Immobili
Veicoli
Keystone
DANIMARCA
10.11.20 - 15:510

Non si possono abbattere tutti i visoni di una nazione per un virus mutato

Il caso della Danimarca, al lavoro per sopprimere 17 milioni di esemplari, ma non ci sarebbero le basi legali

Gli allevatori però non si fermano: «La legge arriverà, e questa industria comunque è finita»

COPENAGHEN - Il ministro dell'agricoltura danese ha ammesso oggi che la diffusa campagna di abbattimento dei visoni volta a combattere una problematica mutazione del coronavirus non era legalmente giustificata.

«Abbiamo commesso un errore. Non esiste una base legale per chiedere agli allevatori di visoni di abbattere i loro animali al di fuori delle aree» dove gli animali sono stati infettati, ha detto Mogens Jensen a TV2.

Dall'annuncio del governo del 4 novembre ad oggi sono stati soppressi circa 2,4 milioni di visoni nel regno scandinavo, il più grande esportatore mondiale di visoni. 

Durante una sessione di domande e risposte, anche il primo ministro Mette Frederiksen si è oggi scusato: «Anche se abbiamo fretta dobbiamo essere chiari su ciò che richiede una nuova legge e non è stato così», ha detto ai parlamentari. Il governo invita però gli allevatori a continuare la macellazione come previsto, come precauzione sanitaria.

La scorsa settimana la Danimarca ha ordinato l'eliminazione di tutti i suoi visoni - tra i 15 e i 17 milioni - a seguito della scoperta di una mutazione del nuovo coronavirus trasmissibile all'uomo in questi mammiferi. Il virus mutante, denominato Cluster 5, è stato rilevato in dodici persone, tutte nello Jutland settentrionale, una regione nel nord-ovest del paese. 

Gli allevatori: «Continueremo con l'abbattimento» - Malgrado l'incertezza riguardante la questione, gli allevatori continueranno con la soppressione dei mustelidi: «Non ha senso fermarsi ora, siamo sicuri che una legge passerà, prima o poi», ha commentato a Reuters il capo dell'Associazione danese di allevatori di visoni, secondo il quale l'industria - che vale 800milioni l'anno e dà lavoro a 6'000 persone - «è comunque finita».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La vaccinazione in Austria diventa obbligatoria
La misura entrerà in vigore dal prossimo 4 febbraio. È il primo Paese europeo a introdurla
BRASILE
5 ore
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
9 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
11 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
11 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
13 ore
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
STATI UNITI
14 ore
«Un'invasione dell'Ucraina? Putin la pagherà a caro prezzo»
L'ipotesi di Joe Biden è che la Russia stia per entrare in Ucraina, ma «sarà una decisione che pagherà a caro prezzo»
FOTO
NUOVA ZELANDA
15 ore
Quel che resta di Tonga, nelle prime foto da terra
I soccorsi sono infine riusciti ad arrivare, altri arriveranno presto, mentre sull'isola l'acqua inizia a scarseggiare
SRI LANKA
17 ore
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
22 ore
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile