Immobili
Veicoli
Deposit (immagine illustrativa)
CANTONE
30.09.20 - 18:320
Aggiornamento : 22:28

«Suo marito ha agito con egoismo»

La difesa in cerca dei motivi che hanno portato alla chiamata in correità della 41enne russa.

Si concluderà domattina il processo in Appello per il delitto di Monte Carasso.

BELLINZONA - Lei era arrivata in Svizzera dalla Russia, dopo che aveva conosciuto lui sul web. La sua speranza era di stare con un uomo che si prendesse cura di lei. Ma per la cittadina russa di 41 anni considerata come la mente del delitto di Monte Carasso del 19 luglio 2016, le cose non sono andate come previsto.

Oggi davanti alla Corte di Appello presieduta dal giudice Giovanna Roggero-Will, ha preso la parola la difesa, rappresentata dagli avvocati Yasar Ravi e Luisa Polli. Un’arringa difensiva, la loro, che punta all’assoluzione della donna: «Lei aveva saputo di quanto commesso dal marito (che aveva ucciso la ex moglie, ndr), ma questo non significa che lo aveva voluto».

La parte debole della coppia - La donna aveva lasciato tutto e dalla Russia era partita con le due figlie. E qui si era trovata con un uomo in difficoltà economica, ha ricordato la difesa. Un uomo che doveva pagare tremila franchi al mese di alimenti. E che ha poi ucciso la ex moglie, inscenandone il suicidio. La 41enne era però la parte debole della coppia, perché dipendeva dall’uomo, ha spiegato Ravi.

Confessione per «egoismo» - Il fatto di sangue risale al 2016, ma l’uomo si è poi costituito nel maggio del 2018 (attualmente sta scontando sedici anni di carcere). Ma per quale motivo si è consegnato alla polizia? «Lo aveva fatto per motivi egoistici» ha osservato l’avvocato Yasar Ravi.

Due mesi prima si era confessato con un sacerdote, che l’aveva spinto ad andare dalle autorità. «Ma poi aveva detto di essere in collera col prete, perché costituendosi non si sentiva meglio: questo dimostrerebbe il suo egoismo, che non si concilia con l’affermazione secondo cui era giusto costituirsi nel rispetto dei figli». Da parte sua, a mente della difesa, non c’era rimorso.

L’arringa difensiva si concluderà domattina. Mentre la decisione della Corte di Appello è poi attesa nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LOCARNO
13 ore
Lo street food ha conquistato Locarno
Tanto caldo e tanto movimento al Festival del cibo di strada.
FOTO
GAMBAROGNO
19 ore
Muore nelle acque del Verbano
Dramma stamattina nei pressi del Lido di San Nazzaro.
CANTONE
22 ore
Ti mostro il Ticino. Nasce un nuovo lavoro: la visita guidata
Portare in giro gruppi di turisti alla scoperta del Ticino. Ora lo si fa con una formazione specializzata.
CHIASSO
1 gior
Chiasso, investito un ragazzino
L'incidente si è verificato in via Comacini
CONFINE
1 gior
Como, «un carro attrezzi dedicato agli amici svizzeri»
Dopo l'ennesimo caso di sosta selvaggia in città, la promessa del candidato sindaco Alessandro Rapinese
CANTONE
1 gior
«Caldo, sì, ma non proprio tropicale»
Le velature del cielo, causate dalle polveri sahariane, hanno impedito che si raggiungessero i valori da primato
CANTONE
1 gior
Le donne di Unia preparano un nuovo grande sciopero
Mobilitazione il prossimo 14 giugno, ma nel 2023 si scriverà «una nuova pagina della storia delle lotte femministe»
LOSTALLO (GR)
1 gior
Si ferma in autostrada, tamponamento sull'A13
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio all'altezza dello svincolo di Lostallo. Due persone in ospedale
BELLINZONA
1 gior
Travolge la moto nella notte e si dà alla fuga, la polizia cerca testimoni
Un 68enne è rimasto vittima di un pirata della strada venerdì notte a Monte Carasso, a investirlo un'auto scura
LUGANO
2 gior
Applausi e risate per il viaggio nel tempo dei Legnanesi
È andato in scena al Lac ieri sera "Non ci resta che ridere". Due ore di piacevole leggerezza
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile