola» di Daesch sia ai media sia alla politica. Ai primi è chiesto di «non cadere nel sensazionalismo virale», alla seconda di «sensibilizzare l'opinione pubblica sul fatto che la lotta contro il terrorismo non deve passare per la deprivazione dei diritti religiosi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
1 ora
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
2 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
SVIZZERA
2 ore
«La Svizzera deve mettere il turbo sul fotovoltaico»
Secondo Greenpeace un maggiore uso del solare ridurrebbe a zero le emissioni di CO2 di trasporti, edifici e industria
BERNA
5 ore
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
SVIZZERA
15 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
20 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
20 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
1 gior
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
1 gior
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile