Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA/CINA
24.01.20 - 07:000
Aggiornamento : 10:31

Ecco quanto è pericolosa la nuova polmonite

Almeno venticinque morti e oltre seicento malati: il coronavirus si sta diffondendo rapidamente. Tutto quello che c’è da sapere

di Redazione
fee/SF/Pa.St.

ZURIGO - In Cina le vittime del coronavirus sono salite a venticinque. E le persone contagiate sono già 616, mentre altre 662 sono sotto osservazione. Il nuovo agente patogeno si sta diffondendo rapidamente, tanto che l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha convocato una riunione di crisi (ma per ora ha deciso di non dichiarare l'emergenza).

Secondo i ricercatori inglesi, le persone infette sarebbero comunque molte di più. E hanno avanzato l’ipotesi di 1’700 casi. Infezioni da coronavirus sono nel frattempo state registrate anche al di fuori della Cina: in Thailandia, Stati Uniti, Taiwan, Corea del Sud e Giappone.

E scattano i primi divieti: il Governo britannico ha invitato i suoi cittadini a evitare tutti i viaggi non necessari a Wuhan. Pechino e Macao hanno annullato i festeggiamenti per il capodanno cinese. E a Wuhan è stata fermata l’intera rete di trasporti pubblici. Ma facciamo il punto della situazione.

Cosa si sa dell’origine dell’agente patogeno.
Le prime infezioni sono associate a un mercato ittico nella metropoli cinese di Wuhan. Secondo gli esperti dell’Oms, il virus si diffonde da animale a persona. Ma anche da persona a persona.

Di che virus si tratta.
Allo stato attuale l’Oms parla di un nuovo coronavirus (2019nCo). Si tratta di un tipo di virus che in genere sta alla base di malattie innocue come il raffreddore. Ma può causare anche più gravi malattie delle vie respiratorie, come la Mers (Middle East Respiratory Syndrome) e la Sars (Severe Acute Respiratory Syndrome). Di quest’ultima si era parlato molto nei primi anni Duemila, quando in tutto il mondo l’avevano contratta 8’000 persone, di cui 800 ne erano morte.

I sintomi.
Il virus causa una polmonite. Secondo i rapporti, i malati presentano tosse, febbre e difficoltà respiratorie. Si ritiene che possano trascorrere fino a quattordici giorni tra il contagio e l’insorgenza della malattia. I farmaci antivirali alleviano i sintomi.

Quanto è grande il rischio di contrarre la malattia in Svizzera.
Per gli esperti allo stato attuale il rischio è molto basso. Il ministro della sanità Alain Berset, che ha parlato martedì a margine del WEF a Davos, ha affermato che la Confederazione sta seguendo la situazione. E ci sarebbe una procedura pronta. «Siamo ben preparati».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tip75 1 anno fa su tio
vorrei proprio vedere il ‘siamo pronto’ bla bla bla....
GI 1 anno fa su tio
e pensare che sono talmente in tanti e disorganizzati, che non sanno nemmeno quanti sono....quanti ne sono nati....quanti ne muoiono....
Frankeat 1 anno fa su tio
Mi ricorda tanto la situazione di panico per l'encefalopatia spongiforme del 2005 (alias Mucca pazza) o forse ancora di più quella per la SARS del 2002. Volevo scrivere anche "terrorismo psicologico causato dai media", ma non lo dico. Finirà anche questa in tutto fumo e niente arrosto?
Pepperos 1 anno fa su tio
@Frankeat Concordo TV, Italia Sono al limite della decenza; la D'Urso Parla pure
york11 1 anno fa su tio
@Frankeat Eh già, infatti è iniziata il terrorismo mediatico in grande stile, al momento in cui scrivo i morti per cause attribuite al nuovissimo virus sarebbero una ventina, quasi tutti già affetti da altre patologie o anziani con immunità deteriorata, ma tutti i media concordano con assoluta certezza ad attribuire le morti al virus. 20 morti per influenza su 1 miliardo e 200 milioni di popolazione cinese, si tace però quanti sono i morti in Cina per le classiche influenze stagionali, per l’elevato tasso d’inquinamento, per il cibo contaminato dall’uso intensivo di pesticidi e fertilizzanti, per il junk-food, è potrei continuare all’infinito. Vedrete che tra pochi giorni le industrie farmaceutiche troveranno il miracoloso vaccino che salverà l’umanità, i governi saranno fortemente incoraggiati a fare ampie scorte. Poi le fake news sono quelle in internet....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
NUOVA ZELANDA
1 ora
Quel che resta di Tonga, nelle prime foto da terra
I soccorsi sono infine riusciti ad arrivare, altri arriveranno presto, mentre sull'isola l'acqua inizia a scarseggiare
SRI LANKA
2 ore
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
7 ore
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
STATI UNITI
14 ore
Spaccio di droga tramite Snapchat: il social corre ai ripari
Le ultime modifiche dovrebbero rendere la vita più difficile ai pusher che vogliono contattare gli adolescenti
REGNO UNITO
18 ore
«Niente più obbligo di mascherine o Covid pass»
A partire da giovedì 27 gennaio in Inghilterra saranno revocate quasi tutte le restrizioni Covid
SPAGNA
20 ore
Cosa farsene della lava e della cenere del vulcano di La Palma?
Vigneti? Materiale da costruzione? Gli studiosi sono al lavoro e cercano risposte anche dal passato
TONGA
23 ore
«Sull'isola di Mango non è rimasta neanche una casa»
Onde alte fino a «quindici metri» non hanno risparmiato neanche una casa dell'Isola di Mango, a Tonga
MONDO
1 gior
I "dimenticati" del vaccino. Lì dove la dose è un miraggio
Nei paesi poveri solo il 9,5% delle persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid.
MONDO
1 gior
«Fate copia incolla», "nuova" regola e vecchia bufala
L'aggiornamento delle normative di Facebook ha riportato in vita il post. Ne parliamo con l'esperto Alessandro Trivilini
MONDO
1 gior
La massa di plastica ora è più pesante di tutti i mammiferi viventi
Una delle ricercatrici che ha contribuito a un nuovo studio ha dichiarato che «siamo nei guai, ma si può intervenire»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile