TiPress - foto d'archivio
GAMBAROGNO
13.08.19 - 10:270
Aggiornamento : 12:19

Cleto Ferrari non l’ha presa bene

Il consigliere comunale non ha apprezzato la nota pubblica del Municipio nei confronti dei suoi atti che hanno come oggetto il nuovo Lido di Gerra. «Volete screditarmi»

GAMBAROGNO - Il Lido di Gerra Gambarogno continua a far parlare di sé. Non tanto, però, per la demolizione della casa storica in favore di «un edificio insipido», ma per il botta e risposta tra Cleto Ferrari e il Municipio. 

Dopo gli atti parlamentari presentati dal consigliere comunale, infatti, l’Esecutivo cittadino ha deciso di rispondere pubblicamente a Ferrari, accusandolo di «voler strapazzare gli strumenti democratici, senza alcuna onestà intellettuale, creando volutamente confusione e cattiva informazione», non facendo «gli interessi dei cittadini».

Una presa di posizione che non è piaciuta al consigliere comunale, che accusa il Municipio di volere «screditare la sua persona e il suo ruolo», di essere «infastidito» dalle sue domande». «Risparmierei volentieri il mio tempo per dedicarlo ai miei hobby - scrive - ma ho anche delle responsabilità nei confronti dei cittadini».

Ferrari coglie l’occasione per domandare che a lui e ai suoi colleghi vengano consegnati alcuni documenti ufficiali relativi al nuovo Lido. In particolare parla di «un municipale e ministro del turismo che il 3 agosto ha organizzato una festa privata sul terreno pubblico». E punta l’attenzione sulla società che ha preparato la cena: «Da uccellini mi è arrivato all’orecchio che quella società ha in mano un contratto firmato da voi con cui in futuro sarà ospitata nello stabile nuovo di zecca e con possibilità di fruire anche dello spazio pubblico e dei servizi in uno dei luoghi più pregiati del Ticino, per un affitto che supera di poco i 300 franchi al mese. Sì, trecento non tremila».

Ferrari punta ancora il dito contro il Municipio in merito alle delibere concesse alle ditte che si occuperanno dei lavori del futuro porto: «Un uccellino mi ha segnalato che avete proceduto ad una importante delibera ad una ditta fuori confine contraddicendo quanto avevate assicurato nella campagna sulla votazione sul porto comunale di venti milioni».

Commenti
 
vulpus 5 mesi fa su tio
Miopia politica da parte delle autorità che non sanno valutare i bisogni di un comune? Dai toni si direbbe che ci sono delle ruggini tra i contendenti, e i cittadini pagano per opere indesiderate , che almeno dalle foto ricostruite sembrano un pugno al villaggio. Ma non c'era un architetto a cui affidare uno studio più serio e aderente alla realtà?AH questi comuni che vogliono far lavorare i loro UT ,per risparmiare!
marco17 5 mesi fa su tio
Gente come Ferrari che fa politica a colpi di chiacchiere da bar, sentito dire e illazioni varie, disgusta i cittadini dalla cosa pubblica. Purtroppo ci sono anche persone che votano personaggi simili, in Ticino e altrove.
dino 5 mesi fa su tio
@marco17 Chiaro da che parte stai, ma ovvio che la storia puzza, no? Se quello che afferma Cleto è vero, allora sì che puzza!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
PONTE TRESA
3 ore
Scontro al passaggio a livello: traffico in tilt
Un tamponamento è avvenuto questa sera sulla cantonale verso Ponte Tresa, presso i binari dell'FLP
ISONE
7 ore
«Tutto liscio» al carnevale, per ora
Dal "Carnevaa di Locc" un bilancio positivo. «Le regole di sicurezza hanno funzionato»
FOTO
BELLINZONA
10 ore
La Città dei mestieri è infine realtà
La struttura di Viale Stazione è stata inaugurata oggi. L'apertura ufficiale è attesa per lunedì
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
15 ore
Le fiamme distruggono il tetto di una casa a Cugnasco
L'incendio è divampato questa notte in via Vaslina. Nessuno è rimasto ferito
ASCONA
1 gior
Raccogliere la plastica? «Non ne vale la pena (per ora)»
Il Municipio di Ascona risponde al malcontento dei cittadini per la mancata organizzazione del servizio
ISONE
1 gior
L’incendio sul Monte Tiglio causato da un’esercitazione militare?
Un caso analogo si sarebbe già verificato nel 1994, come ricorda un testimone
CANTONE
1 gior
Coronavirus, in Ticino siamo pronti?
Il medico cantonale Giorgio Merlani incontra gli enti d'intervento per elaborare un protocollo. «Niente panico»
FOTO
BELLINZONA
1 gior
La Birreria Bavarese cambia, ma non muore
Dopo quarant'anni la famiglia Lazzarotto-Romano ha deciso di lasciare lo storico locale di Viale Stazione. Già trovato chi subentrerà
BELLINZONA
1 gior
Bus fermato sull'A2, dentro c'erano 40 piccioni vivi
Il controllo è stato effettuato ieri nell'area di sosta di Bellinzona. I volatili erano destinati a una gara
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile