TIPRESS
BELLINZONA
10.05.18 - 19:060
Aggiornamento : 11.05.18 - 11:56

«Uno studente brillante, ma dava segnali preoccupanti»

Nuovi dettagli sulla sventata strage in un istituto superiore della Capitale. Il ministro Bertoli: «Segnalato dai docenti»

1 anno fa Preparava una strage a scuola, arrestato un 19enne

BELLINZONA - Un ragazzo «brillante» dal punto di vista del rendimento scolastico. Ma con «una situazione personale difficile». Nuovi dettagli sulla sventata strage scolastica, che un 19enne stava preparando - a quanto si è appreso oggi - in un istituto superiore di Bellinzona (la Scuola cantonale di Commercio). 

La polizia è intervenuta oggi a casa del giovane, scoprendo diverse armi da fuoco e degli indizi concreti di un piano omicida. Il 19enne - secondo quanto ricostruito - stava preparando una strage e aveva intenzione di colpire compagni di classe e personale scolastico, stando alle informazioni raccolte. 

Non minacce vane, dunque. Anzi: a quanto si apprende, il giovane avrebbe tenuto nascosto il proprio progetto. Ma i docenti della scuola avrebbero colto alcuni segnali «preoccupanti» nel comportamento del giovane, e li hanno segnalati alla polizia. «La scuola è stata molto brava nel capire gli indizi e la situazione personale difficile del giovane che, dal punto di vista scolastico, è uno studente brillante» commenta il direttore del Decs Manuele Bertoli.

«Il personale scolastico si è dimostrato capace di essere vicino alle situazioni difficili, andando oltre il rendimento e gli aspetti formali, e cogliendo i segnali del disagio» aggiunge il ministro. «È la prova che la buona scuola, capace di assolvere in pieno al proprio ruolo, può contrastare anche pericoli che siamo abituati a pensare lontani da noi». Pericoli che, in realtà, sono dietro l'angolo.  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
41 min
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
1 ora
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
LOCARNO
3 ore
Un’immobiliare contro il venditore ambulante: «Chiamate la polizia»
La Assofide Sa mette in guardia gli inquilini: «Non l'abbiamo mandato noi e neppure il Cantone». Lui si difende: «Diffamazione e violazione della privacy»
TICINO / VENEZUELA
6 ore
Un prete rivoluzionario, da Curio al Venezuela
Don Angelo Treccani fa il missionario in un paese allo sbando: serve più di mille pasti al giorno ai bisognosi, grazie alla generosità ticinese
VIDEO
CANTONE
7 ore
L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»
Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».
FOTO
BELLINZONA
8 ore
Col furgoncino vola nel riale
Sul posto Polizia e Pompieri, oltre alla Scientifica. Non sono note le condizioni del conducente
CANTONE
19 ore
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
20 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
LUGANO
23 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
COMANO
1 gior
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile