Deposit (immagine illustrativa)
CANTONE
30.09.20 - 18:320
Aggiornamento : 22:28

«Suo marito ha agito con egoismo»

La difesa in cerca dei motivi che hanno portato alla chiamata in correità della 41enne russa.

Si concluderà domattina il processo in Appello per il delitto di Monte Carasso.

BELLINZONA - Lei era arrivata in Svizzera dalla Russia, dopo che aveva conosciuto lui sul web. La sua speranza era di stare con un uomo che si prendesse cura di lei. Ma per la cittadina russa di 41 anni considerata come la mente del delitto di Monte Carasso del 19 luglio 2016, le cose non sono andate come previsto.

Oggi davanti alla Corte di Appello presieduta dal giudice Giovanna Roggero-Will, ha preso la parola la difesa, rappresentata dagli avvocati Yasar Ravi e Luisa Polli. Un’arringa difensiva, la loro, che punta all’assoluzione della donna: «Lei aveva saputo di quanto commesso dal marito (che aveva ucciso la ex moglie, ndr), ma questo non significa che lo aveva voluto».

La parte debole della coppia - La donna aveva lasciato tutto e dalla Russia era partita con le due figlie. E qui si era trovata con un uomo in difficoltà economica, ha ricordato la difesa. Un uomo che doveva pagare tremila franchi al mese di alimenti. E che ha poi ucciso la ex moglie, inscenandone il suicidio. La 41enne era però la parte debole della coppia, perché dipendeva dall’uomo, ha spiegato Ravi.

Confessione per «egoismo» - Il fatto di sangue risale al 2016, ma l’uomo si è poi costituito nel maggio del 2018 (attualmente sta scontando sedici anni di carcere). Ma per quale motivo si è consegnato alla polizia? «Lo aveva fatto per motivi egoistici» ha osservato l’avvocato Yasar Ravi.

Due mesi prima si era confessato con un sacerdote, che l’aveva spinto ad andare dalle autorità. «Ma poi aveva detto di essere in collera col prete, perché costituendosi non si sentiva meglio: questo dimostrerebbe il suo egoismo, che non si concilia con l’affermazione secondo cui era giusto costituirsi nel rispetto dei figli». Da parte sua, a mente della difesa, non c’era rimorso.

L’arringa difensiva si concluderà domattina. Mentre la decisione della Corte di Appello è poi attesa nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
MASSAGNO
3 ore
Una quarantena che fa viaggiare con la fantasia
Noemi è una bambina di nove anni che ci racconta i suoi dieci giorni chiusa in casa: «Disegno per realizzare un libro»
CHIASSO
7 ore
Casa Soave, nove anziani positivi al coronavirus
Tutti quanti si trovano in isolamento nelle loro stanze.
AIROLO
9 ore
«Pronti a sciare da fine novembre»
La stagione bianca che verrà vista da Mauro Pini, direttore degli impianti di Airolo-Pesciüm
CHIASSO
10 ore
Delitto di via Valdani, padre e figlio rinviati a giudizio
Dovranno rispondere di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, e aggressione.
CANTONE
10 ore
«C'è preoccupazione per la durata della seconda ondata»
Da Bellinzona il DSS fa il punto della situazione e spiega gli adattamenti decisi per il prossimo futuro.
BELLINZONA
12 ore
«La polizia interferisce in modo sproporzionato e antidemocratico»
L’accusa arriva da ForumAlternativo, che pubblica su YouTube quanto accaduto martedì mattina
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
Contagi e frontalieri: «È ora di limitare gli spostamenti?»
Piero Marchesi interroga le Camere federali sulla situazione ticinese
CANOBBIO
15 ore
Quattro classi in quarantena: «Ci vogliono misure urgenti»
I genitori degli allievi che frequentano le Medie di Canobbio sono preoccupati. E scrivono al Governo ticinese
CANTONE
16 ore
Secondo giorno sopra i 300 contagi, 5 nuove vittime
Sono 6'910 le persone risultate positive al test PCR da inizio pandemia. 361 i decessi
CANTONE
17 ore
A ridosso delle vacanze... altre tre classi in quarantena
La misura è stata adottata per allievi di tre diversi istituti scolastici ticinesi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile