Immobili
Veicoli
Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
ZURIGO
25.11.20 - 07:300
Aggiornamento : 10:18

«Per la Jihad le donne vanno bene tanto quanto gli uomini»

I fatti di Lugano commentati dall'esperta di Islam radicale: «La Confederazione deve fare di più per proteggerci»

Fonte 20 Minuten/Lucas Orellano
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

BERNA - Era già nei radar della Fedpol da diverso tempo, la 28enne responsabile dell'aggressione - ormai a tutti gli effetti ritenuta terroristica - di ieri sera alla Manor di Lugano.

L'assalto, come riporta 20 Minuten, non è il primo di questo tipo da parte di un "lupo solitario" in Svizzera, a settembre un noto islamista aveva attaccato, e ucciso, un uomo davanti a un kebabbaro a Morges (VD).

Ne abbiamo parlato con l'esperta di Islam radicale Saïda Keller-Messahli.

Signora Messahli, qual è il suo pensiero sui fatti di Lugano?

Gli attentati con decapitazione prendono spunto in maniera evidente da quelli di propaganda, perpetrati dall'Isis in passato. Ciò che cambia, questa volta, è che l'attentatrice è una donna. Una cosa insolita.

Significa qualcosa di particolare il fatto che c'entri una donna?

Non è una novità che le donne siano parte integrante, e attiva, delle cellule terroristiche. Non capita spesso però che si muovano in prima persona, però. Vero è che per la Jihad sono buone tanto loro quanto gli uomini.

Lei su Twitter ha parlato di «schema da manuale»...

Sì, perché, dai dati in nostro possesso sembra chiaro che si tratti di una convertita e radicalizzata. Nasce in Svizzera, si sposa con un musulmano ultraconservatore, scopra l'Islam radicale e l'Isis... profili come il suo ce ne sono a bizzeffe.

Cosa si aspetta dalla politica e dal Consiglio Federale?

Di sicuro deve condannare pubblicamente l'accaduto, ma non basta. È già da un po' che avrebbe dovuto muoversi e non tentennare.

Un esempio? Non si capisce come mai un'organizzazione radicale come i Fratelli Musulmani non sia ancora stata ritenuta terroristica, è attiva in Svizzera da 60 anni senza grossi problemi...

Anzi, è interlocutore della Confederazione con la quale si occupa di aiuto ai rifugiati e dei processi di "deradicalizzazione" dei soggetti a rischio.

Oltre ai loro, ci sono gruppi turchi come i Milli Görüs e i Lupi Grigi, che, assieme a tutte le moschee salafite del Paese, sono terreno fertile per l'odio e la violenza. Sono realtà che non possono più essere ignorate.

Cosa deve cambiare in Svizzera se si vuole evitare nuovi attacchi di questo tipo?

La politica deve agire per evitare che paesi antidemocratici, nel nome della libertà religiosa, politicizzi l'Islam e porti la radicalizzazione sul suolo Elvetico, diffondendo odio e intolleranza. Ci vuole un piano d'azione comune transnazionale, magari in collaborazione con Austria e Francia.

La Francia, per esempio, ha bandito i Fratelli Musulmani dando un chiaro segnale a chi strumentalizza la fede islamica, è un buon inizio, ma è solo un inizio.

Prima Morges, poi Lugano... poi?

Si tratta di due casi molto simili, in effetti, e temo - purtroppo - che non saranno gli ultimi.

Chi è Saïda Keller-Messahli?

Una delle critiche più acute e conosciute dell'Islam radicale in Svizzera, è nata a Tunisi nel 1957 ed è cittadina svizzero-tunisina. Nel 2004 ha fondato il Forum per un Islam progressista, che ancora oggi presiede. Nel 2016 è stata insignita del Premio svizzero per i diritti umani per il suo impegno. Nei suoi confronti, è importante segnalarlo, non sono mai mancate le critiche, gli ambienti musulmani l'hanno più volte accusata di incitare all'odio verso chi pratica l'Islam.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
8 ore
Il 2G in pista non ferma gli sciatori
La regola vale nel comprensorio internazionale di Samnaun. E le presenze non mancano
ZURIGO
9 ore
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
ZURIGO
13 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BERNA
15 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
SVIZZERA
17 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
17 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
18 ore
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
18 ore
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
FOTO
SVIZZERA
22 ore
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
1 gior
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile