tipress
CANTONE
29.09.20 - 12:110
Aggiornamento : 16:17

«In Russia troveremmo un sicario»

Nel processo bis per il delitto di Monte Carasso è in corso la requisitoria dell’accusa

La procuratrice Borelli ricorda che il marito dell’imputata era pronto a tutto per lei. Lei l’avrebbe quindi spinto a togliere la vita alla ex moglie

BELLINZONA - «È una donna che mirava a un matrimonio d’interesse. Una donna che aspirava a uomini ricchi». È così che la procuratrice pubblica Chiara Borelli descrive la 41enne russa a processo in Appello per il delitto di Monte Carasso del luglio 2016. Un delitto in cui il marito ticinese dell’imputata (che attualmente sta scontando una pena detentiva di sedici anni) era stato spinto a togliere la vita della ex moglie. Per motivi economici, secondo l’accusa: i soldi non bastavano più, a causa degli alimenti che l’uomo doveva versare.

Lei era arrivata dalla Russia, dopo che aveva conosciuto il consorte svizzero online. «Nell’ottobre del 2014 - ricorda Borelli nella requisitoria - nasceva una coppia che ha poi centrato il proprio quotidiano e il proprio futuro sulla vacuità: lui sulla bellezza e sulla giovinezza di lei, lei sulla ricerca del piacere». Tali considerazioni della procuratrice si basano in particolare sugli estratti bancari del marito ticinese che mostrano spese per migliaia di franchi in pochi giorni. Spese che hanno portato a difficoltà finanziarie, ma non a rinunce da parte della donna. «Non poteva rinunciare a quanto aveva sognato lasciando la Russia».

Per l’imputata - come sottolinea ancora l’accusa - il ticinese «era lo strumento ideale per raggiungere i suoi desideri, era la via per ottenere il permesso che l’avrebbe quindi portata ad altri uomini». E lui era pronto a tutto per lei, a soddisfare ogni suoi desiderio: «Una volta ottenuto il matrimonio, inizia a martellarlo sulle finanze». Lui era allora sotto pressione: comincia a vendere mobili e altri oggetti, a non mangiare sul lavoro, ad aumentare i turni…  Finché nel giugno del 2016 - un mese prima del delitto - si sentiva «totalmente schiacciato», come ha spiegato in un interrogatorio. «Cosa devo fare ancora?» chiedeva in un messaggio mandato quello stesso mese alla consorte arrivata dalla Russia. La risposta: «Se fossimo in Russia, troveremmo un sicario».

Il processo, in corso a Giubiasco davanti alla Corte di Appello presieduta dal giudice Giovanna Roggero-Will (giudici a latere sono Rosa Item e Chiarella Rei-Ferrari), è sospeso per la pausa pranzo. L’intervento della procuratrice pubblica Chiara Borelli riprenderà quindi alle 14.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MURALTO/ LUGANO
16 min
Bocche cucite sui test non fatti sul corpo della vittima
Processo per il delitto in hotel: il giudice Ermani aveva "bacchettato" il medico legale. Nessuno al momento replica.
LUGANO
1 ora
«Io non giocherò più al calcio, ma ti spacco la faccia»
Torna la violenza nel calcio regionale. Ma l'origine del male risale a tanti anni fa.
CANTONE
1 ora
Gli universitari ticinesi tornano in classe: «È come ricominciare da capo»
Dopo un anno di studio da casa, condito da noia e solitudine, tre studenti ci raccontano il loro ritorno in aula.
CANTONE
7 ore
Massimo Suter passa all'UDC
La conferma arriva da un post pubblicato sulla pagina Facebook della sezione ticinese del partito
CANTONE
12 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
12 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
14 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
18 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
20 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile