Tio/ 20Minuti
CANTONE
01.07.20 - 09:580
Aggiornamento : 10:54

Aveva in mente di "fare una strage": il suo processo parte con un colpo di scena

A maggio 2018 lo studente della Commercio era stato arrestato. Un dettaglio ha rischiato di farlo prosciogliere subito.

Al momento del fermo, era stato firmato un decreto di abbandono per il reato di minaccia. Su questo "ha giocato" l'avvocato difensore Luigi Mattei. Ma dopo la Camera di Consiglio si decide di proseguire.

LUGANO - A maggio 2018 era finito in manette dopo essere stato sospettato di "meditare una strage" alla Scuola cantonale di commercio di Bellinzona. Il giovane, classe 1998, da oggi si trova davanti alla Corte delle assise criminali di Lugano, presieduta dal giudice Mauro Ermani. Ma il processo inizia con un colpo di scena. L'avvocato della difesa Luigi Mattei, infatti, gioca una carta imprevista. Al momento della formulazione dell'atto d'accusa, infatti, era stato firmato dall'ex procuratore pubblico Antonio Perugini un decreto di abbandono per il reato di minaccia. Questo, in linea teorica, potrebbe portare alla sospensione del dibattimento o addirittura al proscioglimento del giovane. 

Il blocco dopo pochi minuti – Pronti via. E il processo di Lugano, che si svolge eccezionalmente al Palazzo dei Congressi con tanto di rigide procedure anti Covid-19, è già fermo. Tutti in Camera di Consiglio. Si deve decidere cosa fare e come porsi sulla questione sollevata da Mattei. Lo stesso avvocato, comunque, dichiara: «Noi vogliamo che il processo si faccia. Anche il mio giovane assistito lo vuole, ne ha bisogno per il suo percorso. Però devono essere cambiate determinate condizioni».

Il precedente – Da una parte un atto d'accusa formulato in maniera completa, con tanto di rinvio a giudizio. Dall'altra, però, un decreto d'abbandono che, a causa di una sentenza del Tribunale Federale risalente a un paio di anni fa, rischia di fare vacillare tutto il resto. La vicenda ricorda quanto accaduto recentemente al processo sul caso Consonni, legato a una questione di taglieggiamenti delle buste paga degli operai. Anche in quell'occasione, con casualmente sempre Mauro Ermani a fare da giudice, gli accusati vennero prosciolti a causa di un decreto d'abbandono "galeotto".

Due atti non compatibili – La Corte dovrà valutare se applicare il principio "ne bis in idem" (termine giuridico che significa: "non si può essere giudicati due volte per lo stesso fatto"). Due atti d'accusa diversi che possono fare riferimento agli stessi fatti non sono compatibili. Se in merito a uno dei due, viene firmato il decreto d'abbandono, vengono rimessi in discussione i capi anche del secondo. Inizialmente Perugini aveva fatto riferimento "solo" a minacce. L'intenzione, dopo il decreto d'abbandono del primo atto, era quella di rincarare la dose con un secondo atto d'accusa. Da qui nasce il "pasticcio". 

Si va avanti – Sono le 10.30. Dopo la Camera di Consiglio, il giudice Mauro Ermani comunica che si va avanti. Contestualizzando i motivi che avevano portato al decreto d'abbandono del primo atto di accusa. «Una compagna di scuola dell'accusato temeva che il giovane si suicidasse. Si era rivolta ai docenti. Che poi avevano parlato con la polizia. Il Ministero pubblico doveva prendere un provvedimento coercitivo. Erano state trovate delle armi. Serviva un pretesto per agire. Nessuno ipotizzava in quel momento che potessero esserci retroscena ben più gravi. Ecco perché è stato usato il termine di "minacce" in un primo tempo. Sarebbe assurdo abbandonare il dibattimento per una questione del genere». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
11 min
La ristorazione torna a chiedere più indennizzi
«Non sono più sufficienti per salvare imprenditori, aziende, posti di lavoro e il futuro di centinaia di famiglie»
CANTONE
12 min
Un altro decesso, i casi sono 62
Nelle ultime 24 ore dieci persone sono state ricoverate in ospedale, mentre otto lo hanno abbandonato.
CANTONE
16 min
Un weekend sopra i 20 gradi (prima della pioggia)
Il primo fine settimana con le terrazze aperte sarà caldo e soleggiato
CANTONE / CONFINE
3 ore
In dogana: «Ho 40'000 euro». Ma ne aveva il doppio
L'imprenditore svizzero è stato fermato al valico di Chiasso-Brogeda nelle scorse ore
CANTONE
4 ore
La selvaggina azzannata dai cani
È successo pochi giorni fa nel Sopraceneri. Ma accade «ancora troppo spesso»
AGNO
4 ore
«Ho scoperto la bellezza della vita dietro a un grande dolore»
Una donna che perde il padre di 57 anni, nonno del suo unico figlio.
CANTONE
4 ore
«Ho due avversari: malattia rara e cassa malati»
Il caso di Alessandra scoperchia il problema delle terapie che possono dare un sollievo, ma non sono rimborsate
LUGANO
15 ore
A "villa Lombardi" c'era un po' di gente
Più di 15 invitati alla festa per l'elezione del neo-municipale PPD a Lugano. È stato un assembramento?
LUGANO
16 ore
Un insediamento diverso per il Municipio
I sette municipali di Lugano hanno giurato fedeltà alla Costituzione e alle Leggi in diretta streaming.
VERNATE
17 ore
Il nuovo Municipio giura e pure Cossi giura... vendetta
L'ex sindaco si dice pronto a battagliare con una nuova lista, il "Partito del Fare e delle Donne": «Faremo 5 su 5»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile