Archivio Keystone
SVIZZERA
27.02.20 - 15:460
Aggiornamento : 18:42

Due bambini con coronavirus in vacanza in Engadina. La Svizzera sale a 6 casi

Annullata la maratona di sci engadinese, avrebbe attratto 17'000 persone. Il quinto caso in Argovia, il sesto a Zurigo

COIRA - Sono due bambini di una famiglia italiana che si trovava in vacanza in Engadina i due casi confermati di coronavirus nei Grigioni. Altre quattro persone del loro entourage sono state poste in quarantena. È quanto hanno fatto sapere poco fa le autorità retiche, in un incontro con la stampa. «Altri dieci casi sospetti sono risultati negativi, ma ne abbiamo altri venti di cui non conosciamo ancora il risultato» ha detto Peter Peyer, direttore del Dipartimento della sanità grigionese.

A causa dell’arrivo del coronavirus nei Grigioni, tutte le manifestazioni pubbliche di carattere sovraregionale sono vietate fino al prossimo 8 marzo in Mesolcina, Bernina, Valle Monastero. Tra queste c’è anche la maratona di sci engadinese, che era in programma nella settimana dal 1. all’8 marzo prossimi. «Avremmo avuto 17’000 partecipanti che sarebbero stati in stretto contatto tra loro» ha detto Christian Gartmann, responsabile dell'evento. È verosimile che l'annullamento della manifestazione sportiva avrà importanti ripercussioni sul settore turistico della regione.

Nell'incontro coi media, le autorità retiche hanno anche sottolineato che al momento le scuole resteranno aperte. Ma così come avviene in Ticino, fino al prossimo 8 marzo non si potranno effettuare gite scolastiche con destinazioni all'estero.

C'è un quinto caso - La Svizzera ha il quinto caso di coronavirus. A comunicarlo è l'Ufficio federale della sanità pubblica. Si tratta di una persona del canton Argovia, che circa una settimana fa aveva soggiornato in Italia settentrionale e ora è ricoverata e tenuta in isolamento in un ospedale argoviese. «Il suo stato di salute è buono». Secondo le prime informazioni si tratterebbe di un 26enne che era stato a Verona. Le persone a stretto contatto con l'uomo sono state informate e messe in quarantena.

Il sesto caso a Zurigo, è una donna - Subito dopo quello di Argovia, è arrivato il sesto caso confermato di coronavirus in Svizzera. Si tratta di una 30enne del canton Zurigo che si trovava a Milano una settimana fa. Lo ha indicato il Dipartimento della sanità zurighese in una nota. Il test positivo è stato effettuato a Zurigo da uno dei dieci laboratori adibiti a questo scopo sul territorio elvetico da ieri. Tuttavia non è ancora arrivata la conferma da parte del Centro nazionale di riferimento per le infezioni virali emergenti (CRIVE) di Ginevra, precisa il comunicato. Attualmente la donna è posta in isolamento all'ospedale Triemli di Zurigo. In quarantena anche le persone che hanno avuto contatti con lei, mentre si è alla ricerca di altri possibili contatti avuti dalla 30enne.

La situazione elvetica - Attualmente in Svizzera i casi accertati sono sei: oltre ai due nei Grigioni, se ne contano uno in Ticino, uno a Ginevra, uno in Argovia e uno a Zurigo.

Le autorità federali hanno sottolineato che «per ora nel nostro paese non si registrano trasmissioni della malattia da una persona all'altra». Per tutti i casi si tratta infatti di persone che nei giorni precedenti si trovavano in Italia. Ma Daniel Koch, capo della Divisione malattie trasmissibili, ha comunque messo in guardia: «Ci dobbiamo aspettare che i casi aumentino». A livello mondiale, come pure nei paesi confinanti con la Svizzera, il virus è infatti sempre più diffuso.

Nel frattempo alla frontiera ticinese è partita - con la distribuzione di volantini e la presenza di manifesti - una campagna sulle norme igieniche da adottare nella situazione attuale. E domani inizierà un'azione informativa a livello nazionale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Galium 3 mesi fa su tio
Era diretto a Sedelin
sedelin 3 mesi fa su tio
@ Fri Dom COMPLIMENTI! e grazie per l'illuminante intervento.
Fri Dom 3 mesi fa su fb
Filippo Denari Nel novembre 2013 la Fondazione Bill & Melinda Gates finanzia con 189.000 $ l'Istituto britannico Pirbright. A luglio 2015 l'Istituto Pirbright deposita il brevetto per i coronavirus attenuati per essere usati come vaccino per prevenire malattie polmonari e respiratorie. Nel 2017 in Cina viene costruito, nel centro di Wuhan, il primo laboratorio con il massimo livello di biosicurezza (BSL-4), con lo scopo di affrontare le più grandi minacce biologiche del pianeta (sars, ebola, ecc.). Stranamente sarà la città dove si è registrato il primo caso del nuovo coronavirus. Ad aprile 2018, durante la conferenza annuale della Massachusetts Medical Society a Boston il miliardario filantropo Bill Gates aveva predetto la diffusione di un nuovo virus che avrebbe potuto colpire il Sud dell'Asia causando 30 milioni di morti in 6 mesi. Profezia molto precisa: "il mondo ha bisogno di prepararsi per le pandemie come i militari si preparano alla guerra". Il 18 ottobre 2019 a New York si è svolto l'Event 201, una esercitazione di pandemia del massimo livello, con lo scopo ufficiale di gestire e ridurre le conseguenze economiche e sociali su larga scala di un'eventuale epidemia virale da coronavirus, che avrebbe causato “65 milioni” di vittime. Gli organizzatori dell'evento: Johns Hopkins Center for Health Security, World Economic Forum e l'immancabile Fondazione Bill & Melinda Gates. Volete ora sapere quali sono le “fortunate” lobbies che lavorano alla produzione vaccino e che stanno guadagnando montagne di soldi ancora prima della messa in commercio!?? Tutto chiaramente documentabile • ps vedo che il solito vecchio caro buon metodo per le menti medie (99,9% della popolazione) funziona sempre 😂😅 1 CREARE IL PROBLEMA 2 CREARE IL PANICO 3 OFFRIRE LE SOLUZIONI
Stefania Bonecher 3 mesi fa su fb
Andiamo bene 🤦🏻‍♀️
miba 3 mesi fa su tio
A tutti i creduloni vendo a buon prezzo kit-coronavirus (mascherina in omaggio) così che possano rendersi conto di persona che non è nient'altro che un'influenza stagionale. Chissà poi perché proprio in Italia avviene una tragicommedia del genere (e come logico Ticino si attacca al tram)... Mai collegato il fatto al coronavirus che l'Italia (e solo l'Italia) è l'unico paese dell'UE che ha concluso un accordo commerciale con la Cina, alias la via della seta? Mettete un po' assieme un paio di cosette (coinvolgendo magari anche la finanza) ma smettetela con questa bufala che ha ormai assunto dimensioni planetarie...
Oettam 3 mesi fa su tio
Lavoro per conto di un hotel nel canton Grigioni, dalla seconda metà di dicembre fino a poco prima del capodanno Cinese abbiamo avuto percentuali di presenza molto alte di clienti asiatici ed é stata la stessa cosa per le strutture con cui ho collaborato in passato in particolare a Zermatt e Sankt Moritz, dove ferma il trenino del Bernina, e a Lucerna tutte mete del turismo asiatico. Ora durante e dopo questo periodo ci sono state, tra il personale ma anche tra gli ospiti, diverse assenze per malattie di stagione ed evidenti segni tra la clientela di malattie da raffreddamento.... Siamo poi così sicuri che questa situazione sia imputabile (se così si può dire) hai cittadini della repubblicana Italiana? Che danno economico devastante si creerebbe chiudendo le frontiere?
Galium 3 mesi fa su tio
Perfettamente d'accordo con te. Poveretti!
streciadalbüter 3 mesi fa su tio
Klich 69 hai perfettamente ragione:sono aperte come le gambe di una prostituta il sabato sera.
streciadalbüter 3 mesi fa su tio
Caro Sedelin,non ha ancora capito che i media sono,per naturale inclinazione,degli anxiety makers (che causano ansia nei lettori) di professione?
sedelin 3 mesi fa su tio
PERCHÈ ogni persona che si ammala di influenza nel mondo viene segnalata attraverso i media? ne abbiamo abbastanza di questo bombardamento mediatico assurdo che serve soltanto a diffondere panico e a DIVIDERE creando odio!
Bayron 3 mesi fa su tio
@sedelin Concordo. Questa non è più informazione ma “terrorismo” mediatico
Nmemo 3 mesi fa su tio
Questa è una decisione di responsabilità, adottata senza imposizioni dell’autorità! Quasi come deciso dal Rabadan di Bellinzona!
lecchino 3 mesi fa su tio
chiudere il san bernardino, subito!
Simone Canepa 3 mesi fa su fb
E poi le dogane non sono da chiudere...
spank77 3 mesi fa su tio
Chissa che impatto avra avuto IL Carnevale a belli???
Mag 3 mesi fa su tio
@spank77 E' per quello che le persone a rischio andrebbero isolate con un protocollo di sicurezza che dovrebbero pagare le casse malati. Sono gli unici a rischiare, visto che il virus è qui ed è impossibile da fermare, avendo un un lungo periodo d'infezione asintomatico.
Bandito976 3 mesi fa su tio
quello che vi si chiede é: stare a casa ed al proprio paese!
Mag 3 mesi fa su tio
@Bandito976 Stattenene a casa tu. Io so cosa fare per non ammalarmi e per non far ammalare altri, specialmente le persone a rischio (che è poi quello che conta davvero). Il Sars-COV-2 è un influenza stagionale ma purtroppo senza vaccino per le persone a rischio, non è l'ebola.
lalumpi 3 mesi fa su tio
@Mag Non è l’ebola ma si cura con i farmaci per l’ebola e l’AIDS...
Bandito976 3 mesi fa su tio
@Mag Allora da quello che hai scritto non la temi, puoi tranquillamente prenderla, stare male ed isolato per 2 settimane, ma soprattutto pagati di tasca tua i costi sanitari. Auguri
Marcello Ragonesi 3 mesi fa su fb
No i bambini no
andrea28 3 mesi fa su tio
Comunque continuo a non capire perché le scuole resteranno aperte; se è vero che i bambini si ammalano meno gravemente, sono comunque fonte di infezione e propagazione, come dimostrato nei grigioni. Scambiandosi il virus a scuola lo porteranno poi a casa da genitori e nonni. Non capisco..
ugobos 3 mesi fa su tio
@andrea28 le chiuderanno speriamo non troppo tardi. mia sorella tiene i figli a casa in malattia preventiva
Mag 3 mesi fa su tio
@andrea28 Per paura di apparire a favore di una epidemia (del nulla, visto che è solo mediatica), vedrai che decideranno di chiuderle; ma lo faranno solo perché non vogliono perdere consensi da parte di un popolo spaventano dall'influenza subliminale che i media hanno sulla gente.
r3volver 3 mesi fa su tio
@ugobos In "malattia preventiva" fino a quando però? Fino a quando non c'è più nemmeno un caso positivo? E se ci vorranno due o tre mesi, a casa per due o tre mesi?
falcodellarupe 3 mesi fa su tio
Che titolo!!! "quattro casi tutti importati"????? ahhh, ecco io pensavo che dovevano essere autoctoni e naturali come i funghi!!!!
klich69 3 mesi fa su tio
Gli amici tricolori non li vogliono in Libia ma qui le spalancano anke le natiche, politici di pasta frolla per non dire altro.
Dioneus 3 mesi fa su tio
@klich69 Ancora a scrivere idiozie?
Tio1949 3 mesi fa su tio
@klich69 Tu il virus ce l'hai perenne in quel cervello bacato
Homer_Simpson 3 mesi fa su tio
Ho partecipato 3 volte, ci sono partecipanti provenienti da tutto il mondo, immagino la delusione dei concorrenti e dell'organizzazione, spese, sponsor e rimborsi agli iscritti (100.- CHF per persona).
Mariana Marciano 3 mesi fa su fb
Antonio Marco Di Bonito Gaetano Iammarino
Garssia Mira 3 mesi fa su fb
https://www.gazzetta.it/Calcio/altri-campionati/27-02-2020/coronavirus-colpisce-serie-c-positivo-calciatore-pianese-3601280448638.shtml?cmpid=shortener_2504b720Kz&refresh_ce-cp.
skorpio 3 mesi fa su tio
Questi italiani saranno andati li in vacanza questa settimana o al max weekend scorso già sapendo della situazionevin italia...dovrebbero essere denunciati e fargli pagare tutte le spese...specialmente il mancato guadagno della maratona engadinese....17000 persone...
marco17 3 mesi fa su tio
@skorpio Arriva il solito sapientone da osteria che sa tutto. E al ticinese che è andato a Milano e che in seguito al contagio ha fatto annullare carnevali e partite di hockey non gli facciamo pagare niente, perché è ticinese? Un po' di serietà, non guasterebbe!
Mag 3 mesi fa su tio
@skorpio Quelli che andrebbero denunciati sono i media che stanno generando panico usando la loro "influenza" subliminale sul popolo ignorante, facendo credergli che, sebbene si tratti di un influenza stagionale senza vaccino per le persone a rischio, si sia invece di fronte a un epidemia seria tipo l'Ebola ... le manifestazioni andrebbero vietate alle persone a rischio, non abolite el eprsone a rischio dovrebbe essere isolate per il oro bene, coi finanziamento da parte delle casse malati. Esci dall'ipnosi.
sedelin 3 mesi fa su tio
@skorpio ecco: queste notizie alimentano, nei campanilisti e/o nazionalisti come te, pensieri distruttivi conditi da astio latente.
miba 3 mesi fa su tio
@skorpio ...tu invece dovresti essere ricoverato per le minchiate che scrivi.... :):):)
Tristano 3 mesi fa su tio
@marco17 Perfettamente d'accordo con te !
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Manifestazioni contro il razzismo in diverse città svizzere, in 5'000 a Basilea
La polizia non è intervenuta, ma ha distribuito volantini con le direttive sanitarie
SVIZZERA
11 ore
Covid-19 in Svizzera, un decesso e altri 20 casi
Per il terzo giorno consecutivo, si segnala che il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
BASILEA
11 ore
Art Basel salta, per quest'anno
La più importante fiera d'arte al mondo era stata dapprima rimandata a settembre. Invece non si terrà
ARGOVIA
11 ore
Arrestato un "bombarolo" dilettante
In manette un 42enne che ha fabbricato e fatto esplodere un ordigno nella campagna argoviese
SVIZZERA
14 ore
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
15 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
1 gior
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
1 gior
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
1 gior
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile