Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
SVIZZERA
25.11.20 - 08:330
Aggiornamento : 10:17

Il Consiglio centrale islamico: «Condanniamo l'atto, ma non si inneschi un'escalation»

Secondo l'organizzazione, la 28enne accoltellatrice della Manor di Lugano «probabilmente affetta da turbe»

BERNA - Esprime tristezza, vicinanza alle vittime e condanna il comunicato diramato oggi dal Consiglio centrale islamico svizzero (IZRS) riguardo all'attacco di ieri pomeriggio alla Manor di Lugano.

«Condanniamo fermamente quanto successo», riporta la nota, «anche se, per capire se si tratti o meno di terrorismo legato all'ISIS, bisognerà attendere l'esito delle indagini». 

La matrice religiosa, però, non dev'essere additata come primaria: «Sia o meno musulmana, o affiliata allo Stato Islamico, non significa che non si possa trattare di una persona disturbata o con problemi mentali pregressi», all'origine del gesto violento quindi: «potrebbe non esserci un presunta motivazione terroristica quanto una malattia mentale acuta, o latente, o altri motivi come l'avidità, l'odio e la gelosia».

Al di là delle motivazioni, l'IZRS fa un appello alla ragione per affrontare una minaccia che potrebbe peggiorare, in tutta Europa: «Il barbaro piano dell'ISIS è quello di creare un clima di paura e di odio, con attacchi selvaggi e difficili, se non impossibili, da prevenire».

La conseguenza è una "stretta" sull'Islam da parte delle autorità europee che può essere controproducente: «Così ci si avvicina all'autoritarismo, deprivando di libertà fondamentali non si fa che il gioco dell'avversario: bandire il velo, vietare i minareti, non ferma la radicalizzazione ma piuttosto la promuove, permettendo all'Isis di diffondere la sua tossica dottrina».

Da qui l'appello a «spezzare l'escalation» per non cadere nella «trappola» di Daesch sia ai media sia alla politica. Ai primi è chiesto di «non cadere nel sensazionalismo virale», alla seconda di «sensibilizzare l'opinione pubblica sul fatto che la lotta contro il terrorismo non deve passare per la deprivazione dei diritti religiosi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Ancora più di 10mila contagi giornalieri, i ricoveri sono 193
Il numero d'infezioni giornaliere da Covid-19 nel nostro Paese continua a rimanere elevato. Registrati anche 27 decessi.
SONDAGGIO
SVIZZERA
2 ore
Ecco quanto costa una settimana sugli sci in Svizzera
Con la pandemia, i prezzi sono scesi. La destinazione più cara è Zermatt, secondo un'analisi di BAK Economics
SVIZZERA
3 ore
Sussidi troppo elevati ad altre imprese di trasporto pubblico
Dopo quello di Autopostale, spuntano nuovi casi
SVIZZERA
3 ore
Coop, Migros e Denner: tornano i contingenti
Dalla prossima settimana potrebbero formarsi code all'entrata dei negozi. Il numero di clienti verrà infatti limitato.
GRIGIONI
3 ore
Nelle aule scolastiche più aerate ci sono meno contagi
I risultati di un progetto pilota condotto in 150 aule grigionesi: con troppo CO2, si registrano più infezioni
SVIZZERA
5 ore
Una nuova infezione su tre colpisce adolescenti e bambini
Il trend è chiaro: un terzo dei nuovi contagi di coronavirus riguarda chi ha meno di 19 anni
SVIZZERA
5 ore
I piloti “a rischio” potranno essere segnalati
Il Consiglio nazionale si allinea alla decisione presa dagli Stati
SVIZZERA
8 ore
Lo sciopero della fame prosegue, ma la situazione non si sblocca
Guillermo Fernandez si trova da settimane (senza mangiare) davanti a Palazzo federale.
BERNA
15 ore
Keller-Sutter: «Il 2G è il prossimo possibile passo»
Un obbligo vaccinale, anche solo per determinate categorie, non viene invece preso in considerazione.
SVIZZERA
16 ore
Cosa abbiamo chiesto a Google nel 2021?
Il colosso del Web ha pubblicato le classifiche dei termini più ricercati dell'anno in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile