TiPress
CANTONE
23.02.17 - 14:280
Aggiornamento : 15:28

Dolce morte in Ticino: «Chi c’è dietro?»

Raoul Ghisletta chiede al Consiglio di Stato di quantificare e localizzare le strutture presenti sul territorio cantonale. Anche Fonio e Dadò tornano sul tema: «Urge chiarezza»

BELLINZONA - A quasi un anno di distanza dall’interrogazione riguardante «l’incredibile Galassia Gasperini», Raoul Ghisletta rinnova le proprie richieste al Consiglio di Stato, invitandolo a «regolamentare» l’attività della cosiddetta “dolce morte” in Ticino, che nel prossimo futuro accoglierà due nuove strutture di questa tipologia a Chiasso.

Riferendosi direttamente a questi due nuovi soggetti, il deputato socialista chiede al Governo ticinese di identificare le figure che operano dietro a queste strutture e di quantificare, e localizzare, le «attività di dolce morte» presenti sul territorio cantonale.

Nelle sue precedenti domande al Consiglio di Stato, presentate l'11 marzo del 2016, Ghisletta aveva chiesto, oltre ai chiarimenti relativi alle qualifiche degli infermieri Gasperini e Chiodi per il settore sociosanitario, se il Cantone esercitasse o meno una sorveglianza sulle sopracitate persone giuridiche a tutela delle persone invalide, anziane e ammalate.

«Urge chiarezza!» - Anche i deputati Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò, ricordando la segnalazione di alcuni cittadini a proposito di un caso di “dolce morte” praticato la scorsa settimana, presumibilmente «ad opera della stessa signora Gasperini senza alcun preavviso», si sono rivolti al Consiglio di Stato chiedendo «chiarezza» in merito al numero di suicidi assistiti ad opera della stessa infermiera, o dell’associazione di cui è presidente, in seguito al diniego della licenza.

Inoltre, i deputati PPD chiedono al Governo se ritiene che quello in atto, considerato l’aumento del numero dei suicidi assistiti, possa essere identificato come un vero e proprio «turismo della morte».

TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Neve: meno del previsto in Ticino, ma oltre Gottardo...
Paesaggi invernali nel Grigioni e nel Vallese
COLDRERIO
4 ore
Ferite troppo gravi, lo scooterista non ce l'ha fatta
Il 43enne, vittima dell'incidente avvenuto lo scorso 10 novembre in via San Gottardo, è deceduto in ospedale
LUGANO
4 ore
In manette un membro della "gang" di Youtube
Si esibiva con una pistola in un discusso video trap. È stato arrestato in un'inchiesta su armi e droga. Denunciato anche un secondo ragazzo
LUGANO
6 ore
Il PLRT fa i conti in tasca a Lorenzo Quadri: «Guadagna 200.000 franchi all’anno»
Il duro attacco del PLRT contro il direttore del Mattino: «Ha un interesse personale nel continuare con la sua verità perchè vive di politica e quindi difende la sua pagnotta»
FOTO E VIDEO
CANTONE
6 ore
Oggi una parte del Ticino appare così
La coltre bianca è scesa fino al fondovalle nella notte, imbiancando soprattutto alcune zone del Sopraceneri
LUGANO
8 ore
Tassa rifiuti indigesta per esercenti e albergatori: ci opporremo
GastroLugano contesterà i 12 franchi per posto a sedere fissati per la tassa base: «Non c’è equità con le altre attività commerciali». E Guido Sassi si scatena: «Passato il limite, siamo stufi»
BELLINZONA
17 ore
La targa è sbiadita? «Uso lo smalto da unghie»
Circolare con lo stemma ticinese "sbiancato" è passibile di multa. E c'è chi ricorre a stratagemmi fai-da-te
VIDEO
LUGANO
19 ore
Manor accende il Natale
Luci e suoni in una Piazza Dante gremita per quella che è diventata una tradizione natalizia a tutti gli effetti
CANTONE
20 ore
Fino a quindici anni di carcere per gli abusi sui figli
La sentenza è stata comunicata poco fa dalla Corte delle Criminali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta: «Fatti di una gravità mostruosa»
FOTO
LOCARNO
21 ore
Si immette sulla strada ma non si accorge del bus
L'incidente è avvenuto all'intersezione fra via in Selva e via Franzoni, a Locarno. Leggermente ferito il conducente dell'auto
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile