Ti Press
CANTONE / CONFINE
09.12.20 - 16:250
Aggiornamento : 16:43

Treni fra Svizzera e Italia, soluzione in vista

Sarebbero state definite le misure per permettere a frontalieri (ma non solo) di attraversare il confine su rotaia.

In precedenza i sindaci di Lugano, Varese e Como avevano lanciato un appello alle istituzioni.

LUGANO - Sarebbe stato raggiunto un accordo per scongiurare il blocco dei collegamenti ferroviari fra Svizzera e Italia. Come anticipa il portale varesenews, dopo un confronto telefonico tra il ministro dei Trasporti italiano Paola De Micheli e la consigliera federale Simonetta Sommaruga, sarebbero state definite le misure che permetteranno di non interrompere il servizio transfrontaliero.

«Si tratta di un decreto interministeriale tra i ministeri della salute, infrastrutture e interno per garantire i treni almeno per i frontalieri e chi si sposta per lavoro», ha spiegato il senatore Alessandro Alfieri. Stando alle prime informazioni, per i frontalieri basterebbe esibire il permesso di lavoro, per i lavoratori autonomi sarà necessaria l’autocertificazione, mentre chi si sposta per altri motivi dovrà essere munito dell'esito negativo del tampone.

Per quanto riguarda i ticinesi o gli italiani residenti in Svizzera che volessero andare in Italia in treno, al momento nulla è trapelato. 

Sindaci in videochiamata - In precedenza i Sindaci di Lugano (Marco Borradori), Varese (Davide Galimberti) e Como (Mario Landriscina) si erano riuniti in videochiamata per condividere le preoccupazioni sulla sospensione dei collegamenti ferroviari fra Italia e Svizzera. E lanciare un appello comune alle istituzioni italiane e svizzere: «Non blocchiamo la circolazione dei treni tra i due Stati».

La decisione avrebbe infatti serie ripercussioni sul traffico e sulla qualità di vita nei rispettivi territori, già interessati dalla crisi determinata dalla pandemia. «La soppressione dei treni tra Svizzera e Italia è una scelta errata e vogliamo lanciare un appello affinché venga trovata al più presto una soluzione condivisa», hanno affermato Borradori, Landriscina e Galimberti.

Oltre all'impatto sulla qualità di vita, il blocco della circolazione dei treni avrebbe infatti effetti negativi sull'economia. «Disporre di un sistema di trasporto su rotaia a pieno regime significa agevolare le migliaia di persone che ogni giorno si spostano fra i due Stati per motivi di lavoro, oltre a garantire una maggiore sicurezza per fronteggiare l'emergenza sanitaria», viene sottolineato in una nota congiunta.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
CHIASSO
4 min
Anziano leggermente intossicato dal fumo a Chiasso
L'incendio, divampato questa mattina in una casa di via Soldini, è stato domato dai pompieri.
CANTONE
16 min
In Ticino altri tre casi e zero decessi
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da due settimane.
FOTO E VIDEO
CANTONE
43 min
I centauri ticinesi ricordano Jason Dupasquier
L'Associazione Motociclisti Ticinesi ha voluto realizzare un piccolo gesto simbolico in memoria del giovane pilota.
CANTONE
2 ore
Quei falsi profili di Rapelli che sono spuntati su Facebook
La ditta ticinese lancia l'allarme ai propri clienti: «Non siamo noi. Non partecipate al concorso».
LOCARNO
17 ore
Strano funerale in Piazza Grande
Una bara, un prete e persone in lutto al seguito. Il mini corteo non è passato inosservato. Chi è morto?
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
18 ore
Si scontra con un'auto, ferito uno scooterista
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio sulla strada cantonale di Riazzino.
CANTONE
20 ore
Battezzato il nuovo Giruno Ticino
L'evento si è svolto questa mattina alla presenza delle autorità cantonali, tra cui Claudio Zali e Nicola Pini.
CANTONE
1 gior
Philipp Plein doppiamente nei guai
L'ispettorato del lavoro e una società italiana hanno presentato due denunce penali al Ministero pubblico
CANTONE
1 gior
Un altro giorno senza decessi, i casi sono tre
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da ormai due settimane.
CANTONE
1 gior
«Il certificato Covid non deve diventare un mostro burocratico»
HotellerieSuisse accoglie con favore il ripristino della libertà di viaggiare.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile