Ti Press
CANTONE / CONFINE
09.12.20 - 16:250
Aggiornamento : 16:43

Treni fra Svizzera e Italia, soluzione in vista

Sarebbero state definite le misure per permettere a frontalieri (ma non solo) di attraversare il confine su rotaia.

In precedenza i sindaci di Lugano, Varese e Como avevano lanciato un appello alle istituzioni.

LUGANO - Sarebbe stato raggiunto un accordo per scongiurare il blocco dei collegamenti ferroviari fra Svizzera e Italia. Come anticipa il portale varesenews, dopo un confronto telefonico tra il ministro dei Trasporti italiano Paola De Micheli e la consigliera federale Simonetta Sommaruga, sarebbero state definite le misure che permetteranno di non interrompere il servizio transfrontaliero.

«Si tratta di un decreto interministeriale tra i ministeri della salute, infrastrutture e interno per garantire i treni almeno per i frontalieri e chi si sposta per lavoro», ha spiegato il senatore Alessandro Alfieri. Stando alle prime informazioni, per i frontalieri basterebbe esibire il permesso di lavoro, per i lavoratori autonomi sarà necessaria l’autocertificazione, mentre chi si sposta per altri motivi dovrà essere munito dell'esito negativo del tampone.

Per quanto riguarda i ticinesi o gli italiani residenti in Svizzera che volessero andare in Italia in treno, al momento nulla è trapelato. 

Sindaci in videochiamata - In precedenza i Sindaci di Lugano (Marco Borradori), Varese (Davide Galimberti) e Como (Mario Landriscina) si erano riuniti in videochiamata per condividere le preoccupazioni sulla sospensione dei collegamenti ferroviari fra Italia e Svizzera. E lanciare un appello comune alle istituzioni italiane e svizzere: «Non blocchiamo la circolazione dei treni tra i due Stati».

La decisione avrebbe infatti serie ripercussioni sul traffico e sulla qualità di vita nei rispettivi territori, già interessati dalla crisi determinata dalla pandemia. «La soppressione dei treni tra Svizzera e Italia è una scelta errata e vogliamo lanciare un appello affinché venga trovata al più presto una soluzione condivisa», hanno affermato Borradori, Landriscina e Galimberti.

Oltre all'impatto sulla qualità di vita, il blocco della circolazione dei treni avrebbe infatti effetti negativi sull'economia. «Disporre di un sistema di trasporto su rotaia a pieno regime significa agevolare le migliaia di persone che ogni giorno si spostano fra i due Stati per motivi di lavoro, oltre a garantire una maggiore sicurezza per fronteggiare l'emergenza sanitaria», viene sottolineato in una nota congiunta.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO
LOCARNO
28 min
Ghiaccio e igloo in Piazza Grande
Dopo la pausa forzata dello scorso anno, torna Locarno on Ice. L'evento è in programma fino al prossimo 9 gennaio
CONFINE
58 min
Covid, più controlli tra Svizzera e Piemonte
Il Verbano Cusio Ossola aumenta la sorveglianza sul confine, con l'introduzione del super Green Pass
RIVERA
1 ora
La Lega si riorganizza, ma c'è di mezzo la variante
L'appuntamento doveva tenersi questa domenica al Centro istruzione della Protezione civile
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
3 ore
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
7 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
9 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
RIAZZINO
21 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
1 gior
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
1 gior
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
1 gior
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile