Immobili
Veicoli
Freepik
TARGET
01.11.20 - 14:060

Avere successo nel 2020? Non è una missione impossibile

Non solo crisi: guardando alla primavera, possiamo ispirarci a settori e strategie vincenti per affrontare il presente

Sono passati molti mesi, ormai, dalla prima volta che abbiamo dovuto reagire a una crisi imprevedibile che sembra gettare ancora ombre sul futuro economico della Svizzera e del mondo intero.

Non tutto, però, è uguale a prima: per le necessità dettate dal momento storico, ogni settore ha dovuto imparare, in poche settimane, ovunque possibile, a riorganizzare il proprio lavoro, affinché fosse rispettoso delle norme sanitarie ma comunque pronto a proseguire, sebbene non ai ritmi precedenti.

Sono state proprio le difficoltà ad accelerare l’ingresso di alcune tecnologie e nella nostra quotidianità, professionale e non solo, per compensare le mancanze determinate dal lockdown, a partire dai semplici rapporti sociali.

Adesso, forti di queste nuove, ma già rodate conoscenze, possiamo prepararci ad affrontare emergenze simili non soltanto con la confidenza rispetto a nuovi tool, ma anche con uno sguardo attento a quali trend caratterizzeranno le abitudini dei consumatori da qui in avanti.

Fin qui, infatti, abbiamo rilevato insieme il consolidamento di alcuni, che elenchiamo qui di seguito:

 

Digitale: essenziale per sopravvivenza e successo post- (e durante il) Covid

Il minimo comune denominatore di tutte le attività che sono rimaste a galla o emerse durante il lockdown è stato proprio questo: l’integrazione degli strumenti digitali nelle strategie commerciali, di promozione, e nell’operatività del lavoro di ogni giorno.

Ad aprile di quest’anno, le statistiche non evidenziavano soltanto i settori in pericolosa discesa, ma anche alcuni in chiara impennata. Tra di essi, i servizi di streaming come Netflix o Disney+ - lanciato proprio in quel momento - e i videogames, che hanno registrato aumenti esponenziali di acquisti e abbonamenti.

Non solo: nell’impossibilità di andare in palestra o di fare attività all’aperto, è esploso il business dellhome fitness con lezioni in diretta e differita via app, sessioni di workout in videoconferenza, boom di ricerche e acquisti legati agli attrezzi utili a fare allenamento in casa propria.

Il food delivery ha permesso a bar e ristoranti di rimanere a galla, mantenendo un filo “quasi diretto” con i clienti. Quello della ristorazione, insieme al turismo e gli eventi, peraltro, è stato uno dei comparti più penalizzati fin da subito, e tra i primi ad adottare soluzioni digitali per uscire dalla stasi.

Infine hanno riscosso incredibile successo le piattaforme per le call e lo smart working, ormai quasi indispensabili per tutti. Molte aziende hanno potuto scoprire i tanti pregi del lavoro da remoto, che non si limitano solo alla possibilità di proseguire nei propri progetti rispettando il distanziamento sociale: è ormai chiaro a tutti che organizzare la vita professionale in questo modo, completamente o parzialmente, comporta un risparmio di risorse ed energie sia da parte del datore di lavoro che del lavoratore.

 

Atteggiamenti, non solo strumenti: la “mentalità startup

Nel corso degli anni e oggi più che mai, con il termine “startup”, abbiamo cominciato a indicare non soltanto le imprese neo-costituite, ma quelle che restano al passo con i trend economici e sociali del momento storico in cui operano.

Ecco perché, durante il lockdown, la cosiddetta “mentalità startup” ha acquisito un’attenzione del tutto nuova: le aziende che la posseggono sono in grado di reagire con velocità e versatilità alle situazioni in cui si trovano, siano esse positive o negative. La catena di comando solitamente snella e l’ampia capacità di adattamento sono caratteristiche chiave del successo: vista la particolarità del momento e la competitività che impazza in tantissimi settori economici, essere in grado di cambiare è una delle competenze che possono davvero fare la differenza. Insomma, l’imperativo del 2020 è stato sapersi reinventare, affrontando agli imprevisti senza staccare gli occhi dal proprio obiettivo e senza tradire in alcun modo la propria identità, il proprio brand.

 

Seguire la trasformazione del mercato del lavoro

Paradossalmente ma fortunatamente, in alcuni dei settori sopracitati è incrementata la ricerca di personale qualificato.

La piattaforma americana Zoom, ad esempio, si è impegnata ad assumere 500 nuovi ingegneri che contribuiranno a rendere il servizio all’altezza delle centinaia di milioni di nuovi utenti acquisiti durante il lockdown.

Lo stesso è valso per i servizi di home delivery legati ai generi alimentari, con tante catene della grande distribuzione che hanno provveduto ad assumere personale per le consegne a domicilio o hanno scelto di affidarsi a servizi specifici, che hanno avuto a loro volta bisogno di integrare il proprio staff. Peraltro, la spesa online è una di quelle abitudini nate durante la chiusura che non sono destinate a sparire, bensì a rimanere tra le abitudini di consumo degli utenti.

Un caso su scala ancora più ampia è, più in generale, quello dell’e-commerce, in stabile e continua crescita: uno strumento di successo per tanti commercianti e professionisti, appartenenti a realtà di ogni dimensione, che permette di vendere con velocità, sicurezza e versatilità, mettendo a disposizione del cliente una gamma di articoli solitamente maggiore, soprattutto in profondità, a quella presente nei negozi.

 

In altre parole, ovunque le previsioni non siano rosee c’è stato e c’è ancora un modo di andare avanti, senza perdere ritmi né risorse. Qualora ne ravvisassi il bisogno, possiamo aiutarti a capire quali siano le soluzioni migliori per te e il tuo business. Contattaci per una consulenza gratuita e avrai occasione di ricevere degli input personalizzati e capire come affrontare l’autunno e l’inverno e uscirne ancora più forte.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.

ULTIME NOTIZIE Target
Target
1 gior
Sostenibilità, consegne rapide e zero intermediari: come rendere efficace un e-commerce nel 2022
Il 2021 ha consacrato l’esplosione degli acquisti sul web e ci consegna gli orientamenti che ne sanciscono il successo
Target
6 gior
LinkedIn come (e meglio) di Clubhouse: al via le “Sale Audio”
Una funzione con cui ‘trasmettere’ le competenze al proprio network e rafforzare il proprio brand personale o d’azienda
Target
1 sett
Che cos’è il Design Thinking e come può migliorare la nostra attività
Il pensiero creativo ci aiuta a sviluppare idee innovative e a testarne il successo, prima di immetterle sul mercato
Target
1 sett
I brand della moda puntano al Metaverso: le sfilate immersive saranno una realtà?
Parte la corsa ad accaparrarsi terreni virtuali, per edificare luoghi in cui fare promozione alle aziende… e vendere
Target
2 sett
10 cose da sapere per scegliere un dominio efficace per il nostro sito web
Il giusto nome, indirizzo o URL, che dir si voglia, può essere determinante per la buona riuscita di un progetto online
Target
2 sett
Come realizzare un podcast che attiri e coinvolga i tuoi potenziali clienti
«Con parole e suoni crei l'atmosfera giusta per dar voce al tuo brand, fidelizzando l'ascoltatore». Ecco alcuni consigli
Target
3 sett
Catturare l'attenzione in soli 6 secondi: alla scoperta delle Bumper Ads
È possibile intercettare il proprio target utilizzando brevissimi video su YouTube? Certamente: vediamo come
Target
4 sett
Come sfruttare TikTok per il personal branding
Far diventare il social più amato dai giovanissimi una vetrina per mostrare le proprie competenze divertendosi
Target
1 mese
Programmazione No-Code: cos'è e come sfruttarla per la propria attività
Realizzare siti, app e chat senza ricorrere a sviluppatori professionisti può dare vantaggi… ma non sempre!
TARGET
1 mese
Elogio dell’e-mail: dal 1971, al servizio del marketing
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile