Tipress
LUGANO
20.06.21 - 11:550

Inchiesta ex Macello: i municipali saranno interrogati martedì

Entrano nel vivo le verifiche ordinate dal Ministero pubblico rispetto alla procedura di demolizione dello stabile.

Le ipotesi di reato, avanzate contro ignoti, riguardano la violazione delle leggi sull'edilizia e sulla protezione ambientale. Al vaglio anche l'abuso di autorità.

LUGANO - Solo macerie. È quanto resta del centro autogestito ex Macello dopo la demolizione avvenuta nella notte tra il 29 e il 30 maggio scorso per ordine di Polizia e Municipio. Ma, dopo l’apertura di un’inchiesta penale volta a chiarire le violazioni legali verificatisi, molti interrogativi potrebbero ricevere risposta. E i primi elementi potrebbero emergere molto presto, già questo martedì 22 giugno. 

Alla ricerca della verità - Sì, perché secondo il domenicale il Caffè, a partire dalle 9.15 del mattino tutti i municipali della Città di Lugano saranno interrogati sui fatti avvenuti, separatamente ma in contemporanea, per evitare contatti tra loro. 

Tre le possibili infrazioni - Queste le imputazioni, per ora contro ignoti, avanzate nel quadro del procedimento penale: violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell’arte edilizia e infrazione alla legge federale sulla protezione dell’ambiente. Sono inoltre stati predisposti approfondimenti per un'eventuale estensione del procedimento al reato di abuso di autorità. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile