GRIGIONI / SVITTO
25.09.18 - 15:360

Parroco col vizio del gioco: «I creditori si facciano avanti»

È l'invito fatto dalla diocesi di Coira

COIRA - La diocesi di Coira incoraggia i creditori dell'ex parroco di Küssnacht (SZ) con problemi di dipendenza dal gioco d'azzardo a rivolgersi all'ufficio di un avvocato a Lucerna. Al fine di ottenere chiarezza sulla questione e sull'entità totale del debito accumulato dal sacerdote l'autorità ecclesiastica annuncia inoltre una denuncia penale.

Dopo oltre vent'anni di servizio a Küssnacht, il parroco si è dimesso dall'incarico a giugno su richiesta del vescovo di Coira Vitus Huonder per il debito accumulato tra il 2011 e il 2018 a causa del gioco d'azzardo. L'uomo di fede avrebbe chiesto denaro in prestito a diverse decine di credenti.

Stando a quanto la diocesi e l'avvocato hanno comunicato in una nota odierna, il debito finora accertato ammonta a 2,16 milioni di franchi. Attualmente si sono fatti avanti 58 creditori, ma altre vittime possono contattare l'avvocato e notaio Robert Bühler a Lucerna. Ai 2,16 milioni di franchi si aggiungono richieste di pagamenti pari a 195'000 e 283'000 euro per operazioni immobiliari nel sud della Germania. Il primo credito non viene contestato, mentre il secondo non è riconosciuto ed è oggetto di un procedimento penale nel Canton Svitto, ha riferito il legale.

La diocesi informa, inoltre, di aver sporto una denuncia penale, ritenendo questa l'unica via per fare chiarezza sui risvolti della vicenda. L'ex parroco è attualmente in cura presso un centro terapeutico stazionario e successivamente seguirà una terapia ambulatoriale per almeno un anno, spiega l'avvocato. L'uomo si è fatto inoltre bandire da tutti i casinò in Svizzera e nei Paesi limitrofi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
38 min
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
1 ora
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
1 ora
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
2 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
2 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
3 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
3 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
3 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile